1700 Risorse digitali per l'Apprendimento

Essediquadro è un servizio per la documentazione e l'orientamento sul software didattico e altre risorse digitali per l'apprendimento.
E' stato realizzato dall'Istituto Tecnologie Didattiche del Consiglio Nazionale delle Ricerche, in collaborazione con MIUR e INDIRE.
Comprende una Banca Dati con oltre 1700 risorse digitali per l'apprendimento liberamente scaricabili o consultabili.
Possiede anche un sofisticato motore di ricerca per eseguire una veloce ricerca strutturata.


"Punto di non ritorno" documentario sul Riscaldamento Globale di Leonardo DiCaprio

Punto di non ritorno – Before the Flood - il documentario di Leonardo DiCaprio, girato in collaborazione con il National Geographic, sul riscaldamento globale e sui suoi effetti sulla Terra è disponibile gratuitamente.

Leonardo DiCaprio ha impiegato 3 anni, girando il mondo per capire e raccontare come il pianeta si stia riscaldando, quali sono le cause dei cambiamenti climatici e che cosa si può fare per arrestare questo processo.

Incontro con Piero Angela all'Università di Tor Vergata

14 settembre 2016, ore 10,00-12,00 – Auditorium E. Morricone (Macroarea Lettere e Filosofia)

Il 14 settembre 2016, dalle ore 10:00 alle 12:00, presso l’Auditorium "Ennio Morricone" della Macroarea di Lettere e Filosofia (via Columbia 1), Piero Angela risponderà alle domande degli studenti su “La sfida tecnologica nella società moderna”.
L’incontro, organizzato dai docenti del Corso di Laurea in Scienza dei Materiali dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, precede il conferimento della Laurea Honoris Causa in “Scienza e Tecnologia dei Materiali” che avverrà in autunno (data da definire).
Per partecipare all’incontro è necessario registrarsi al seguente indirizzo: https://rsvp.uniroma2.it
La procedura di registrazione sarà attiva fino ad esaurimento dei posti disponibili e comunque non oltre il termine del  9 settembre 2016.
Per maggiori informazioni sull’evento: https://www.facebook.com/materialsscience.uniroma2/

137 libri "Mille Lire" leggibili dal browser, Gratis

I mitici libri "Mille Lire" che hanno fatto la storia del Novecento, non solo editoriale ma anche culturale ed esistenziale. Destinati all’oblio per volontà suicida del regime distributivo, vengono restituiti ad una nuova ed ugualmente straordinaria vita e per sempre, 

Sono 137, leggibili direttamente dal browser in pdf senza bisogno di scaricare nulla sul PC o sul tablet. Buona estate e buona lettura.

1400 esercizi di Grammatica Italiana

Impariamoitaliano.com è un sito web aperto a tutti coloro che si interessano alla lingua italiana, che presenta una nutrita serie di esercizi online di grammatica italiana, lessico e modi di dire, oltre a risorse video ed audio e giochi per arricchire la conoscenza della lingua e la cultura italiana.

1300 ebook di Narrativa da leggere e scaricare, Gratis

Aiutamici.com è un sito che raccoglie ben 1300 titoli di narrativa leggibili direttamente sul nostro browser o scaricabili liberamente.
Con l'approssimarsi dei mesi estivi può essere un'ottima opportunità, per noi e per i nostri alunni, leggere o rileggere gratuitamente libri classici più o meno famosi.

Prima edizione del contest “Noi e gli Altri”, progetto under 30 fondato sulla cultura del dialogo

Racconti e reportage saranno ispirati ai valori di accoglienza e mobilità veicolati 
dall’Unione Europea

 Prima edizione del contest “Noi e gli Altri”, progetto under 30 fondato sulla cultura del dialogo
L’iniziativa viene promossa da Taobuk e Agenzia Nazionale per i Giovani in collaborazione con Università di Messina

Il programma è stato illustrato in conferenza stampa nell’aula del Senato accademico
Cercare e costruire il rapporto con l’interlocutore, rispettarne peculiarità e diversità. È in quest’ottica che Taobuk, ovvero il festival delle Belle Lettere di Taormina, e l’Agenzia Nazionale per i Giovani, in collaborazione con l’Università di Messina, hanno bandito la prima edizione del contest “Noi e gli Altri”.
 È rivolto ai giovani, nella fascia di età tra 18 e 30 anni, che abbiano fatto un’esperienza di mobilità in Europa nell’ambito del progetto Erasmus, oppure nel servizio volontario europeo, o in partenariati e altri programmi comunitari. Accoglienza e tolleranza sono infatti valori che rappresentano il fondamento dell’Unione Europea, una stella polare in tempi come quelli attuali, in cui il fenomeno dei migranti ha assunto proporzioni e aspetti drammatici.

Due le sezioni del contest: racconto breve e reportage giornalistico. I concorrenti dovranno ispirarsi al tema ed esplorare il concetto di alterità, visto come essenziale nella costruzione di una “cultura del dialogo” tra le civiltà, che privilegi il confronto anziché la conflittualità. Si profila una riflessione in linea con la filosofia che anima i progetti di mobilità europea patrocinati dall’Ang. Il contest si svilupperà del pari in piena aderenza al concept di Taobuk 2016, che sarà appunto dedicato a “Gli Altri”.
I particolari dell’iniziativa, dalle modalità di partecipazione al regolamento, sono stati illustrati oggi nell’aula del Senato accademico dell’Università di Messina. Alla conferenzastampa erano presenti il Rettore dell’Università di Messina Pietro Navarra, il direttore dell’Agenzia Nazionale per i Giovani Giacomo D’Arrigo e il presidente di Taobuk Antonella Ferrara.
Gli elaborati non dovranno superare le 5400 battute (spazi inclusi). Il materiale dovrà essere inviato all’indirizzo email: noieglialtri@taobuk.itentro e non oltre il 15 luglio 2016. 

