Progetto Scuola e Sicurezza

Progetto "Promozione della Cultura della Sicurezza nelle Scuole". Dall'esperienza di un lavoro in rete raccomandazioni pratiche a supporto della progettazione.

Codice Disciplinare della Scuola

Sintesi della normativa per il personale ATA, Docente e Dirigente

Didattica delle lingue Classiche

Mediaclassica è uno strumento per la didattica del Greco e del Latino realizzato da Loescher Editore [V] in collaborazione con il Dipartimento di Archeologia e Filologia Classica [W] (D.AR.FI.CL.ET.) dell'Università di Genova. 

Si tratta di un sito in progress, ampliato e aggiornato con regolarità e consultabile gratuitamente, che intende offrire a insegnanti e studenti diversi contenuti utili per l'insegnamento e l'apprendimento delle lingue classiche: percorsi, approfondimenti, sperimentazioni, ma anche lezioni tradizionali ed esercizi di verifica, sia per il Latino sia per il Greco. 

Trool: educare i bambini a navigare sicuri online


Trool, Tutti i ragazzi ora on line. Educare i bambini a navigare sicuri in internet. Guida per insegnanti ed educatori.


vai al sito di Trool

Insegnare ai bambini a leggere e ad aiutare quelli con difficoltà

Trovare strategie per insegnare ai bambini a leggere e aiutare coloro che trovano difficoltà nella lettura è la mission di Reading Rockets. Il sito (in inglese) celebra il suo 10° anno di esistenza con risultati e apprezzamenti sempre crescenti.
I suoi suggerimenti sono rivolti, suddivisi in sezioni, a genitori, insegnanti, presidi, bibliotecari, logopedisti, psicologi, ecc.
Da provare

Stipendio netto iniziale in Europa di un docente di scuola secondaria di I grado


Prezi, video tutorial in Italiano


Prezi ha di recente modificato decisamente l’interfaccia di edit delle presentazioni, ecco la guida gratuita in italiano aggiornata  a settembre 2013, che come sempre è liberamente scaricabile da slide share.

La Scuola in movimento, il modello svizzero

L’innato bisogno di muoversi dei bambini si nota soprattutto laddove tale possibilità è loro preclusa, ad esempio sui banchi di scuola. Se gli insegnanti e i genitori riuscissero a soddisfare correttamente questo bisogno di movimento sia a scuola sia durante il tempo libero, tutti ne trarrebbero vantaggio.

Modelli di carta tridimensionali per sviluppare la manualità

Creative Park è un servizio pensato per i più piccoli disponibile all'interno delle pagine del sito della Canon. Qui troverete, organizzate in categorie tematiche, una raccolta di modelli in formato PDF da scaricare e stampare e le relative istruzioni per l'assemblaggio, con cui creare dei fantastici oggetti di carta tridimensionali. E' disponibile anche una sezione dedicata ai biglietti di auguri, sempre da stampare e ritagliare, fantastici ed originali calendari ed altro ancora. Ottimo soprattutto per la scuola primaria ma non solo.

A scuola con gli autori

 A Scuola con gli autori, è un progetto culturale di Mondadori Education... 


pensato appositamente per gli studenti dell’ultimo anno del ciclo superiore degli studi, con l’obiettivo di favorire ulteriori stimoli alla crescita “sociale” e alla maturazione critica dei ragazzi, nel momento che più di ogni altro segna il passaggio all’età adulta.
Il progetto si articola in una serie di “lectio magistralis” tenute in classe da alcuni dei rappresentanti più significativi della cultura italiana.
Un ciclo di incontri con una prospettiva trasversale e una sfumatura di formazione, che affronta temi di grande attualità recuperando il percorso storico delle idee per approfondire e spiegare il “presente”. Un progetto articolato, ideato per sottolineare argomenti di grande impatto culturale e civile, come la questione dell’identità nazionale e il concetto di cittadinanza.
A incontrare gli studenti “maturandi” delle scuole italiane saranno alcuni degli autori più noti e importanti della casa editrice, che a partire ciascuno dalla propria disciplina, percorreranno l’Italia intera mettendo a disposizione dei ragazzi il loro sapere e la loro lunga esperienza: Alberto Asor Rosa, Eva Cantarella, Adriano Prosperi, Mario Vegetti, Silvia Vegetti Finzi, Gustavo Zagrebelsky.
In un’ottica che vede la conoscenza come elemento essenziale per la costruzione dell’ identità nazionale, autori e studenti si interrogheranno se questa sia o meno una dimensione persa. Discuteranno sulla lingua come fattore di identità imprescindibilesulla letteratura come anima e sostanza di una civiltà, sulla necessità di un bagaglio storico per la costruzione della propria identità come cittadino consapevole. Per capire - anche partendo da fatti di cronaca recente - che solo un’assunzione di responsabilità che ha radici profonde permette di prendere coscienza come individui, nella delicata fase di passaggio che la maturità impone.Confronto e sollecitazioni dunque per sostenere “in itinere” il dibattito di idee tra i giovani in procinto di diventare adulti.

