Befana: poesie e filastrocche per bambini

Siti contenenti Poesie e Filastrocche sulla Befana

Fantasiaweb
Poesieracconti
Ilpaesedeibambinichesorridono
Carabefana
PensieriInVolo
Nostrofiglio
Mondosilma
Reportonline

Microsoft PowerPoint 2010


Microsoft PowerPoint è una delle applicazioni più complete per lacreazione di slideshow, a casa, a lavoro, a scuola, tanto che "powerpoint" è praticamente diventato sinonimo di "presentazione". Il suo successo è dovuto essenzialmente alla grande usabilità, che lo rende un vero campione della suite Office. Microsoft PowerPoint può essere provato gratis per 60 giorniscaricando la versione di prova di Office dal sito ufficiale.
Microsoft PowerPoint è il più celebre programma per creare una presentazione professionale, in circolazione. Insieme a ExcelWordAccess fa parte della suite per l'ufficio Microsoft Office 2010, un insieme di programmi indispensabili per creare e modificare documenti di vario tipo.
I "fogli" di lavoro di PowerPoint si chiamano diapositive e possono essere arricchiti con testi, immagini, video, grafici, forme e via dicendo. Per abbellire lo scorrere delle immagini sullo schermo si possono aggiungere animazioni e transizioni e persino musica ed effetti sonori. I numerosi template già pronti, permettono di creare subito uno slideshow d'impatto anche ai neofiti.
In questa nuova versione di Microsoft PowerPoint 2010 l'interfaccia ribbon è ancora più chiara e pulita, ampiamente personalizzabile in base alle tue necessità. Tra le funzioni poco di nuovo: è finalmente possibile aggiungere video nelle presentazioni di Microsoft PowerPoint, accedere a varie possibilità di editing di immagini senza dover uscire dall'applicazione e avvalersi di nuovi effetti e transizioni.
Microsoft PowerPoint 2010 migliora anche la fase di esportazione della presentazione: adesso puoi convertire un powerpoint in video senza dover ricorrere a programmi di terze parti come E.M. Free PowerPoint Video Converter. Infine, grazie a SharePoint, puoi caricare i tuoi slideshow online e lavorarci a distanza insieme ad altri collaboratori. E persino trasmettere una presentazione sul web in tempo reale!
In prova per 60 giorni.



Microsoft Office 2010, per la scuola e la casa


Microsoft Office 2010 Home and Student è la versione base della suite per l'ufficio più popolare del pianeta. Progettata appositamente per necessità scolastiche e casalinghe.

Microsoft Office 2010 Home and Student è la più economica fra le tre versioni della suite per l'ufficio Microsoft. Include Word, Excel, PowerPoint e OneNote. Pensata per gli studenti che abbiano bisogno di usarla per ricerche e compiti scolastici e per le casalinghe e i capifamiglia che vogliano gestire il budget familiare, Microsoft Office 2010 Home and Student è l'ideale per chi non voglia spendere troppo, ma avere una suite completa e di grande usabilità.
Microsoft Office 2010 è in italiano e ci colpisce subito per la chiara interfaccia e i miglioramenti nelle performance. Adesso tutte le applicazioni di Microsoft Office 2010 sono caratterizzate dalla famosa interfaccia ribbon, introdotta già nellaversione 2007. Tuttavia il design è più sobrio e il programma più leggero: si avvia più in fretta ed è più stabile durante l'uso.
Per quanto riguarda le nuove funzioni, ci piace molto la nuova anteprima relativa al Copia/Incolla che permette di visualizzare come apparirà il brano che si desidera incollare nell'insieme del documento. E un'ottima idea sono anche gli strumenti di traduzione e cattura dello schermo. Ciliegina sulla torta: fanno la loro comparsa funzioni di salvataggio online e condivisione dei documenti.
Tra le altre chicche da segnalare, vari miglioramenti nel menu contestuale. Relativamente a Microsoft Excel, vengono introdotte le sparklines, piccoli grafici riassuntivi che si possono integrare facilmente all'interno dei documenti. E Microsoft PowerPoint? Può riprodurre i video inseriti nelle presentazioni grazie ad un lettore integrato finalmente ben funzionante.
 Insomma, se il gratuitoOpenOffice.org non ti basta, prova Microsoft Office 2010 Home and Student, gratis per 60 giorni.