Il contest “Noi e gli Altri” prevede un vincitore per sezione e dieci menzioni d’onore. I vincitori, dopo la selezione effettuata dalla giuria, saranno proclamati i primi giorni di agosto 2016 e saranno resi noti attraverso i canali ufficiali: social e sito del festival.
I due vincitori saranno ospitati a Taormina (vitto e alloggio) sabato 10 e domenica 11 settembre, per partecipare la prima sera all’inaugurazione della sesta edizione di Taobuk, quando sarà consegnata loro una targa, mentre l’indomani avranno la possibilità di partecipare al tradizionale appuntamento del festival con prestigiosi editori in campo nazionale ed internazionale.
Sarà allestito uno speaker corner. Il miglior racconto, il miglior reportage e le dieci menzioni verranno pubblicati sul sito www.taobuk.it in una sezione dedicata.
La sesta edizione di Taobuk-Taormina International Book Festival si svolgerà dal 10 al 16 settembre, proponendo un fitto calendario di incontri letterari, mostre ed eventi, che trasformeranno la Perla dello Jonio nel villaggio delle Belle Lettere.


Messina 20 maggio 2016                                                           

“Parla come badi”: scrivere per comunicare, comunicare per insegnare

Loescher Editore dedica ai linguaggi della comunicazione didattica il nuovo numero della rivista “La ricerca”

Torino, maggio 2016 – La scuola è in grado di rappresentare la realtà che la circonda? Come sono cambiati i linguaggi della comunicazione didattica negli ultimi anni? Questi i temi al centro dell’ultimo numero della rivista La ricerca” di Loescher Editore. Un numero che raccoglie i contributi di studiosi, ricercatori e docenti con l’obiettivo di analizzare il rapporto tra comunicazione e pratiche didattiche in una scuola che cambia – perché, come afferma Sandro Invidia, direttore editoriale di Loescher Editore: È cambiato il mondo, quello che sta dentro e fuori dalle aule”.

La rivista si apre con l’intervista a Dario Corno, docente di Tecniche di comunicazione e scrittura al Politecnico di Torino, e con il suo appello a riconoscere il valore educativo di ogni comunicazione e l’importanza, soprattutto in ambito educativo, della scrittura come fondamento della vita associata: “non si tratta di convincere, quanto di condividere aperture di conoscenza”; a Marco Guastavigna, responsabile del Laboratorio di tecnologie dell’informazione e della comunicazione nei percorsi di specializzazione sul sostegno a Torino, il compito di confutare l’idea che “semplificazione” sia sinonimo di “banalizzazione”, e che proporre testi disciplinari difficili sia inevitabile per abituare gli studenti alla complessità della conoscenza.

Mario Ambel, esperto di educazione linguistica, firma un’interessante riflessione sulla sopravvivenza delle Dieci tesi per l’educazione linguistica democratica a 40 anni dalla loro pubblicazione e sull’eredità di Don Milani, con un estratto da Lettera a una professoressa in cui gli allievi della Scuola di Barbiana descrivono la loro tecnica di scrittura. A chiusura della sezione Saperi: un excursus di Gino Roncaglia sulla storia del libro come strumento di apprendimento e sui suoi possibili sviluppi futuri, e quattro poesie di Valerio Magrelli, il poeta italiano che più di ogni altro è riuscito a rappresentare l’esperienza della scrittura e della lettura.
La comunicazione visiva è protagonista della sezione Dossier
A introdurre l’argomento, l’analisi che il direttore editoriale della rivista, Ubaldo Nicola, dedica alle opportunità e ai limiti della comunicazione per immagini nei libri di testo; a seguire, la traduzione di un articolo di Suzanne Stokes, docente della Troy State University in Idaho, sull’efficacia degli strumenti didattici non verbali, e di uno di Rosalee A. Clawson, della Purdue University in Indiana – uno studio sulle immagini che descrivono la condizione di indigenza nei manuali di economia più adottati nelle università americane. Chiude la sezione il confronto, tutto italiano, tra le immagini che corredano tre noti manuali scolastici di storia.
La sezione Scuola raccoglie i contributi di Lucia Lumbelli, una delle più autorevoli studiose del fenomeno della comprensione, su come sia possibile trasformare un difetto di scrittura in un’opportunità educativa; di Marco Gustavigna, sulle risorse digitali per la scrittura; di Cristina Nesi (e del progetto COMPÌTA), che analizza la pratica della brevitas ai tempi del tweet; e di Raffaella Bosso e Francesca Di Fenza, che raccontano il successo de “La pagina che non c’era”, concorso di scrittura creativa nato all’Istituto Pitagora di Pozzuoli, che ha dato vita alla creazione del festival “Scrittori tra I banchi”, e alla pubblicazione di un libro, Dalle pagine al quaderno. Cinque anni di pagina che non c’era” (2016). La chiusura della rivista è affidata alla consueta sensibilità di Giusi Marchetta e al suo “Se una fontana si ammala”, un ‘racconto di scuola’ che ci ricorda che “la prima cosa che dovremmo insegnare della poesia è il modo in cui anima il mondo attraverso le parole”.

E l’editoria italiana come sta reagendo alla rivoluzione della comunicazione didattica? Sandro Invidia, direttore editoriale della casa editrice torinese, non ha dubbi: “La scelta di Loescher è di creare testi scritti in modo chiaro, attenti ai bisogni dell'inclusione ma anche della valorizzazione delle eccellenze. Noi immaginiamo dei libri ‘cassetta-degli-attrezzi’ che non creino problemi di comprensione ai ragazzi; che alleggeriscano il lavoro dei docenti in classe e a casa; che lascino la libertà di scegliere il supporto preferito (la carta? il tablet? il computer?) e possano essere usati da tutti, quale che sia la provenienza geografica o il retroterra culturale”.
Il nuovo numero de “La ricerca" è online: http://www.laricerca.loescher.it/la_ricerca_10/


WeSchool: la piattaforma dedicata agli insegnanti per gestire le classi e i contenuti digitali