Privacy a scuola, le regole da ricordare

Ecco alcune indicazioni generali che il Garante per la protezione dei dati personali ritiene utile fornire a professori, genitori e studenti, sulla base di provvedimenti adottati e di pareri resi,  in materia di tutela della privacy.
Temi in classe
Non lede la privacy l’insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro mondo personale. Sta invece nella sensibilità dell’insegnante, nel momento in cui gli elaborati vengono letti in classe, trovare l’equilibrio tra esigenze didattiche e tutela della riservatezza, specialmente se si tratta di argomenti delicati.
Cellulari e tablet
L’uso di cellulari e smartphone è in genere consentito per fini strettamente personali, ad esempio per registrare le lezioni, e sempre nel rispetto delle persone. Spetta comunque agli istituti scolastici decidere nella loro autonomia come regolamentare o se vietare del tutto l’uso dei cellulari. Non si possono diffondere immagini, video o foto sul web se non con il consenso delle persone riprese. E’ bene ricordare che la diffusione di filmati e foto che ledono la riservatezza e la dignità delle persone può far incorrere lo studente in sanzioni disciplinari e pecuniarie o perfino in veri e propri reati.
Stesse cautele vanno previste per l’uso dei tablet, se usati a fini di registrazione e non soltanto per fini didattici o per consultare in classe libri elettronici e testi on line.
Recite e gite scolastiche
Non violano la privacy le riprese video e le fotografie raccolte dai genitori durante le recite, le gite e i saggi scolastici. Le immagini in questi casi sono raccolte a fini personali e destinati ad un ambito familiare o amicale. Nel caso si intendesse pubblicarle o diffonderle in rete, anche sui social network, è necessario ottenere il consenso delle persone presenti nei video o nelle foto.
Retta e servizio mensa
É illecito pubblicare sul sito della scuola il nome e cognome degli studenti i cui genitori sono in ritardo nel pagamento della retta o del servizio mensa. Lo stesso vale per gli studenti che usufruiscono gratuitamente del servizio mensa in quanto appartenenti a famiglie con reddito minimo o a fasce deboli. Gli avvisi messi on line devono avere carattere generale, mentre alle singole persone ci si deve rivolgere con comunicazioni di carattere individuale. A salvaguardia della trasparenza sulla gestione delle risorse scolastiche, restano ferme le regole sull’accesso ai documenti amministrativi da parte delle persone interessate.
Telecamere
Si possono in generale installare telecamere all’interno degli istituti scolastici, ma devono funzionare solo negli orari di chiusura degli istituti e la loro presenza deve essere segnalata con cartelli. Se le riprese riguardano l’esterno della scuola, l’angolo visuale delle telecamere deve essere opportunamente delimitato. Le immagini registrare devono essere cancellate in generale dopo 24 ore.
Inserimento professionale
Al fine di agevolare l’orientamento, la formazione e l’inserimento professionale le scuole, su richiesta degli studenti, possono comunicare e diffondere alle aziende private e alle pubbliche amministrazioni i dati personali dei ragazzi.
Questionari per attività di ricerca
L’attività di ricerca con la raccolta di informazioni personali tramite questionari da sottoporre agli studenti è consentita solo se ragazzi e genitori sono stati prima informati sugli scopi delle ricerca, le modalità del trattamento e le misure di sicurezza adottate. Gli studenti e i genitori devono essere lasciati liberi di non aderire all’iniziativa.
Iscrizione e registri on line, pagella elettronica
In attesa di poter esprimere il previsto parere sui provvedimenti attuativi del Ministero dell’istruzione riguardo all’iscrizione on line degli studenti, all’adozione dei registri on line e alla consultazione della pagella via web, il Garante auspica l’adozione di adeguate misure di sicurezza a protezione dei dati.
Voti, scrutini, esami di Stato
I voti dei compiti in classe e delle interrogazioni, gli esiti degli scrutini o degli esami di Stato sono pubblici. Le informazioni sul rendimento scolastico sono soggette ad un regime di trasparenza e il regime della loro conoscibilità è stabilito dal Ministero dell’istruzione. E’ necessario però, nel pubblicare voti degli scrutini e degli esami nei tabelloni, che l’istituto eviti di fornire, anche indirettamente, informazioni sulle condizioni di salute degli studenti: il riferimento alle “prove differenziate” sostenute dagli studenti portatori di handicap, ad esempio, non va inserito nei tabelloni, ma deve essere indicato solamente nell’attestazione da rilasciare allo studente.
Trattamento dei dati personali
Le scuole devono rendere noto alle famiglie e ai ragazzi, attraverso un’adeguata informativa, quali dati raccolgono e come li utilizzano. Spesso le scuole utilizzano nella loro attività quotidiana dati delicati – come quelli riguardanti le origini etniche, le convinzioni religiose, lo stato di salute – anche per fornire semplici servizi, come ad esempio la mensa. E’ bene ricordare che nel trattare queste categorie di informazioni gli istituti scolastici devono porre estrema cautela, in conformità al regolamento sui dati sensibili adottato dal Ministero dell’istruzione. Famiglie e studenti hanno diritto di conoscere quali informazioni sono trattate dall’istituto scolastico, farle rettificare se inesatte, incomplete o non aggiornate.

