Vademecum dello Sciopero nella Scuola


Sistemi di Istruzione e Formazione in Europa

Strutture dei sistemi di istruzione e formazione è una serie di descrizioni nazionali in cui sono indicate tutte le tipologie e le fasi di apprendimento. Pertanto, tali descrizioni possono essere considerati come un importante supporto a tutti coloro che desiderano ottenere informazioni complete e succinte su uno o più sistemi nazionali di istruzione. La struttura generale di ogni descrizione nazionale è simile a consentire il confronto rapido e facile.

Vai alla sezione Eurydice con le Strutture di tutti i Paesi Europei

Educazione Finanziaria per la Scuola


E' nato economiascuola.it, il primo portale di educazione finanziaria dedicato a tutti i docenti italiani per favorire l'insegnamento dell'economia a scuola. Ideato dal Consorzio PattiChiari e da ANP, Associazione Dirigenti e Altre Professionalità della Scuola, il portale offre agli insegnanti nozioni di carattere generale sull'economia e strumenti didattici innovativi per proporre la tematica ai loro studenti: Oltre a queste due sezioni ce n'è una terza interattiva, una sorta di social network per lo scambio di informazioni ed esperienze.

L'obiettivo di questo nuovo strumento è quello di portare la cultura dell'educazione finanziaria nelle scuole attraverso un approccio interdisciplinare che aiuta a collocare l'economia nell'ambito delle materie insegnate in classe. Dunque non si parla di proporre agli studenti delle scuole superiori un ulteriore carico di lavoro, bensì di far accrescere il loro interesse per i temi finanziari che sono e saranno sempre più presenti nella loro vita.



Corso di Italiano per immigrati "Io parlo Italiano"


"Io parlo italiano" è un progetto promosso dal Dipartimento per gli Affari Sociali, della Presidenza del Consigli dei Ministri in collaborazione con il Ministero della Pubblica IstruzioneRai Educational e i Centri territoriali per l'educazione permanente degli adulti.

I contenuti sono affidati ad un comitato scientifico indicato dal Ministero della Pubblica Istruzione e composto da un gruppo di esperti del mondo della glottodidattica, della linguistica e dell'educazione interculturale.

Gli Enti certificatori sono l'Università per Stranieri di Siena, l'Università per Stranieri di Perugia, l'Università di Roma TRE e la Società Dante Alighieri.
Rai Educational gestisce il progetto, realizzato per la parte tecnica dalla società 
S3 Data

Ottimo anche per chi fa Corsi di Alfabetizzazione per stranieri 

Lezioni di Scenografia gratis


Una serie di casi studio concreti e gratuiti esemplificano le varie fasi della progettazione e della realizzazione di numerose scenografie secondo un grado progressivo di complessità del progetto. Proposto da RAI Educational.

Mercatini di Natale in Italia, in Europa e nel Mondo


Viaggio attraverso i Mercatini di Natale in Italia, in Europa e nel Mondo

Istruzione Agraria online

Il sito Istruzione Agraria online è un luogo di studio ed informazione rigorosa che va affrontata con la voglia di imparare e di capire. Lo scopo è quello di fornire informazioni sull'agricoltura, sulla zootecnia e sull'ambiente. 
Nato come strumento didattico dedicato agli studenti di Istituti Tecnici, Professionali Agrari e Facoltà di Agraria e Veterinaria, si è ampliato nel corso degli anni diventando un punto di riferimento per tutti quelli che si occupano di attività agricole, intese in senso lato (coltivazioni, allevamenti, trasformazioni di prodotti agricoli, agriturismo, vendita di prodotti aziendali, ecc.), sia a livello professionale che amatoriale. 
Un campo tanto vasto e complesso subisce continui aggiornamenti e nuove scoperte, pertanto le pagine sono in costante evoluzione.


Vai al sito

Scuola: cosa si deve Fare e cosa si puo’ non Fare

Vademecum della Gilda Unams di Venezia, piccoli consigli per l’inizio dell’anno scolastico 2010-11 ma ancora valido

Guarda il Vademecum

L'arte spiegata ai truzzi (in lingua originale)

  La difesa delle radici culturali e dell'identità d'un popolo sono temi ricorrenti nell'analisi delle opere d'arte. Spesso chi le ascolta in una lingua non sua non recepisce appieno il messaggio perdendo gran parte del significato e della ragion d'essere. A favore dei truzzi, che vengono ormai classificati come vera e propria etnia, viene in aiuto il sito http://lartespiegataaitruzzi.tumblr.com/ spiegando in dialetto stretto le opere artistiche più importanti. Da provare e far provare.