Weschool_IllustrationOilproject, la piattaforma per studiare e ripassare online, lanciaWeSchool.com. L’intenzione, dopo aver aiutato gli studenti con una delle iniziative di digital learning di maggior successo in Italia forte di seimila lezioni e 1,6 milioni di utenti al mese, è dare i superpoteri agli insegnanti.
Si tratta, fuori dall’entusiasmo, di uno strumento con cui i prof di tutta Europa potranno coinvolgere in profondità i propri studenti. Prima, durante e dopo le lezioni in aula. Con la condivisione dei contenuti, la collaborazione dei lavori di gruppo, gli esercizi e i giudizi in tempo reale.
Disponibile in inglese, spagnolo e ovviamente italiano, WeSchool è una piattaforma che mette insieme quanto c’è di più utile per l’educazione. Dai video di YouTube agli articoli delle testate giornalistiche, dai corsi d’inglese di Duolingo ai videoquiz passando per i libri di testo, i prodotti collaborativi di Google Docs, un lavoro di gruppo su Instagram e qualsiasi altro servizio disponibile su internet.
Senza saltare da un sito all’altro, tutto integrato in un’unica interfaccia d’insegnamento.
Con questo approccio aperto e inclusivo proviamo a fare il grande salto e sfidare i grandi player internazionali come Google Classroom, Apple iTunes U e Edmodo – spiega Marco De Rossi, fondatore di Oilproject e WeSchool – l’interfaccia è semplicissima, pensata anche per i prof meno smanettoni. I duemila studenti e docenti che l’hanno già sperimentata ci hanno dato ottimi riscontri”.wetop
Cosa si può fare con WeSchool? Gestire le attività della classe,creare esercizi e verifiche con nove tipi di formati diversi (dal memory al cruciverba passando per i video), tenere le fila del gruppo. Le scuole potranno acquistare questo tool con una licenza annuale. La tecnologia è dunque solo uno strumento per rendere il lavoro di insegnamento e apprendimento più efficace e interattivo.
we3Quando ero al liceo il prof capiva che qualcosa era andato storto solo quando, a distanza di settimane dalla spiegazione, prendevamo 5 nella verifica – continua De Rossi – ora con WeSchool il docente può inviare domande in tempo reale durante la lezione e avere sempre il polso su quello che è meglio rispiegare.E proprio il mio liceo tra l’altro, il Manzoni di Milano, è stato uno dei primi ad adottare la piattaforma”.
we1E se la scuola non è coperta dalla banda larga e non dispone di pc e tablet? Nessun problema: gli studenti possono usare i propri dispositivi e sfruttare l’eventuale connessione dati personale. “L’Italia è indietro, è vero. Però nell’ultimo anno, anche grazie al Piano Nazionale Scuola Digitale e all’introduzione degli Animatori digitali, è in corso l’accelerazione che stavamo aspettando – racconta Nicolò Ammendola, responsabile operativo di WeSchool – i prof con i superpoteri ci sono già e sono tantissimi. Sono curiosi e sperimentano. Per fare la scuola più coinvolgente mai vista hanno solo bisogno di uno strumento come WeSchool e di una connessione a banda ultralarga in ogni classe. La palla ora è nelle mani di Matteo Renzi”.

I VINCITORI DEI PREMI LOESCHER EDITORE 2016


Alle classi 5B e 5E del Liceo scientifico Majorana di Caltagirone il Premio internazionale di lettura dantesca; alla giovane Giada Rinaldi dell'Istituto Madonna della Neve di Adro (BS) il Premio Prime Penne; e per Italians sono premiati il gruppo Italians in Marocco dell’Università di Rabat, i macedoni Skopjanisti e la Scuola media Bobbio di Torino

Torino, maggio 2016 – Sono stati resi noti i nomi dei vincitori che Loescher Editore premierà venerdì 13 maggio, a Torino, nello Spazio General Store della Scuola Holden (piazza Borgo Dora 49), a partire dalle ore 10. Si tratta dei vincitori del Premio internazionale di lettura dantesca, promosso in collaborazione con l’Accademia della Crusca; del premio di scrittura creativa Prime Penne; e di Italians Premio internazionale Bonacci, nato dalla collaborazione tra il Laboratorio di Comunicazione interculturale e didattica dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e Bonacci Editore, marchio del catalogo Loescher.

Per l’edizione 2016 del Premio di lettura dantesca, al primo posto si confermano, per il secondo anno consecutivo, le classi 5B e 5E del  Liceo scientifico “Ettore Majorana” di Caltagirone (Catania) con il loro video sul canto XX del Purgatorio (vedi il video); secondo posto per la classe 3B dell’Istituto comprensivo "Dante Alighieri" di Cologna Veneta (Verona), premiata per la rilettura del canto XII del Paradiso (vedi video); terzo posto alla classe 3B dell’Istituto d'istruzione superiore artistica e classica “F.A. Gualtierio” di Orvieto per il video dedicato al canto XXXI del Paradiso (vedi video). Menzioni d’onore per: la classe 2A del Liceo classico "Francesco Stelluti" di Fabriano; per la classe 3DL dell’I.I.S. “Marie Curie” di Garda (Verona); e le classi 2A e 2B della Scuola media statale “E. Mestica” di Civitanova Marche.

Vincitrice del concorso Prime Penne, destinato a studenti della scuola secondaria di I e II grado, è Giada Rinaldi della classe 2A dell'Istituto paritario "Madonna della Neve" di Adro (Brescia), con il suo romanzo “La sindrome della pecorella smarrita”. Giada avrà la possibilità di vedere pubblicato il suo romanzo nella collana Prime Penne di Loescher Editore e di frequentare uno dei corsi di formazione messi in palio dalla Scuola Holden di Torino

Molta la soddisfazione per il risultato raggiunto dalla prima edizione del Premio Bonacci. “Un risultato - dichiara Fabio Caon, docente dell'Università Ca' Foscari di Venezia e autore insieme a Francesco Sartori della canzone Italians da cui il Premio ha preso avvio - sicuramente entusiasmante per quel che concerne la qualità dei prodotti ricevuti in termini di creatività e di ricerca linguistica. Dalla Cina al Marocco, dalla Spagna all'Italia, dall'Inghilterra alla Croazia, studenti di italiano di ogni età si sono cimentati nell'invenzione di testi che parlassero dell'Italia da prospettive diverse ma anche dei loro Paesi, a testimonianza di come l'apprendimento di una lingua e l'educazione interculturale siano favorite dal connubio tra fantasia e ragionamento dentro le maglie divertenti ma comunque molto impegnative del testo cantato”.