La novella nelle letterature europee

Percorso didattico in 7 Unità sulla Novella, in Italia ed in Europa, proposto nel sito dell'ICoN (Italian Culture on the Net) dal Prof. Piergiorgio Mori, dell'Università degli Studi di Tor Vergata





Dizionario online di Ortografia e Pronuncia della lingua italiana

In formato digitale, il prezioso dizionario di Bruno Migliorini, Carlo Tagliavini e Piero Fiorelli, creato nel lontano 1969 dalla RAI. La nuova edizione multimediale, ideata e diretta da Renato Parascandolo, offre on line 129.000 voci e migliaia di citazioni, tutte ascoltabili in formato audio con Adobe Flash Player, consultabili attraverso un motore di ricerca. Un’opera che si prefigge di seguire e di registrare nel tempo tutti i fenomeni di mutamento della nostra lingua.


Translated: correttore ortografico in 20 lingue

Translated correttore ortografico è uno strumento che analizza in tempo reale il testo digitato alla ricerca di eventuali errori di ortografia. E' in grado di suggerire possibili correzioni in più di 20 lingue. Inoltre, se viene selezionata la funzione AUTO, provvede ad identificare la lingua in cui si sta scrivendo. Molto utile.

Italiano L2: le biografie degli apprendenti e le scelte didattiche


Italiano L2 “su misura”.
Le biografie degli apprendenti e le scelte didattiche
GRAZIELLA FAVARO
Centro COME, Milano


L'evasione fiscale spiegata con i cartoni animati

“Tassare i ricchi” è una fiaba animata, narrata da Ed Asner, con animazione di Mike Konopacki. Scritto e diretto da Fred Glass per la Federazione degli Insegnanti della California. Un video 8 minuti su come siamo arrivati ​​a questo momento di mal finanziati servizi pubblici che accrescono la disuguaglianza economica. Le cose vanno in discesa in una terra felice e prospera dopo che i ricchi decidono che non vogliono pagare più le tasse. Dicono che non ci sono alternative, ma le persone non sono così sicure. Questa terra ha una somiglianza sorprendente alla nostra terra.
(in inglese) 

UniversItaly, il sito per accompagnare gli studenti nel loro percorso di studi.


UniversItaly, il nuovo portale del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, creato appositamente per accompagnare gli studenti nel loro percorso di studi.
Il sito è una vera e propria porta d’ingresso che permette di entrare nel mondo dei corsi di laurea e istruzione superiore in Italia. E’ rivolto agli studenti e alle famiglie degli studenti che frequentano le scuole superiori e che devono scegliere l’università, agli studenti universitari che vogliono continuare gli studi, alle scuole superiori che vogliano monitorare la propria didattica e infine alle Università che vogliono proporre in maniera chiara e funzionale la propria offerta formativa. Una comunicazione esaustiva, precisa e sempre aggiornata che permette di dare informazioni utili in maniera semplice ed efficace.