Canvas: Il tuttofare per le presentazioni scientifiche


Canvas è un'efficiente programma di impaginazione e disegno tecnico: include un completo pacchetto di strumenti per disegnare, impaginare e presentare dati e soluzioni. Un prezioso alleato per i professionisti che desiderano creare pubblicazioni di alto profilo in poco tempo
Dagli sviluppatori del popolare programma di gestione fotografica ACDSee Photo Manager, ecco Canvas, un potente software che ti permette di lavorare dalla stessa interfaccia a illustrazioni tecniche, presentazioni, pubblicazioni e tanti altri tipi di creazioni grafiche. Diversamente da ACDSee, Canvas è un programma per un'utenza professionale con specifiche competenze tecniche: ingegneri, geologi, architetti, medici e così via.
Tuttavia grazie a Canvas lavorare a disegni tecnici diventa molto più semplice e rapido. Canvas ti permette di importare e combinare senza troppi sforzi materiali di diverso tipo: immagini, documenti, testi, animazioni. Supporta un amplissimo ventaglio di formati, dai PDF ai DWG e può contare su un solido corredo di strumenti di misurazione millimetrica, oltre al supporto per gli standard GIS e i file CGM.
Insomma, Canvas si rivela un programma flessibile e affidabile, ricco di opzioni e strumenti. Così tanto ricco che a volte ci si può trovare a setacciare i menu alla ricerca di una specifica funzione: tra menu e sottomenu l'interfaccia risulta un po' ingarbugliata. In questi casi, puoi usare l'ottima guida utenti in PDF di Canvas che puoi scaricare dalla nostra sezione Extra.

Intercultura blog, dedicato all'italiano L2


Blog della Zanichelli dedicato alla lingua italiana e all'intercultura. Ogni settimana si possono trovare nuovi articoli ed esercizi.

Schede di Storia per i ragazzi che studiano l'italiano come L2

Schede di storia della Zanichelli dedicate ai ragazzi e alle ragazze che imparano l'italiano come seconda lingua.

Vai alle schede

Schede di Geografia per i ragazzi che studiano l'italiano come L2

Schede di geografia della Zanichelli dedicate ai ragazzi e alle ragazze che studiano l'italiano come seconda lingua.

Vai alle schede

Diritti e Doveri degli Immigrati

Documento pdf della Zanichelli che elenca i diritti ed i doveri degli immigrati. E' rivolto agli studenti ma utile anche agli adulti.

Guarda il Documento pdf

Open Office per i bambini



OOo4Kids dovrebbe essere l'OpenOffice dei bambini. Sempre gratuito e ricco di funzioni e ampia compatibilità, propone un design semplificato dedicato ai più piccini. Può migliorare in quanto a extra e attenzione all'usabilità
Impaginare la ricerca di scuola per impressionare la maestra. Comporre una colorata presentazione di foto da far vedere agli amichetti. Mettere insieme un foglio di calcolo automatico per sommare tutte le proprie piccole spese e dimostrare a papà la necessità inevitabile di una paghetta. Possono essere mille le occasioni per sfruttare OOo4Kids.
OOo4Kids è una suite di programmi per scrivere, far di conto, disegnare, presentare le foto e persino creare pagine web e biglietti da visita. Esattamente come Microsoft Office o OpenOffice.org. La particolarità non di poco conto è che è appositamente pensato, a detta dei curatori, per i bambini dai 7 ai 12 anni.
Pertanto l'interfaccia di OOo4Kids (in italiano ovviamente) è stata semplificata e i pulsanti e i comandi sono più grossi e colorati. OOo4Kids è un programma indispensabile per il primo computer di tuo figlio. Potrà ad esempio, scrivere sull'editor di testi (Writer) e salvare in tanti formati, dal basico TXT al popolare DOC.
Pochi i contro di questa prima versione stabile. Forse si poteva fare qualcosa di più per semplificare l'interfaccia e le funzioni, e renderle ancora più a portata di bambino. Di certo la dotazione di immagini, clipart e template di OOo4Kids è insufficiente per la creatività di un bambino. E forse si potevano trovare nomi più adatti (e immagini più originali) per i template di presentazione. Difficilmente un undicenne troverà utile uno slideshow dall'attraente nome di "Consiglio di strategia".