Ed ecco i vincitori del Premio Bonacci: per la sezione “Ricanta” la vittoria va al gruppo Italians in Marocco del Dipartimento di Italianistica della Facoltà di Lettere e Scienze Umane dell’Università Mohammed V di Rabat; menzione per il Campus Sino-Italiano dell'Università Tongji di Shangai; per la sezione “Usa la base e inventa le parole” i vincitori arrivano dalla Macedonia e sono il gruppo Skopjanisti di Skopjemenzioni per la scuola Lazzaro Spallanzani di Mestre-Carpenedo (Ve) e per il gruppo Michelbach di Marburg, in Germania. Per la sezione “Fai il video” il vincitore è Iotra10anni realizzato dalla Scuola media “Bobbio” di Torino; menzioni per i lavori del CdI_A1 di Valencia; dell’università di lingue stranieri YueXiu dello ZheJiang, in Cina; del Colegio J.H. Newman di Madrid; del CPIA di via Policastro a Roma; e del gruppo sloveno Tolmin.

La cerimonia si aprirà con i saluti del direttore generale di Loescher Editore, Marco Griffa, a seguire Aldo Simeone e Didi Magnaldi, rispettivamente redattore ed editor di Loescher, e due lettori della Scuola Holden premieranno la vincitrice del concorso Prime Penne; poi sarà la volta dei vincitori del Premio di lettura dantesca, premiati da Domenico De Martino e Claudio Marazzini dell’Accademia della Crusca, e da Paola Sanini di Loescher; i premi per i vincitori del Premio Bonacci saranno consegnati da Fabio Caon e dalla redattrice Loescher, Chiara Romerio.


Contatti stampa PhP srl | Anna D’Amico – mob +39 347 8691998 – Email: press@piaccapi.com - www.piaccapi.com






Fedro le Favole con traduzione e vocabolario

LIBER PRIMUS
LIBER SECUNDUS
LIBER TERTIUS
LIBER QUARTUS
LIBER QUINTUS
APPENDIX PEROTTINA


Ogni capitolo di ciascun libro è corredato da un link per far apparire un popup con la traduzione. Inoltre sulla sidebar è presente una casella di ricerca del vocabolario.

Catullo I Canti, con traduzione e vocabolario



Carmina I - IX
Carmina X - XX
Carmina XXI - IXX
Carmina XXX - XXXIX
Carmina XL - IL
Carmina L - LIX
Carmina LX - LXIX
Carmina LXX - LXXIX
Carmina LXXX - LXXXIX
Carmina XC - XCIX
Carmina C - CIX
Carmina CX - CXVI
FRAGMENTA 

Ogni Canto è corredato da un link per far apparire un popup con la traduzione. Inoltre sulla sidebar è presente una casella di ricerca del vocabolario.

L'Eneide di Virgilio con traduzione e vocabolario

L'Eneide è un poema epico della cultura latina scritto dal poeta e filosofo Virgilio tra il 31 a.C. e il 19 a.C., che narra la leggendaria storia di Enea, eroe troiano figlio di Anchise, fuggito dopo la caduta della città di Troia, che viaggiò per il Mediterraneo fino ad approdare nel Lazio, diventando il progenitore del popolo romano.


Ogni capitolo di ciascun libro è corredato da un link per far apparire un popup con la traduzione. Inoltre sulla sidebar è presente una casella di ricerca del vocabolario.

Morfosintassi Latina

Morfosintassi dei casi

NOMINATIVO
GENITIVO
DATIVO
ACCUSATIVO
VOCATIVO
ABLATIVO


Recuperanda

Indice analitico

ITER PRIMUM
ITER SECUNDUM
ITER TERTIUM
ITER QUARTUM
ITER QUINTUM
ITER SEXTUM
ITER SEPTIMUM
ITER OCTAVUM
ITER NONUM
ITER DECIMUM
ITER UNDECIMUM 
ITER DUODECIMUM
ITER TERTIUMDECIMUM
ITER QUARTUMDECIMUM
ITER QUINTUM DECIMUM
ITER SEXTUM DECIMUM

’Associazione “POG – Progetto Orientamento Giovani” blog dedicato ai giovani e all’orientamento.

Il 29 aprile 2016 il POG – Progetto Orientamento Giovani, associazione di promozione sociale che ha sede nel terzo Municipio del Comune di Roma, ha compiuto il suo primo anno di vita e per festeggiarlo ha aperto la sezione blog sul sito www.pogscuola.org sui temi dell’orientamento, della scuola e delle esigenze giovanili.
Il blog vuole essere un punto di riferimento sul tema dell’Orientamento alla vita e lo farà attraverso spunti di riflessione sull’attualità, il racconto di realtà già esistenti, l’incontro con testimoni. L’intento è quello di parlare ad un pubblico eterogeneo composto da insegnanti, educatori, genitori e dagli stessi ragazzi e di coinvolgerli nella riflessione.
Ogni settimana, tutti i mercoledì, verrà pubblicato un articolo in una delle seguenti rubriche:
  • orientamento
  • scuola e istruzione
  • testimonianze ed interviste
  • disagi della modernità
Questo spazio di contenuti è un ulteriore passo per le attività del POG, associazione nata dall’intuizione di un gruppo di educatori e professionisti che lavora a contatto con giovani adolescenti e post adolescenti. Proprio dall’osservazione di questi ragazzi immersi nell’attuale contesto sociale, sempre più complesso e sfuggente, è scaturita l’esigenza di offrire un percorso orientativo fuori dai canoni proposti del solo successo materiale e lavorativo che oggi viene presentato come modello assoluto di realizzazione.
Il POG propone un’esperienza di educazione che possa indirizzare non solo verso la scelta di Atenei, corsi di laurea e sbocchi professionali, ma soprattutto punta a stimolare nei ragazzi la loro capacità di sapersi orientare, mettersi in discussione e di ricercare criticamente uno spirito di adattamento e di progettualità non solo all’interno del percorso scolastico-accademico, ma anche nei confronti della loro vita.