33.000 immagini per attività Didattiche

DIA è una banca dati di immagini che può essere utilizzata nelle più diverse attività didattiche della scuola e dell’università, per ricerche individuali pluridisciplinari e infine come risorsa specifica per l’insegnamento con mezzi multimediali. Contiene immagini provenienti da oltre sessanta archivi fotografici, fondazioni, musei e altri enti, pubblici e privati, ognuno dei quali ha autorizzato l’Indire a presentare le opere su Internet solo per uso didattico. 
Progettata come giacimento in continuo divenire, la banca dati, che presenta attualmente un patrimonio di 33.000 fotografie e riproduzioni , viene arricchita periodicamente con ulteriori acquisizioni. 
La struttura della banca dati è semplice e di facile fruizione. Ogni immagine è accompagnata da una scheda documentaria nella quale, da un lato, vengono affrontati - in prospettiva didattica - la dimensione informativa e gli aspetti di contenuto dell’immagine, essenzialmente nel titolo e nella descrizione; dall’altro, vengono suggeriti percorsi per l’individuazione dell’immagine stessa (indicizzazione) e per la navigazione web (link). 
Alla messa a punto delle sintetiche informazioni storico-critiche che accompagnano ogni immagine hanno lavorato, in piena autonomia, tanto i responsabili della divulgazione scientifica degli enti e i conservatori dei musei che hanno fornito le riproduzioni, quanto il gruppo redazionale dell’Indire che coordina il progetto della banca dati. In alcuni casi si è anche venuta a creare una produttiva interazione tra quest’ultimo ed i singoli responsabili della selezione delle immagini all’interno degli enti. 
Per concludere, si ricorda che tutte le immagini sono in formato .jpg e che, di norma, hanno una densità di 72 DPI, con il lato maggiore non superiore ad 800 pixel.


Contributi Scolastici delle Famiglie e loro utilizzo

Indicazioni in merito all'utilizzo dei contributi scolastici delle famiglie redatte dal MIUR

Modulo MAD, Messa a Disposizione nelle scuole

E' possibile inviare la propria messa a disposizione (MAD) in qualsiasi istituto d'Italia.

Tecniche di Calcolo Mentale

15 interessantissime tecniche, o trucchi, per agevolare il calcolo mentale e renderlo più facile, veloce e memorizzabile.


fonte: Base 5

ADOZIONI LIBRI DI TESTO, guida

Guida completa pubblicata da Notizie della Scuola sull'adozione dei libri di testo: Organi competenti per l’adozione, Condivisione nell’adozione, Tempi per l’adozione, Scelta dei testi scolastici (art. 6, comma 1, L. 128/2013), Realizzazione diretta di materiale didattico digitale (art. 6, c. 1, L. 128/2013), Abolizione vincolo pluriennale di adozione (art. 11 L. 221/2012), Libri in versione digitale o mista, Primo ciclo di istruzione (art. 5, DM n. 254/2012), Testi consigliati (art. 6, comma 2, L. 128/2013), Riduzione tetti di spesa scuola secondaria (DM n. 781/2013), Rispetto tetti di spesa (DM n. 781/2013), Prezzi di copertina libri di testo scuola primaria e Specifiche tecniche testi cartacei (DM n. 781/2013)

Scuola: Stress lavoro-correlato, rischi, valutazione e gestione

Interessante lavoro proposto da sicurscuolaveneto.it  sul metodo operativo completo di valutazione e gestione dei rischi legati allo stress lavoro-correlato nella scuola.

Che fine ha fatto il "Patto tra Generazioni"?

L'articolo seguente, di poco più di un anno fa, è tratto da Tecnica della Scuola e riguarda il cosiddetto "Patto tra Generazioni". E' data per certa la sua attuazione, si parla anche di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Poi....? Perché non rilanciarlo?
  L'unico cambiamento che farei è la sostituzione del termine "staffetta", ormai "bruciato" ed anche inappropriato, con "condivisione". In effetti "Condivisione Generazionale" identificherebbe meglio tutta l'operazione.