il Decameron di Giovanni Boccaccio audiolibro


il Decameron di Giovanni Boccaccio raccontato in formato MP3, iPOD o OGG

Vai all'audiolibro

Corsi Microsoft per Docenti online gratuiti con attestato finale


Potenziate le vostre competenze su Windows 8 con il corso gratuito 

Alla fine del corso verrà rilasciato un attestato per la formazione online di 5 ore complessive da Dirscuola, Ente accreditato MIUR (Ministero 
della Pubblica Istruzione, dell’Università e della Ricerca)! Entrate su Partners in Learning Network, approfittate dell’omaggio natalizio e iniziate subito il video corso gratuito sul nuovo sistema operativo 



Fatevi un regalo di Natale con i corsi gratuiti su Learning Suite 

Approfondite le vostre conoscenze con gli strumenti per una scuola multimediale, accedete a Partners in Learning Network e iniziate subito i video corsi . Come certificazione, Dirscuola, Ente accreditato MIUR, rilascerà un attestato a chi a termina l’intero percorso.






Iscrivendovi a Partners in Learning Network, potrete approfondire le vostre conoscenze su Office 365 e sapere tutto ciò che serve per portare la vostra scuola sulla Cloud. Alla fine del corso verrà rilasciato un attestato per la formazione online di 10 ore complessive, certificato da Dirscuola, Ente accreditato MIUR (Ministero della Pubblica Istruzione, dell’Università e della Ricerca).

Sportello Docenti online


Psicologi e psicoterapeuti dell'IdO (Istituto di Ortofonologia) e adolescentologi della SIMA (Società Italiana di Medicina dell'Adolescenza), rispondono alle domande degli insegnanti sul rapporto con gli studenti e sulle molteplici dinamiche che riguardano il mondo della scuola.

Sesso è Meglio: rubrica di educazione sessuale per i giovani


La nuova rubrica “SeSso è meglio!” su Dire Giovani.it,  raccoglie tutte le informazioni utili su sessualità e affettività... tutto ciò che volete sapere su sesso, amore, rapporto con l’altro e con il corpo.
Nella sezione Parliamo di... troverete gli articoli dei nostri esperti, medici e psicologi, sui temi legati ai sentimenti e al sesso: tutto su innamoramento, delusioni amorose, metodi contraccettivi e molto molto di più!
Sotto la voce Lo sapevi che… potrete scoprire, invece, tutte le curiosità, gli aneddoti, le storie d’amore di personaggi, famosi e non, e i miti da sfatare su sessualità e amore.
Avete bisogno di una visita specialistica? Avete dubbi su un rapporto a rischio? Volete sapere dove si trova il consultorio più vicino? Nella sezione A chi mi rivolgo se... troverete tutti i consigli utili i contatti per sapere come, dove e a chi rivolgervi.
Se avete dubbi, domande, storie da raccontare o avete bisogno di un consiglio scrivete nello spazio Dubbi o domande? e uno dei nostri psicologi o medici vi risponderà.
L’iniziativa è nata grazie alle migliaia di domande che ci sono arrivate da voi, ragazzi e ragazze, che incontriamo negli sportelli d'ascolto nelle scuole e che scrivono al servizio online Chiedilo agli esperti, con la speranza che possiate trovare qui le risposte che state cercando!