Vai al sito lartespiegataaitruzzi

Movimento 5 Stelle Sicilia: Proposte per una "Buona Scuola"



Cari colleghi, come Movimento 5 Stelle Sicilia, abbiamo costruito, sulla  istanze della base degli iscritti, un programma politico da integrare col programma Nazionale, per una Buona Scuola, dai contenuti volti al miglioramento ed alla tutela della scuola, la scuola come diritto; che è stata offesa, vilipendiata ed impoverita. Lo scandalo nasce dal fatto, che proprio sulla Scuola, sono stati fatti i peggiori tagli sia nei contenuti, che nell'organizzazione tecnico - didattica. Il lavoro svolto, è il frutto di una riflessione profonda all'interno del Movimento, analizzando le problematiche più disparate, e cercando di dare risposte, per quanto possibile, più appropriate.

Un solo obiettivo, motivazione, migliorare l'offerta formativa per gli studenti.

(Funzionamento e struttura)

 1     Azzeramento del finanziamento alle scuole private, e destinare tutti i fondi per le scuole private a quellepubbliche.(223.000.000 €) (Enti e privatihanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per loStato.)
 1.1         Abolizione del piano di accorpamento degli istituti al solo fine del risparmio economico se si compromette l'efficienza amministrativa e didattica.
 2     Abolizione della legge ex Aprea (DL 953 privati nelle scuole pubbliche,chiamata diretta dei docenti da parte dei presidi ).
 3     Abolizione della legge Gelmini. (ha tagliato circa 80.000 cattedre, causato tagli all’organico, condizioni sempre più disagiate, classi affollate, mancata ristrutturazione degli edifici scolastici, mancanza di risorse per esigenze minime (come carta igienica e fotocopie)).
 4     Riconoscimento dello status di scuola a rischio con relativi supporti percontrastare i disagi sociali.(più personale, laboratori, sorveglianza, assistenza sociale ecc...)
 4.1         Riconoscimento dello status di scuola di eccellenza conrelativisupporti per favorire i talenti. (laboratori, personale specializzato, scambi con altri studenti nel mondo, stage ecc...)

(Personale)