Il Presidente dell’associazione, Alfredo Zingone, commenta così il lancio del blog: «Il nostro obiettivo è portare una tipologia di orientamento che non è attualmente presente in modo strutturato nel panorama scolastico. Lo spirito con cui lo facciamo è quello di chi si mette al servizio del prossimo e con questo stesso spirito apriamo il blog: i contenuti che vogliamo portare in rete infatti vogliono avere il taglio dell’approfondimento. Vogliamo affrontare temi che possano essere strumenti utili alla riflessione per insegnanti, educatori e genitori ma anche per gli stessi ragazzi».

Elenco dei Musei gratuiti il 1° Maggio a Roma e dintorni

Anche il 1° Maggio è in vigore l'iniziativa ministeriale  #Domenicalmuseo che stabilisce che ogni prima domenica del mese non si paghi il biglietto per visitare monumenti, musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali.
Chiusi invece: Tomba di Cecilia Metella, Terme di Caracalla, Galleria Nazionale d'Arte Antica in Palazzo Corsini, Domus Aurea  e la Crypta Balbi - Museo Nazionale Romano.

Ecco l’elenco:

Museo Giacomo Manzù (Roma, Ardea): 09:00 - 19:00 (ultimo ingresso 18:30)
Area Archeologica di Lucus Feroniae e Museo Archeologico (Roma, Capena): 08:30 - 19:30
Museo Nazionale Archeologico Cerite (Roma, Cerveteri): 08:30 - 19:30
Necropoli della Banditaccia (Roma, Cerveteri): 08:30 - 18:30
Museo Archeologico Nazionale (Roma, Civitavecchia): 08:30 - 19:30 (ultimo ingresso 18:30)
Necropoli di Porto (Isola Sacra): 08:00 - 14:00 (la biglietteria chiude un'ora)
Museo delle Navi Romane di Nemi: 09:00 - 19:00 (ultimo ingresso 18:00)
Museo Archeologico Nazionale di Palestrina e Santuario della Fortuna Primigenia (Roma, Palestrina):  09:00 - 20:00 (ultimo ingresso 19:00)
Biblioteca del Monumento Nazionale (Roma, Grottaferrata): 08:00 - 14:00
Abbazia greca di San Nilo (Roma, Grottaferrata): 09:00 - 12:00 / 15:30 - 19:00
Biblioteca Vallicelliana: 09:45 - 15:15
Biblioteca di Archeologia e Storia dell'Arte: 08:30 - 19:30
Anfiteatro Flavio (Colosseo): 08:30 - 19:15 (la biglietteria chiude un'ora prima)
Villa Livia: 14:00 - 20:00 (la biglietteria chiude un'ora prima)
Area Archeologica di Veio - Santuario Etrusco dell'Apollo: 08:30 - 13:30
Complesso Archeologico di Malborghetto: 14:00 - 20:00 (la biglietteria chiude un'ora prima)
Complesso di Capo di Bove: 10:00 - 18:00 (la biglietteria chiude un'oraprima)
Complesso di Santa Maria Nova: 09:00 - 19:15 (la biglietteria chiude un'ora prima)
Foro Romano e Palatino: 09:00 - 15:00 (la biglietteria chiude un'ora prima del tramonto)
Museo e Galleria Borghese: 09:00 - 13:00
Galleria Nazionale d'Arte Antica in Palazzo Barberini: 09:00 - 14:00 (la biglietteria chiude alle 13:00)
Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea: 08:30 - 19:30
Galleria Spada: 08:30 - 19:30 (ultimo ingresso 19:00)
Monumento a Vittorio Emanuele II (Vittoriano): 09:30 - 19:30 (ultimo ingresso 18:45)
Museo Boncompagni Ludovisi per le Arti Decorative, Costume e Moda: visite della durata di un'ora alle 9:30, 11:00, 12:30, 14:30, 16:00, 17:30
Museo dell'Alto Medioevo: 09:00 - 19:30 (ultimo ingresso 19:00)
Museo Hendrik Christian Andersen: 09:00 - 19:30 (ultimo ingresso 19:00)
Museo Nazionale d'Arte Orientale "Giuseppe Tucci": 09:00 - 19:30 (ultimo ingresso 19:00)
Museo Nazionale del Palazzo di Venezia: 08:30 - 19:30 (ultimo ingresso 18:30)
Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari: 08:30 - 19:30 (ultimo ingresso 18:45)
Museo Nazionale di Castel Sant'Angelo: 09:00 - 19:30 (ultimo ingresso 18:30)
Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia: 08:30 - 19:30 (ultimo ingresso 18:30)
Museo degli Strumenti Musicali: 09:00 - 19:00 (ultimo ingresso 18:30)
Museo Nazionale Preistorico ed Etnografico "L. Pigorini": 09:00 - 18:00 (ultimo ingresso 17:30)
Palazzo Massimo - Museo Nazionale Romano: 14:00 - 20:00 (la biglietteria chiude un'ora prima)
Terme di Diocleziano - Museo Nazionale Romano: 09:00 - 19:30 (la biglietteria chiude un'ora prima)
Palazzo Altemps - Museo Nazionale Romano: 14:00 - 20:00 (la biglietteria chiude un'ora prima)
Pantheon: 09:00 - 18:00 (ultimo ingresso 17:45)
Scavi di Ostia Antica e Museo: 08:30 - 19:15 (la biglietteria chiude un'ora prima del tramonto)
Villa dei Quintili: 09:00 - 19:15 (la biglietteria chiude un'ora prima)
Istituto centrale per la grafica: 10:00 - 19:00
Palazzo Poli: 10:00 - 19:00
Santuario della Fortuna Primigenia (Roma, Palestrina): 09:00 - 18:00 (ultimo ingresso 17:00)
Antiquarium di Pyrgi e Area Archeologica (Santa Severa): 09:00 - 19:00
Monastero di San Benedetto Sacro Speco (Roma, Subiaco): 09:00 - 12:30 / 15:00 - 18:00
Monastero di Santa Scolastica (Roma, Subiaco): 09:00 - 12:30 / 16:00 - 18:30
Area Archeologica di Villa Adriana (Roma, Tivoli) 09.00 - 19.30 (la biglietteria chiude alle 18.00)
Villa d'Este (Roma, Tivoli) 08:30 - 19:15 (ultimo ingresso 18:15)“