SCHOOLBOOK: l’offerta formativa delle scuole italiane


Schoolbookè la rubrica dedicata agli istituti scolastici di tutta Italia e alla loro offerta formativa realizzata per dare spazio a tutte le attività proposte dalle scuole per i giovani e, in particolare, a tutte quegli istituti che da molti anni collaborano con Diregiovani.it prendendo parte alle tante iniziative promosse dal portale: i giornali on-line, la web Tv, le rubriche tematiche, i concorsi, lo sportello d’ascolto e l’evento annuale Diregiovani Direfuturo – Festival delle giovani idee. Tutte le informazioni utili, le attività curriculari ed extrascolastiche, i laboratori, gli indirizzi di studio, gli eventi, i contributi realizzati dai ragazzi e i loro commenti..e molto di più!

PRIMARIA NEWS: il giornalino delle elementari


Dalla scuola al Web: il giornale degli studenti finisce in Rete...La partecipazione è completamente gratuita. Ogni studente o gruppo classe può aderire al contest senza alcun limite di invio dei contributi, purché ne sia garantita la costanza.

Nell'ambito del progetto "Giovani domani", gli studenti* di tutta Italia potranno far conoscere le loro penne digitali selezionate e raccolte in "prima pagina" su "Primaria News - il giornalino delle elementari". I contributi testuali (articolo/racconto/recensione/poesia) - dal titolo massimo di 40 battute, senza sottotitolo e con corpo composto da circa 1500/2000 battute (spazi inclusi), pari a 15 righe dovranno essere inviati alla mail:

primarianews@diregiovani.it


E siccome anche le foto "parlano", e’ ammesso l’invio di foto e/o disegni relativi ai contributi purchè originali e in alta risoluzione, in formato jpg, allegate e non inserite nel testo. Le immagini verranno pubblicate all'interno del periodico.

Il materiale inviato alla Redazione "Dalla Scuola - il giornale degli studenti" sarà considerato valido ai fini del Concorso GIORNALISTINERBA. 

*per la pubblicazione, indicare sempre il nome ed il cognome dell'autore, la classe di appartenenza con la sezione espressa, il nome della scuola e la città
**al fine della pubblicazione potranno essere apportate minime modifiche

Rapporto MdS sullo stato di salute del Paese


Il cuore uccide le donne, il cancro gli uomini: ecco come sta l'Italia
Rapporto del Ministero della Salute sullo stato di salute del Paese, tra sanità e ambiente

ROMA - Quasi 600mila decessi solo nel 2009, gran parte donne: le malattie del sistema circolatorio sono la prima causa di morte in generale, nel particolare le malattie cardiovascolari lo sono tra le donne, i tumori tra gli uomini. I dati, dell'Istat, sono rilanciati nella Relazione sullo stato sanitario del Paese al 2011 presentato oggi presso il ministero della Salute dal ministro Renato Balduzzi alla presenza del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Ambiente e stili di vita sono due passaggi alla fine fondamentali per quanto riguarda la salute: si va dai siti di interesse nazionale per le bonifiche all'eccesso ponderale che riguarda oltre il 40% degli italiani.

Tornando però al numero dei decessi avvenuti in Italia, nel 2009, ammonta a 588.438, di cui 286.619 maschi (48,7%) e 301.819 femmine (51,3%). L'analisi della mortalità per causa conferma che le malattie del sistema circolatorio sono la prima causa di morte con 224.830 decessi (il 38,2%), seguite dai tumori con 174.678 decessi (il 29,7%). Tra le donne, le malattie cardiovascolari si confermano principale causa di morte con 127.060 decessi (il 42,1%), mentre i tumori rappresentano la seconda causa con 76.112 decessi (il 25,2%). Tra gli uomini, la prima causa di morte è rappresentata invece dai tumori con 98.566 decessi (il 34,4%), seguita immediatamente dalle malattie del sistema cardiocircolatorio con 97.770 decessi (il 34,1%).