 1     Valorizzare (e non abolire) il titolo di studio. (tutelato dalla costituzione (Art. 3. Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese. - Art. 33.L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento.La Repubblica detta le norme generali sull'istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi.Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato.La legge, nel fissare i diritti e gli obblighi delle scuole non statali che chiedono la parità, deve assicurare ad esse piena libertà e ai loro alunni un trattamento scolastico equipollente a quello degli alunni di scuole statali.È prescritto un esame di Stato per l'ammissione ai vari ordini e gradi di scuole o per la conclusione di essi e per l'abilitazione all'esercizio professionale.Le istituzioni di alta cultura, università ed accademie, hanno il diritto di darsi ordinamenti autonomi nei limiti stabiliti dalle leggi dello Stato. - Art. 34.La scuola è aperta a tutti.L'istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita.I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi.La Repubblica rende effettivo questo diritto con borse di studio, assegni alle famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso.) e da tutti quelli che si sono fatti in "4" per ottenerlo)
 2     Divieto di aumentare le ore di lavoro unilateralmente, senza concertazione col personale e contrattazione con i sindacati.(più ore al personale eliminano posti di lavoro,)(in realtà non sono 18 ma 38 ore settimanali (programmazione, progettazione, ricerca, valutazione, documentazione, compilazione registri, aggiornamento e formazione, preparazione lavori per organi collegiali, riunioni, preparazione lezioni, correzione compiti, ricevimenti e rapporti con le famiglie (e con le ASL per i diversamente abili), preparazione lezioni multimediali per LIM, oltre le ore di lotta per difendere la scuola pubblica)
 2.1         Equiparazione degli orari e retribuzioni di tutti gli ordini e gradi alla media europea. (l'orario è in linea con i colleghi dell'O.C.S.E. e superiore a quello dei 21 paesi dell' U.E. ma lo stipendio è inferiore, )
 2.2         Pagamento di tutte le attivita' di presenza oltre le 18 ore (c. d. d., c.d.c., ricevimento genitori, riunioni disciplinari, ecc...) .
 3     Assunzione a tempo indeterminato di chi ha lavorato più di 36 mesi, precedenza assoluta nel reclutamento dei precari delle G.A.E. (come impone una normativa Europea (collegato lavoro) che prevede l'assunzione a T.I. dei precari oltre i 3 anni di lavoro nella stessa azienda o settore produttivo)
 3.1         Pagare fino al 31/08 tutti gli incarichi su posto vacante.
 3.2         Pagamento delle ferie non godute (indennità di vacanza contrattuale).
 3.3         Sblocco (e recupero di quelli pregressi) degli scatti d'anzianità.(bloccati da 4 anni) (e della progressione di carriera del personale a T.D.edell' anzianità pre-ruolo.)
 4     Divieto di indire concorsi, su cattedre con precari presenti in G.A.E. ed annullamento di quello indetto a settembre 2012 (tutti i precari in G.M. e G.A.E. hanno già superato vari concorsi statali, abilitazioni, S.I.S.S.I.S., master, specializzazioni, dottorati, ecc... e gli spetta di diritto entrare di ruolo dopo svariati anni di servizio.) (il concorso è aperto solo agli “over 30” e a chi non è mai entrato in un’aula scolastica e non ha l’abilitazione all’insegnamento)(costerebbe allo stato circa 150.000.000€, uno spreco )(se ci sono 11.000 cattedre libere si DEVONO dare ai precari.)(La maggior parte dei precari presenti nelle graduatorie ha ormai un’età avanzata, lavorando nella scuola da 10 – 20 anni; queste persone molto spesso fanno enormi sacrifici (ad esempio sono costretti a percorrere molti chilometri per raggiungere l’istituto di servizio oppure lavorano su due o tre scuole diverse in contemporanea) e riscuotono stipendi inferiori a quelli dei colleghi di ruolo. In tutti questi anni tali insegnanti hanno acquisito esperienza e hanno avuto il merito di far funzionare le scuole italiane, ma gli anni di servizio non vengono neppure richiesti nella domanda di accesso a questo concorso!)(già soltanto il fatto di dover essere nuovamente esaminati sulle proprie conoscenze e competenze (che invece dovrebbero essere ormai assodate) è già di per sé umiliante.)(le prove del concorso sono strutturate in modo che siano avvantaggiati i non docenti; inoltre non sono basate sul merito.)(questo concorso (e i successivi) saranno responsabili dell’aumento del precariato e della disoccupazione.)(questo concorso e’ strutturato in modo da permettere le raccomandazioni.)(dietro a questo concorso, tra corsi di preparazione, libri, ecc… c’è un giro di denaro impressionante. Come è successo negli ultimi dieci anni, i docenti precari sono soltanto presi in giro: vengono convinti a spendere soldi per specializzazioni, Master, corsi di perfezionamento, ecc… con la promessa di un posto fisso che non arriva mai, con l'unico scopo di far arricchire i docenti universitari e le case editrici.)(Ultimo motivo e,forse,il più importante:questo concorso-truffa quizzone cancellerà le graduatorie di merito dei concorsi precedenti che,tra l'altro,non sono ancora state esaurite.
Dunque oltre il danno anche la beffa di essere sorpassati nelle chiamate per i ruoli,e vengono spezzate e spazzate le attese di precari che hanno superato le tornate precedenti e aspettavano la bella notizia dopo anni di sofferenze.)
 5     Annullamento della riconversione dei sovrannumerari sul sostegno.
 6     Obbligo di convocare in un'unica tornata tutti i docenti ed ata dalle GAEentro il 31 agosto ( e relativo obbligo delle scuole di comunicare le disponibilità entro il 1 agosto).
 6.1         Assegnare a convocazione tutte le ore disponibili (anche glispezzoni di 2 ore).
 6.2         Istituzione di un' unica graduatoria provinciale per legraduatorie d'istituto (senza limiti numerici).
 6.3         Revisione dell'assegnazione dei punteggi (proporzione alservizio, e alla distanza dal luogo di residenza, validare tutti i tipi dicorsi con punteggio in proporzione agli anni di studio (regionali, comunali, scolastici,) e doppio punteggio per scuole a rischio, e nelle isole.
 6.4         Riconoscere l'abilitazione ai diplomati magistrali entro il 2002.
 6.5         Equiparazione dei diritti e dei doveri tra docenti di ruolo eprecari. (permessi, ferie, malattie, asenze, progressione di carriera)
 6.6         Continuita' didattica (scritta sul contratto).
 6.7         Obbligo perle scuole private parificate di assumere il personaledalle G.A.E.
 6.8         Pagamento conutilizzoin compresenza delle ore di “buco”.
 7     Istituzione della figura dell'assistente tecnico in ogni ordine e gradoscolastico. (Il continuo sviluppo delle tecnologie, richiedono la presenza di personale specializzato, che contribuisca alla gestione ed alla conduzione tecnica dei laboratori, diffusi in ogni ordine e grado scolastico, presente nelle scuole superiori, ma non nelle scuole medie ed elementari, dove i laboratori esistono senza supporto ed assistenza tecnica, con conseguente notevole spesa a carico delle scuole, per interventi di ditte esterne. Ha titolo a confluire in questo ruolo, con precedenza quanti hanno i titoli specifici di cui alla Tabella B: requisiti culturali per l’accesso ai profili professionali del personale ATA del CCNL Scuola del 29 novembre 2007, in subordine gli Assistenti Tecnici che hanno superato i corsi di riconversione professionale.
 7.1         Istituzione dell'assistente/docente di classe (che segua gli alunni per tutto il ciclo scolastico).
 8     Semplificazione degli obblighi burocratici a carico dei docenti.(l'insegnamento è un'attività intellettuale che comprende anche studio, ricerca e approfondimento...)
 8.1         Riconoscimento della professione usurante. (rischio di stress, professione di relazione col prossimo (bambini e adolescenti) continuato giornaliero per molti anni consecutivi)
 9     Unificazione delle aree sul sontegno alle secondarie di 2° grado. (è una bella porcheria che continuano a mantenere e poi a scuola di fatto tutti ci occupiamo di tutte le discipline a prescindere dall'area in cui siamo stati forzosamente collocati.)
 10                       Corsi gratuiti d'inglese (certificazione b1) e pc (ecdl) per idocenti della primaria (senza esclusione o penalità per chi in passato non li ha frequentati).
 11                       Elezione diretta del preside da parte del collegio docenti e di tutto il personale della scuola.
 12                       Includere gli asili nido e scuole dell’infanzia comunali tra lescuole pubbliche dipendenti dal MIUR, ed assunzione del personale dalleG.A.E. e G.P. ATA , riaperte al suddetto personale.