Tesina in Power Point per l'Esame di Maturità, consigli sulla redazione

Eduopen.org: l`università alla portata di tutti

Corsi e crediti online da 14 atenei pubblici italiani. Si tratta di una grande iniziativa culturale e formativa sostenuta dal Miur. I primi 9 corsi sono già online, altri 29 in catalogo e 4 milioni di utenti italiani hanno già le credenziali


Da oggi sono online le prime lezioni di eduopen.org, piattaforma creata da 14 atenei pubblici italiani per offrire a tutti e gratuitamente l’opportunità di seguire percorsi formativi di alta qualità a distanza. I corsiMoocs (Massive open online courses) sono tenuti dai docenti universitari e prodotti dalle università. Il portale è stato lanciato oggi al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, che ha sostenuto e finanziato il progetto EduOpen realizzato dagli atenei in collaborazione con i consorzi Cineca e Garr su piattaforma open source.

EduOpen si presenta come un’opportunità didattica innovativa accessibile e rivolta a tutti, dai giovani ai pensionati, dai professionisti agli insegnanti. Nasce guardando anche al di là dei confini italiani: per frequentare le lezioni è sufficiente una connessione Internet e presto saranno disponibili corsi in inglese su tematiche nelle quali le università italiane vantano unicità e livelli di eccellenza internazionali.

Allo stesso tempo, l’iniziativa non dipende da grandi organizzazioni estere e non ha fini di lucro. Ogni anno, proporrà decine di corsi ed alcuni ”percorsi” (chiamati pathways): raccolte di lezioni su tematiche di grande interesse sviluppate con la partecipazione di docenti di diversi atenei.

Nato un anno fa da otto atenei fondatori, il network è in costante crescita e attualmente riunisce Università Aldo Moro di Bari, Politecnico di Bari, Libera Università di Bolzano, Università di Catania, Università di Ferrara, Università di Foggia, Università di Genova, Università Politecnica delle Marche, Università di Modena e Reggio Emilia, Università di Milano-Bicocca, Università di Parma, Università di Perugia, Università del Salento, Università Ca’ Foscari Venezia. Aperto di nome e di fatto, il network si prepara ad accogliere altri atenei nei prossimi mesi.Il catalogo propone 68 corsi.

Nove corsi sono già fruibili. Riguardano discipline molto diverse tra loro, dalla medicina all’assiriologia. Si affronta la matematica nei corsi “Cosa sapere prima di iniziare un corso di Matematica all’Università” (Università di Bari Aldo Moro) e “Matematica per principianti: insiemi e operazioni elementari” (Università di Foggia), mentre con “Dal dato all'informazione” (Università di Ferrara) e “Internet e il mondo delle reti” (Università di Genova) gli studenti avranno la possibilità di saperne di più sul mondo digitale.

L’Università di Milano-Bicocca propone “Fondamenti di Medicina Riabilitativa”, l’Università di Perugia debutta con “Imparare ad imparare: i DSA nella scuola delle competenze”, mentre dall’Università Ca’ Foscari Venezia arriva “Cunei-Lab: introduzione al cuneiforme”. I corsi che completano l’offerta formativa al lancio della piattaforma fanno parte di due “percorsi”: Methodology of Educational Research e Learning to learn English(OrientEnglish). Nel primo pathway troviamo il corso “Elementi di Metodologia della Ricerca Educativa” (Università di Modena e Reggio Emilia), mentre nell’altro “In viaggio verso Eduopen e OrientEnglish”(Università di Parma).


Tutte le opportunità di studio e di lavoro proposte dalle Scuole Italiane all'Estero

La rete delle istituzioni scolastiche all’estero costituisce una risorsa per la promozione della lingua e cultura italiana, nonché per il mantenimento dell’identità culturale dei figli dei connazionali e dei cittadini di origine italiana. Presenti in tutto il mondo, le scuole italiane rappresentano uno strumento di diffusione di idee, progetti, iniziative, in raccordo con Ambasciate e Consolati e con le priorità della politica estera italiana. Le scuole italiane, infine, sono spesso un punto di riferimento nei Paesi in cui operano, potendo produrre per l’Italia ritorni di lunga durata in tutti i settori: culturale, politico ed economico.

La rete delle scuole italiane all’estero (infanzia, primaria, secondaria di primo e di secondo grado) comprende:
•  8 istituti statali onnicomprensivi con sede ad Addis Abeba, Asmara, Atene, Barcellona, Istanbul, Madrid, Parigi e Zurigo;
•  42 italiane paritarie, la maggior parte delle quali è costituita da istituti onnicomprensivi, presenti in varie aree geografiche nel mondo, tra Europa, Africa-subsahariana, Mediterraneo e Medio Oriente, Americhe;
•  7 sezioni italiane presso scuole europee: 3 a Bruxelles ed 1 a Lussemburgo, Francoforte, Monaco di Baviera e Varese;
•  77 sezioni italiane presso scuole straniere, bilingui o internazionali, di cui 61 in Unione Europea, 14 in Paesi non UE, 1 nelle Americhe e 1 in Oceania;
•  i corsi di lingua e cultura italiana rivolti ai connazionali residenti all’estero, la cui gestione rientra nell’ambito delle competenze della Direzione Generale per gli Italiani all’Estero (DGIT).