RECLUTAMENTO, ARRIVA IL PATTO TRA GENERAZIONI: PART-TIME AGLI “ANZIANI”, LARGO AI GIOVANI
di Alessandro Giuliani
11/12/2012
I lavoratori prossimi alla pensione potranno ridurre l’orario ed aprire le porte ad uno "nuovo". Lo Stato si farà carico del differenziale contributivo da versare all`Inps. Il decreto in Gazzetta Ufficiale, dopo il via libera della Corte dei Conti e la suddivisione delle quote regionali. Una possibilità che nella scuola, dove spesso la stanchezza prende il sopravvento, sarebbe sicuramente bene accolta.
La disoccupazione si può combattere in tanti modi. Anche alleggerendo il carico di ore di attività professionale dei lavoratori prossimi alla pensione. E cedere la quota di lavoro settimanale ai giovani. Un po’ alla chetichella, senza troppi annunci, il progetto ha trovato compimento. Si tratta del decreto del ministero del Lavoro sul patto tra generazioni, approdato in questi giorni in Gazzetta Ufficiale e che ora entra nella fase operativa, dopo aver incassato il via libera dalla Corte dei Conti e dopo che sono state stabilite anche le quote regionali per la sua attuazione.
L’obiettivo del legislatore è semplice: coniugare l`occupazione giovanile e la salvaguardia dei lavoratori giunti a ridosso dal lasciare l’occupazione. Così, quella che si realizzerà dovrebbe essere una vera e propria “staffetta” tra i lavoratori più maturi e quelli lasciati sino ad oggi ai margini dell’occupazione per mancanza di spazio.
Il meccanismo è semplice: coloro che sono prossimi alla pensione potranno accedere (volontariamente) al part-time e lasciare dunque una parte del proprio lavoro a un giovane, in cambio dell`assunzione da parte delle aziende di quest`ultimo a tempo indeterminato. Anche se all’inizio solo nella veste di apprendisti.
Per agevolare l’operazione, le aziende beneficerebbero di un contributo statale: sarà infatti il soggetto pubblico a farsi carico del differenziale contributivo da versare all`Inps a favore del lavoratore anziano, in modo da non nuocere sulla sua copertura previdenziale. Il lavoratore, quindi, avrà uno stipendio ridotto, in proporzione al numero di ore che svolgerà in meno settimanalmente. Ma la scelta non inciderà negativamente sulla pensione.
Il Decreto prevede, quindi, ben cinque attori attivi: i soggetti pubblici, gli enti previdenziali, le aziende, i lavoratori anziani e quelli giovani. Tra i vincoli previsti che quello che i numeri degli impiegati non si sbilanciato in negativo. In pratica, per ogni pensionando che andrà in part time dovrà corrispondere un giovane da assumere come apprendista.
Soddisfatto il ministro del Lavoro, Elsa Fornero:"L'idea di un patto fra generazioni è certamente una prospettiva, anche etica, di grande respiro, che si auspica possa in futuro sostenere azioni concrete per disegnare una società più equa e più inclusiva". E così "si assicura la salvaguardia dei livelli di occupazione per le nuove generazioni e si mantengono condizioni di reddito accettabili per le fasce di popolazione meno giovani".
Tra i sostenitori del decreto c’è il presidente di Italia Lavoro, Paolo Reboani. Secondo cui con la pubblicazione in gazzetta del decreto ministeriale sul patto tra generazioni si supera "finalmente, la sterile opposizione tra giovani e anziani nel mondo del lavoro: il progetto ha un`importante valenza etica e sociale" e "potrà essere un modello anche per risolvere il problema di una parte degli esodati, se valutiamo che secondo i nostri calcoli con 40 milioni di euro potremo avere 3.000 nuovi assunti e un numero corrispondente di lavoratori accompagnati alla pensione in modo produttivo".

Il mondo della scuola, dove a “spingere” per trovare un’occupazione stabile sono diverse decine di migliaia di docenti e Ata e nel contempo vi sono altrettanti lavoratori avanti con gli anni stanchi ed esausti, dovrebbe guardare con interesse ad un modello del genere. Moltissimi dipendenti prossimi alla pensione, con un numero di anni di servizio tra i 30 e i 40 anni, rinuncerebbero probabilmente volentieri ad una parte del loro stipendio in cambio di un alleggerimento del carico di lavoro. La riduzione di stipendio, inoltre, verrebbe parzialmente compensata dal fatto che l’assegno mensile, dopo tanti anni di lavoro, è in genere del 30-40% maggiorato rispetto a quello dei colleghi più giovani. Il problema è che lo Stato, soprattutto in questo momento di crisi finanziaria, non sarebbe in grado di sopportare la copertura previdenziale per un numero troppo alto di lavoratori. E se allora si pensasse di dare questa possibilità almeno ai 3-4mila rimasti penalizzati dalla riforma pensionistica? Per i cosiddetti “Quota 96” non si tratterebbe di certo della soluzione. Ma almeno si ridurrebbe la portata del danno subito.


Cos'è il CLIL?

Il CLIL (Content and Language Integrated Learning) è un approccio didattico di tipo immersivo che punta alla costruzione di competenze linguistiche e abilità comunicative in lingua straniera insieme allo sviluppo e all’acquisizione di conoscenze disciplinari.
L'approccio CLIL ha infatti il duplice obiettivo di focalizzarsi tanto sulla disciplina insegnata che sugli aspetti grammaticali, fonetici e comunicativi della lingua straniera.
Viste le sue caratteristiche, il CLIL sviluppa nello studente:
  • Una maggiore fiducia nella proprie capacità comunicative nella lingua straniera target
  • competenze linguistiche più spendibili, specialmente in attività pratiche
  • Maggiore apertura e disponibilità alla mobilità nell'istruzione e nel lavoro
Per maggiori informazioni, potete scaricare la circolare riguardante l’avvio delle attività di formazione dei docenti di disciplina non linguistica (DNL) in lingua straniera secondo la metodologia CLIL.