La Relazione poi tocca l'argomento tabacco: attribuite al fumo dalle 70.000 alle 83.000 morti l'anno, oltre il 25% di questi decessi è compreso tra i 35 ed i 65 anni di età. Su 52 milioni di abitanti con età superiore ai 14 anni, i fumatori sono circa 11,6 milioni (22,3%) di cui 7,1 milioni di uomini (28.4%) e 4,5 milioni di donne (16.6%). Nelle ultime settimane si è parlato molto dell'importanza dell'ambiente sullo stato della salute degli italiani, anche per casi particolari. Nella relazione del ministero si parla infatti del progetto 'Sentieri', (Studio epidemiologico nazionale dei territori e degli insediamenti esposti a rischio da inquinamento), finanziato dal ministero della Salute nel quadro della ricerca finalizzata 2006, coordinato dall'Iss si è concluso nel 2011.

Il progetto ha analizzato la mortalità delle popolazioni residenti in prossimità di aree dove sono ubicati grandi centri industriali attivi o dismessi, o di aree oggetto di smaltimento di rifiuti industriali e/o pericolosi. Tali aree presentano un quadro di contaminazione ambientale e di possibile rischio sanitario che ne ha determinato l'inserimento nell'ambito dei “siti di interesse nazionale per le bonifiche” (Sin). Lo studio ha preso in considerazione 44 dei 57 Sin compresi al 2010 nel “Programma nazionale di bonifica”, che coincidono con i maggiori agglomerati industriali nazionali; per ciascuno di essi si è proceduto a una raccolta di dati di caratterizzazione e successivamente a una loro sintesi. La mortalità per 63 cause singole o gruppi di cause è stata studiata per ogni sito, nel periodo 1995-2002 ed i risultati sono stati pubblicati nel 2011.

Nell'insieme dei Sin la mortalità per le cause di morte, con evidenza a priori Sufficiente o Limitata con le esposizioni ambientali presenti, supera l'atteso con 2.439 decessi in eccesso per gli uomini e 1.069 decessi in eccesso per le donne. Anche nell'analisi di tutte le cause di morte si osserva tale sovramortalità: il totale dei decessi, per uomini e donne, è di 403.692, in eccesso, rispetto all.atteso, di 9.969 casi, con una media di oltre 1200 casi annui. La quasi totalità dei decessi in eccesso si osserva nei Sin del Centro-Sud. La distribuzione delle cause di morte mostra che l'innalzamento della mortalità rispetto all.atteso nei residenti dei 44 Sin non è uniforme per le diverse cause: la mortalità per tumori è il 30% di tutti i decessi ma è il 43.2% dei decessi in eccesso (4.309 decessi per tumore su 9.969 decessi totali). I risultati indicano che lo stato di salute della popolazione residente in prossimità dei Sin, per quanto sinora misurato attraverso l'analisi della mortalità, è meno favorevole di quello della popolazione di riferimento regionale e forniscono un'ulteriore indicazione della necessità di promuovere e realizzare efficaci azioni di bonifica dei Sin o, nel caso dei siti industriali in attività, di ridurre significativamente le emissioni industriali.

A tal proposito il Piano nazionale della Prevenzione 2010/12 (Pnp), include linee strategiche mirate a migliorare i requisiti igienici di qualità dell'aria indoor (Iaq) nelle scuole e negli altri ambienti frequentati dai bambini. Il ministero della Salute partecipa alla Gard internazionale (International global alliance against chronic respiratory disease), alleanza promossa dall'Oms comprendente organizzazioni, istituzioni ed agenzie che lavorano per migliorare la salute respiratoria tramite un approccio globale per la sorveglianza, la diagnosi, la prevenzione ed il controllo delle malattie respiratorie croniche.

Nella Relazione si sottolinea l'importanza dello stile di vita a proposito dello stato di salute: il peso corporeo risulta così fondamentale. Secondo i dati del 'Passi 2010' (Progressi delle aziende sanitarie per la salute in italia) il 32% degli adulti risulta in sovrappeso, mentre l'11% è obeso: complessivamente, quindi, più di quattro adulti su dieci (42%) sono in eccesso ponderale. L'eccesso ponderale cresce in modo rilevante con l'età ed è più frequente negli uomini, nelle persone con basso livello di istruzione e in quelle con maggiori problemi economici, con differenze statisticamente significative nel confronto tra Regioni: la P.A. di Trento è il territorio con la percentuale più bassa di persone in sovrappeso/obese (29%), mentre la Puglia è la regione con la percentuale più alta (49%).