Con riferimento all’anno scolastico 2015/2016, il contingente prevede 211 posti nelle 8 scuole statali, 28 unità in quelle paritarie, 81 unità nelle sezioni italiane presso scuole straniere, bilingui o internazionali, 34 posti di dirigente scolastico presso le Ambasciate e i Consolati. A tale rete si affiancano i corsi di lingua e cultura italiana per gli italiani all’estero e i loro discendenti, ex art. 636 del d.lgs. 297/94 con 161 unità di personale, e 109 lettorati d’italiano presso le Università straniere. Nel contingente delle Scuole europee figurano, inoltre, 110  unità. Circa 30.000 alunni frequentano queste scuole: la presenza di studenti stranieri è molto elevata.

Ricerca sul benessere degli insegnanti

Salve,
sono Ilaria Buonomo, sono una dottoranda del Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione dell'Università La Sapienza di Roma e membro dell'Osservatorio Nazionale sulla Salute e il Benessere degli Insegnanti (ONSBI).

Stiamo svolgendo una ricerca su scala nazionale circa le condizioni di benessere degli insegnanti di Scuola Secondaria di Secondo Grado, in relazione alle pratiche di insegnamento e ai rischi per la salute fisica e psicologica.
Uno dei canali di raccolta dati è un protocollo che misura alcune dimensioni del benessere in riferimento al ruolo di insegnante e alla vita quotidiana a scuola.

Lo studio si rivolge a tutti gli insegnanti, qualunque sia il loro posizionamento nell'organizzazione scolastica, e prevede che la raccolta dati sia totalmente anonima.


Se ritenete gli obiettivi dello studio possano essere di interesse per i docenti che leggono il vostro portale, vorrei chiedervi se fosse possibile confrontarci sulla possibilità di diffondere lo studio in questa prima fase di raccolta dati, attraverso la pubblicazione del link per la compilazione del questionario (per conoscenza, bit.ly/1oEk1w1) e/o altro canale che riteniate opportuno.

Grazie

Concorso Insegnanti Scuola Materna a Ciampino

Nuove assunzioni a tempo determinato nel Lazio in ambito scolastico.
Il Comune di Ciampino (Roma) ha indetto un concorso pubblico per la formazione di una graduatoria finalizzata all’assunzione di Insegnante di Scuola Materna – Cat. C per la scuola dell’infanzia comunale.
È possibile candidarsi al bando fino al 31 Marzo 2016.

REQUISITI
Possono partecipare al concorso per insegnati coloro che risultano in possesso dei seguenti requisiti:
– cittadinanza italiana, oppure cittadinanza di uno degli stati membri dell’Unione Europea;
– godimento dei diritti civili e politici negli Stati di appartenenza o di provenienza;
– non aver riportato condanne penali e non avere procedimenti penali pendenti che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia, la costituzione del rapporto d’impiego con la Pubblica Amministrazione;
– posizione regolare nei confronti dell’obbligo di leva;
– età non inferiore ai 18 anni;
– idoneità fisica all’impiego.
Inoltre, i candidati dovranno possedere uno dei seguenti titoli di studio:
– laurea in Scienze della Formazione Primaria – indirizzo Scuola Materna/Scuola dell’Infanzia;
– diploma di Scuola Magistrale;
– diploma di Istituto Magistrale;

– diploma di Liceo Socio-Psico-Pedagogico riconosciuto corrispondente ai precedenti.

Seminario per le Insegnanti sulla Disgrafia

STABILO, azienda leader mondiale nel settore evidenziatura, colore e scrittura, promuove la scrittura manuale attraverso il seminario “Dalla penna al mouse. La disgrafia: prevenzione e rieducazione”. 
L'evento di formazione, aperto a tutte le insegnanti, si terrà martedì 8 marzo 2016 alle ore 14.30 presso l'auditorium della Scuola Primaria B. Ciari in via Taneschie n°21 a Ciriè in provincia di Torino.
Il convegno si focalizzerà sull'importanza di una corretta impugnatura degli strumenti nella scrittura a mano, in relazione ad attività di rieducazione e prevenzione volte a favorirne un corretto sviluppo e apprendimento, in particolare nelle scuole.
“STABILO rinnova anche quest'anno il suo impegno nel diffondere tra i docenti una cultura basata sulla corretta e rilassata impugnatura degli strumenti nell'ambito dell'apprendimento della scrittura da parte dei più piccoli” - dichiara Magda Borsani, Marketing & Communication Manager STABILO Italia, che sarà presente a Ciriè per sostenere il progetto e sottolineare l'importanza di questa tematica.


Nel corso del seminario, patrocinato dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, dall'Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte e dall'Ufficio V - Ambito Territoriale di Torino, interverranno il Presidente dell'associazione culturale Il Dono di Theuth, Barbara Manera, la grafologa Chiara Gilardoni, la consulente grafologa in psicologia della scrittura Antonella Roggero, la docente grafologa Alessandra Michieli, la grafologa e rieducatrice della scrittura Patrizia Curci.

Concorso per Insegnanti al Comune di Vicenza

Il Comune di Vicenza ha indetto un concorso per la formazione di una graduatoria per Insegnanti nelle Scuole dell’Infanzia comunali, Cat. C dell’ordinamento professionale, valevole per gli anni scolastici 2016/2017 – 2017/2018 – 2018/2019.
La graduatoria sarà utilizzata anche per la copertura di incarichi di supplenza. Sono previste assunzioni a tempo determinato, pieno o part-time, con uno stipendio annuale lordo pari a 19.454,15 Euro.

Candidature fino al 14 marzo 2016.