Cos'è il Cooperative Learning?

Il Cooperative Learning costituisce una specifica metodologia di insegnamento attraverso la quale gli studenti apprendono in piccoli gruppi, aiutandosi reciprocamente e sentendosi corresponsabili del reciproco percorso. L’insegnante assume un ruolo di facilitatore ed organizzatore delle attività, strutturando “ambienti di apprendimento” in cui gli studenti, favoriti da un clima relazionale positivo, trasformano ogni attività di apprendimento in un processo di “problem solving di gruppo”, conseguendo obiettivi la cui realizzazione richiede il contributo personale di tutti.
Tali obiettivi possono essere conseguiti se all’interno dei piccoli gruppi di apprendimento gli studenti  sviluppano determinate abilità e competenze sociali, intese come un insieme di “abilità interpersonali e di piccolo gruppo indispensabili per sviluppare e mantenere un livello di cooperazione qualitativamente alto”
PRESUPPOSTI TEORICI-PEDAGOGICI
quadratino di lista
quadratino di lista
quadratino di lista
quadratino di lista
quadratino di lista
quadratino di lista
quadratino di lista
quadratino di lista
quadratino di lista
quadratino di lista
Il Cooperative Learning è un metodo didattico in cui gli studenti lavorano insieme in piccoli gruppi per raggiungere obiettivi comuni, cercando di migliorare reciprocamente il loro apprendimento. Tale metodo si distingue sia dall’apprendimento competitivo che dall’apprendimento individualistico e, a differenza di questi, si presta ad essere applicato ad ogni compito, ad ogni materia, ad ogni curricolo. 
Il lavoro di gruppo non è una novità nella scuola, ma la ricerca dimostra che gli studenti possono anche lavorare insieme senza trarne profitto. Può infatti accadere che essi operino insieme, ma non abbiano alcun interesse o soddisfazione nel farlo. Nei gruppi di apprendimento cooperativo, invece, gli studenti si dedicano con piacere all’attività comune, sono protagonisti di tutte le fasi del loro lavoro, dalla pianificazione alla valutazione, mentre l’insegnante è soprattutto un facilitatore e un organizzatore dell’attività di apprendimento.
Quali vantaggi presenta?
Rispetto ad un’impostazione del lavoro tradizionale, la ricerca mostra che il Cooperative Learning presenta di solito questi vantaggi:
  • Migliori risultati degli studenti: tutti gli studenti lavorano più a lungo sul compito e con risultati migliori, migliorando la motivazione intrinseca e sviluppando maggiori capacità di ragionamento e di pensiero critico;
  • Relazioni più positive tra gli studenti: gli studenti sono coscienti dell’importanza dell’apporto di ciascuno al lavoro comune e sviluppano pertanto il rispetto reciproco e lo spirito di squadra;
  • Maggiore benessere psicologico: gli studenti sviluppano un maggiore senso di autoefficacia e di autostima, sopportano meglio le difficoltà e lo stress.
 Che cosa rende efficace la cooperazione ?
I cinque elementi che rendono efficace la cooperazione sono:
  • L’interdipendenza positiva, per cui gli studenti si impegnano per migliorare il rendimento di ciascun membro del gruppo, non essendo possibile il successo individuale senza il successo collettivo;
  • La responsabilità individuale e di gruppo: il gruppo è responsabile del raggiungimento dei suoi obiettivi ed ogni membro è responsabile del suo contributo;
  • L’interazione costruttiva: gli studenti devono relazionarsi in maniera diretta per lavorare, promuovendo e sostenendo gli sforzi di ciascuno e lodandosi a vicenda per i successi ottenuti;
  • L’attuazione di abilità sociali specifiche e necessarie nei rapporti interpersonali all’interno del piccolo gruppo: gli studenti si impegnano nei vari ruoli richiesti dal lavoro e nella creazione di un clima di collaborazione e fiducia reciproca. Particolare importanza rivestono le competenze di gestione dei conflitti, più in generale si parlerà di competenze sociali, che devono essere oggetto di insegnamento specifico;
  • La valutazione di gruppo: il gruppo valuta i propri risultati e il proprio modo di lavorare e si pone degli obiettivi di miglioramento.
L'efficacia della metodologia cooperativa è data inoltre dal supporto di alcuni comportamenti e valori specifici.
All'interno di questo quadro generale, le diverse interpretazioni del principio di interdipendenza e delle variabili più significative nell'apprendimento (interazione, motivazione all'apprendimento, compito e ruolo dell'insegnante) hanno originato lo sviluppo di diverse correnti o modalità di Cooperative Learning.
Attualmente i maggiori gruppi di ricerca sul Cooperative Learning sono quelli di D. Johnson e R. Johnson alla University of Minnesota di Minneapolis, quello di R. Slavin alla Johnns Hopkins University di Baltimora e quello di S. Sharan alla Tel Aviv University di Tel Aviv.
Alcuni aspetti del Cooperative Learning sono ancora oggetto di discussione e di approfondimento: la situazione dei più dotati, l'inserimento di alunni con handicap grave, le modalità in relazione a specifici obiettivi trasversali, la possibilità di sviluppare questo metodo combinandolo con altri e con l'uso delle nuove tecnologie.
E' importante che anche in Italia questa metodologia continui ad essere approfondita, studiata e sviluppata e che non diventi una nuova moda che prima crea entusiasmo e poi viene presto accantonata per una presunta inefficacia dovuta più a un'inadeguata applicazione che non al metodo in sé.
Torna a indice Curiosità
Cooperative learning, USA
Sintesi: Nel corso del 2000 si è aperto, in USA, un dibattito su come condurre le lezioni in classe e la conseguente disposizione degli arredi.