Il 97% degli intervistati ha dichiarato di mangiare frutta e verdura almeno una volta al giorno, il 39% ha riferito di mangiarne 3-4 porzioni. Solo il 10%, però, ha riferito un consumo di almeno 5 porzioni al giorno di frutta e verdura. Le donne sono quelle che consumano più frequentemente 5 porzioni al giorno, poi le persone più adulte (50-69 anni) e quelle con un alto livello di istruzione. Il valore più basso si registra nelle Asl della Calabria (6%), il più alto in Liguria (20%).

I dati “Passi” 2010 evidenziano che un terzo della popolazione tra 18 e 69 anni è completamente sedentario, non svolgendo nessun tipo di attività fisica, né al lavoro né nel tempo libero. La sedentarietà risulta più diffusa al Sud, tra i 50-69enni, nelle donne, nelle persone con livello di istruzione più basso e in quelle che riferiscono molte difficoltà economiche.

Tra le strategie proposta dal Piano Nazionale per favorire uno stile di vita sana e attiva della Prevenzione 2010-2012 il progetto Buone pratiche sull’alimentazione – Intervento di promozione di prodotti ortofrutticoli freschi, più noto come E...Vai con la frutta finalizzato ad incrementare il consumo di frutta e verdura nella scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado e nei luoghi di lavoro ha visto il coinvolgimento delle regioni Toscana, Campania, Marche, Puglia, Sicilia, con il supporto scientifico del Creps-Università di Siena.

11 dicembre 2012


Concorso scuola, finora i bocciati sono circa il 65%


Dopo 13 anni di assenza torna il concorso degli insegnanti: 38,4 anni l'età media dei candidati. Profumo: "Così il Paese torna normale"

ROMA - Torna il concorso degli insegnanti dopo 13 anni di assenza. Stamattina l'avvio delle prove preselettive che si svolgeranno oggi e domani in tutta Italia. Nelle 2.500 aule precettate per la prova tutta computer based, da svolgere su computer, ci saranno i 321 mila iscritti alla selezione e anche oltre 2 mila aspiranti insegnanti che hanno fatto ricorso contro il bando emesso dal ministero.

I PRIMI RISULTATI - "Ci aspettavamo esattamente intorno al 30%, era la media anche del concorso per dirigenti". Lo dichiara Giovanni Biondi, capo dipartimento del Miur, rispondendo alla domanda di Maria Piera Ceci che condurra' alle 21.00 speciale scuola su Radio 24, se si aspettava una percentuale di successo maggiore del 34 per cento. E' iniziata oggi la prova preselettiva per il concorsone della scuola. Le prove andranno avanti tutto il giorno, ma questa mattina sono stati forniti dal ministero della pubblica istruzione i dati su com'e' andata la prima sessione, quella delle 9, a cui hanno partecipato 32.500 persone circa. Ha superato i test il 34,1% degli aspiranti prof, con punte oltre il 40% nelle regioni del nord e dati invece molto piu' bassi (fra il 20 e il 27%) nelle regioni del sud.
"Ci aspettavamo esattamente intorno al 30%, era la media anche del concorso per dirigenti"- ha continuato Biondi. E per quanto riguarda il gap fra 'promossi nelle regioni del nord e del sud, per Biondi "dipende dalla preparazione dei candidati, non posso dire che i candidati al sud siano meno preparati, anche perche' molti candidati del sud hanno scelto come regione per concorrere quelle del nord dove ci sono piu' posti disponibili. Certo al sud c'e' maggiore disoccupazione e avevamo numeri maggiori di candidati ed e' possibile che non tutti si siano preparati a dovere e hanno fatto il concorso tanto per fare". Biondi ha anche spiegato che "non si sono registrate difficolta' tecniche", nonostante le prove si stiano tenendo tutte per via telematica e dunque nonostante la macchina gigantesca con 48.000 postazioni attive nelle scuole. CONTINUA A LEGGERE