REQUISITI

I candidati al concorso per docenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:
– cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea;
– pieno godimento dei diritti politici. Non possono accedere all’impiego coloro che siano esclusi dall’elettorato politico attivo;
– compimento del 18° anno di età;
– idoneità fisica all’impiego e allo svolgimento delle mansioni di insegnante delle scuole dell’infanzia;
– assenza di condanne penali, anche non definitive, e di procedimenti penali in corso, per reati che impediscono, ai sensi delle vigenti disposizioni, la costituzione del rapporto di impiego con la Pubblica Amministrazione;
– non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione;
– non essere stati licenziati per giusta causa o per giustificato motivo oggettivo;
– non essere stati dichiarati decaduti da un impiego pubblico per aver conseguito l’impiego stesso mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile;
– adempimento degli obblighi di leva (solo per i cittadini italiani soggetti a tali obblighi);
– pagamento della tassa di concorso.

Inoltre, i candidati al concorso per docenti devono essere in possesso di uno dei seguenti titoli di studio:
– diploma di Scuola Magistrale o d’Istituto Magistrale o di Liceo Socio-psico-pedagogico conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002 oppure titolo di studio riconosciuto equivalente a seguito dell’attuazione di progetti di sperimentazione autorizzati ai sensi dell’art. 278 del D.Lgs. n. 297/1994, se conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002;
– diploma di Laurea in Scienze della Formazione Primaria con indirizzo di insegnante di scuola materna.

Progetto Educatori per l’Infanzia in Germania

Questo progetto è rivolto ai laureati in Scienze della Formazione (ed equipollenti) scienze dell’Educazione (ed equipollenti), i quali si trasferiranno in Germania per essere integrati nel tessuto sociale tedesco con la successiva assunzione con contratto a tempo indeterminato retribuiti secondo le tariffe collettive nazionali di categoria con regolari contributi pensionistici previsti. 
Il progetto prevede una prima selezione a cura dei partners tedeschi da tenersi in Italia mediante colloquio conoscitivo in lingua italiana alla presenza di assistenti traduttori. 
Le persone ammesse al progetto si trasferiranno in Germania (nella maggior parte dei casi a Stoccarda) per frequentare un corso di lingua Tedesca intensivo della durata di circa 17 settimane, a cura dell’istituto IB (Internationaler Bund) con insegnanti madre lingua per conseguire il livello B1. 
Durante questo periodo ai partecipanti sarà garantito, vitto e alloggio presso le strutture alberghiere IB o presso famiglie tedesche. Il tutto sarà finanziato in anticipo dall’azienda sanitaria futuro datore di lavoro del partecipante.

Concorso a cattedra 2016: Software gratuito di esercitazione sulle competenze in lingua straniera, Inglese, Francese, Spagnolo, Tedesco

La prova scritta del prossimo concorso a cattedra comprenderà due quesiti finalizzati all’accertamento della conoscenza di una lingua comunitaria a scelta tra l'inglese, il francese, il tedesco, lo spagnolo, ciascuno dei quali composto da cinque sotto-quesiti a risposta chiusa per i quali occorrerà dimostrare un livello di competenza pari almeno al B2 del QCER.

Le esercitazioni sono composte da 10 quesiti a risposta multipla di cui una sola corretta tra le alternative proposte. Al termine della prova una schermata sintetizzerà il numero di risposte esatte, errate e omesse e il tempo impiegato e consentirà di rivedere l'esercitazione.


Insider Fair - Le scuole di tutto il mondo per la prima volta in Italia

Le scuole di tutto il mondo per la prima volta in Italia
Vorresti studiare un anno all'estero? Insider Fair è l’evento per te!
Vieni a conoscere da vicino come funzionano le scuole superiori di Australia, Nuova Zelanda, Canada e Stati Uniti.

Incontra le High School Americane
Saranno presenti i rapperesentanti delle scuole superiori degli Stati Uniti che daranno risposta a tutte le curiosità sugli scambi culturali e sui programmi di studio all'estero.

Colloqui gratuiti con le High School presenti
Insieme ai tuoi genitori potrai verificare la validità dei programmi di studio in alcuni dei paesi che vantano i migliori sistemi scolastici al mondo. Inoltre, gli esperti di Astudy saranno a disposizione per darti informazioni pratiche sull'organizzazione del viaggio e sulla sistemazione presso la famiglia ospitante.

Continua a leggere

10 motori di ricerca per Insegnanti di Storia, in Inglese

Eccellente lista dei motori di ricerca accademici appositamente curata per insegnanti di storia. Questi motori di ricerca saranno in grado di trovare risorse e materiali da utilizzare in classe con gli studenti. Queste risorse includono documenti originali storici, mappe, immagini, dischi, memorie, fonti primarie, linee temporali interattive e molto altro. 


David Rumsey Map Collection con più di 30.000 immagini ricercabili per parola chiave.


Ottime fonti per la storia delle donne e ampio elenco di risorse web.

Accesso a registri militari storici e collezione di documenti militari e memoriali originali.


Sourcebook permette di trovare migliaia di fonti sulla storia moderna.  Cercare testi completi, multimedia e molto altro ancora.



Guida della Biblioteca anglo-americana. Cultura e storia per un catalogo di siti consigliati per gli storici, con circa 11.000 tra cui scegliere.



HistoryBuff offre un archivio online di giornali, biblioteche di riferimento, e anche una libera sezione storica del materiale raccolto.


Database digitale di storia dell’Università di Houston con ricchezza di link a libri di testo, fonti primarie, e materiale didattico. Il database è multimediale, una timeline interattiva, l'apprendimento attivo, e le risorse per gli insegnanti.



Internet Ancient History Sourcebook è un luogo ideale per studiare le origini umane, con il testo completo e la ricerca su argomenti quali la Mesopotamia, Roma, il mondo ellenistico, tarda antichità, e origini cristiane.



Storia e politica offre ad alta voce un archivio consultabile di registrazioni importanti attraverso la storia, i materiali audio politicamente significativi.



In questo strumento per l'educazione e la ricerca collaborativa, gli studenti possono imparare la storia attraverso la ricerca, la scrittura e la pubblicazione, la creazione di una raccolta di articoli storici nella storia degli Stati Uniti che possono essere cercati da studiosi, insegnanti, e il pubblico in generale.