Nelle scuole statunitensi sembra emergere la tendenza a disporre i banchi a cerchio o a ferro di cavallo, oppure divisi in tanti quadrati o triangoli per 4 - 6 alunni ognuno. Nel primo caso, l'insegnante sta al centro, nel secondo si sposta da un gruppo all'altro. In certe scuole, la disposizione dei banchi, cambia più volte al giorno a seconda degli insegnanti o delle materie. E non mancano le classi dove anziché banchi si trovano tavoli, o dove i ragazzi siedono a terra sul tappeto.
Una rivoluzione che suscita perplessità in molti genitori e apre dibattiti alla radio, tv e nei giornali. Il cambiamento è cominciato una decina di anni fa e pare che le classi con i banchi in fila siano ora una minoranza. Il merito, o la colpa, vine attribuito a un discusso metodo di insegnamento, il "Cooperative learning" (imparare collaborando) praticato in circa il 60% delle scuole americane. Sebbene non sia dimostrato, esso vuole che gli allievi studino di più e meglio se distribuiti in piccoli gruppi di 4-6 appunto.
Christine Mosteller, una professoressa di storia di Washington, caldeggia la nuova disposizione dei banchi. "Le file tradizionali - afferma - avevano un che di militaresco, erano un simbolo di disciplina, come le uniformi. Falsavano il rapporto tra i ragazzi e gli insegnanti. Con i banchi disposti in modo diverso, cresce la partecipazione degli alunni". Al contrario, Anthony Navarro, il preside del liceo Mount Harmony nel Maryland, insiste sulle file: "E' l'unico modo per l'insegnante di vedere tutti gli allievi e di tenerne avvinta l'attenzione. Il nuovo metodo è caotico, e nei compiti in classe favorisce i disonesti".
Il direttore del "Cooperative learning center", il professore Roger Johnson dell'università del Minnesota, sostiene che, "non più ostaggi delle file, i ragazzi imparano il lavoro di squadra, soprattutto se divisi in gruppi". A suo parere, "questo metodo è molto più fruttifero". Johnson ritiene addirittura che la disposizione dei banchi debba cambiare con le materie "perché ciascuna richiede un diverso ambiente". Gail Womble, la direttrice didattica delle elementari Rachel Carson in Virginia, è invece dell'avviso che sia controproducente: Si formano caste di studenti - obbietta -, i più bravi in un gruppo, i meno bravi in un altro. Molti restano indietro. E si creano ostilità tra i capi gruppo".
Ma che cosa ne pensano i ragazzi? Il Washington Post ne ha intervistati alcuni, e ha scoperto che sono spaccati in due, come gli insegnanti. Justine Hoy, della media Takoma Park, preferisce il nuovo metodo: "Ci si aiuta a vicenda, ed è importante: quando le classi sono numerose, i professori non riescono a fare tutto". Ma Paul Brown, della media Dear Park, si lamenta: "Nel nuovo metodo le distrazioni abbondano, forse ci si diverte di più ma certamente si studia di meno". Ed è il giudizio di molti genitori.
Ma non è finita. Molti medici si oppongono alla disposizione dei banchi in quadrati o in triangoli perché i 4-6 alunni sono costretti a girarsi per seguire l'insegnante o guardare la lavagna, spesso per periodi assai lunghi.
E la dottoressa Kathleen Finch della Clinica di Bethesda, la clinica dei presidenti, teme che i ragazzi prendano il torcicollo. La soluzione? "L'unica saggia alternativa alle file - dice - è il ferro di cavallo"
 Insegnare a studenti con problemi attraverso metodologie differenziate di gestione della classe
I PROBLEMI SU CUI INCIDERE
"Questi ragazzi non hanno voglia di studiare"; "I ragazzi non sanno comunicare, spiegare bene le cose, esprimere in modo chiaro le loro idee ..."; "Sono molto egocentrici ed immaturi..."; "Sono poco scolarizzati, non stanno attenti, sono indisciplinati e, oggi più di ieri, si muovono in continuazione..."; "E' difficile individualizzare l'apprendimento quando ti trovi a lavorare con alunni portatori di problemi così diversi tra loro: c'é chi é isolato, chi vuole prevalere sugli altri, chi é in costante ritardo nei ritmi di apprendimento e chi si confronta con un ideale talmente perfetto che non porta mai a termine il lavoro ....."; "Vorrei trovare delle soluzioni didattiche più efficaci ma è difficile farlo da soli, così come é arduo riuscire a concordare qualche intervento con i colleghi...".
Se raccogliamo le impressioni dei ragazzi invece  sentiamo dire: "Questa materia é proprio noiosa ..."; "... l'insegnante dice tante cose, ma dimentica di insegnarci a studiare ..."; "Questa scuola è troppo difficile!"; "Meglio cercarsi un lavoro ben pagato che continuare a perdere tempo solamente per avere il pezzo di carta".
Queste possono essere un campione di affermazioni e percezioni che insegnanti e studenti nutrono nei confronti della scuola e dell'apprendimento. Esse fanno riferimento a problemi di comportamento, di mantenimento della disciplina, di motivazione, di impegno responsabile verso i compiti scolastici, insoddisfazione professionale, di disagio verso la scuola.
Questi sono solo alcuni dei problemi che, ogni giorno, insegnanti ed alunni si trovano a vivere sulla loro pelle e che, se non affrontati, portano al “burn out” dei docenti e al disagio e alla dispersione scolastica degli studenti.
Fin dove possono intervenire gli insegnanti curricolari, oltre a quello che abitualmente fanno per gestire la classe, per agire con efficacia anche nei confronti di quegli alunni non "certificati" ma considerati "problematici"?
Come é possibile intervenire dando risposte individualizzate lavorando con classi composte da più di 20 studenti?
Qual é il ruolo dell'insegnante di classe in relazione a quello di insegnanti di sostegno, di consulenti esterni dell'A.S.L., di eventuali figure di psicopedagogisti o psicologi scolastici presenti nell'istituzione, di assistenti sociali o altro personale della scuola?
Fino a che punto il rapporto con le famiglie diventa un tassello essenziale della gestione di situazioni problema e chi lo deve gestire?
Quali metodologie / strategie di insegnamento possono essere utili attuare per gestire situazioni problema sempre più variegate?

IL RUOLO DELL'INSEGNANTE
 Ci sembra che agli insegnanti possano essere affidate alcune funzioni fondamentali:
1. quella di istruire, cioè di aiutare gli allievi ad acquisire padronanza di abilità e di conoscenze disciplinari;
2. quella di condurre la classe, cioè di definire regole e procedure, tenendo costante l'attenzione e la partecipazione durante la lezione;
3. quella di socializzare gli studenti e mantenere un buon clima di classe.
Spesso succede che non tutti gli studenti reagiscano in maniera positiva agli interventi di istruzione, gestione della classe o socializzazione e che sia necessario un lavoro suppletivo, che richiede ulteriori abilità.
Per rispondere agli interrogativi sovraesposti, infatti, sono necessarie la capacità di analizzare la situazione, di decodificare le diagnosi dei diversi specialisti, di condurre interviste finalizzate a raccogliere le informazioni utili alla costruzione di un piano di intervento.
Ma prima ancora é indispensabile l'apertura ad accorgersi che c'é un problema e che su questo problema é possibile intervenire efficacemente anche se risulta difficile; é vitale pensare che sia effettivamente possibile risolvere il problema e che il primo passo per fare ciò consista nell'affrontarlo, superando l'ansia, l'impotenza, l'inadeguatezza o la rabbia, che coglie chiunque di fronte ad una situazione nuova, complessa e stressante.

Daniela Pavan, Piergiuseppe Ellerani

fonte: edscuola.it