(Studenti)

 1     Assoluto rispetto delle norme di legge nella formazione delle classi.(classi pollaio), max 20 alunni in classi con alunno diversamente abile e mai più di 1 per classe. (secondo il Decreto ministeriale del 18/12/1975 ogni alunno deve avere a sua disposizione: 1,80 mq/alunno nelle scuole materne, elementari e medie 1,96 mq/alunno nelle scuole superiori, secondo il D.M. del 26/08/92 - Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica : le aule scolastiche non devono contenere più di 26 persone (alunni ed insegnanti compresi)
 2     Divieto di cambio dei libri di testo prima di 5 anni.
 2.1         Uso di testi autoprodotti dalle scuole e a bassissimo costo.
 2.2         Le tasse scolastiche si devono pagare in base al proprio reddito familiare con molti scaglioni (15.000 esenti , 20, 30, 40, 50, 80, 100 ...).
 3     Estendere il sostegno agli alunni con D.S.A. e con problemid'integrazione sociale e linguistica.
 3.1         Piu' compresenze nelle classi di tutti gli ordini e gradi, ed in particolare alle primarie. (in classe ci sono sempre alunni che hanno bisogno di un percorso personalizzato e del rapporto 1 ad 1)
 3.2         Introduzione del laboratorio curriculare tecno-pratico-manipolativo in tutti gli ordini di scuola (falegname, elettrauto, fontaniere, muratore, saldatore, meccanico, sarta, tapezziere, elettricista, giardiniere, cuoco, danza,DJ,......).
 4     Le commissioni d'esame devonoessere composte da prof. esterni(principio di vicinanza) tranne i coordinatori di classe.
 5     Diario del curriculum dello studente (con voti per materia e finali).
 5.1         Equiparare i punteggi tutti in centesimi in ogni ordine e gradoscolastico.
 6     Premiare le eccellenze anche con assegni o viaggi d'istruzione.
 7     Revisione dei cicli scolastici (Asili Nido da 0 a 3 anni, 3 anni scuoladell'infanzia, di cui obbligo scolastico dai 4 anni d'età, 5 annielementare(3-7), 5 media(8-13), 5 superiori(14-18), 3 università(19-21)),obbligo scolastico fino alla maggiore età.
 8     Potenziamento degli Asili nido, riconoscimento della “continuità educativa” per i bambini in uscita, al fine del loro diretto inserimento con priorità, nella scuola dell’infanzia.
 9     Aumento delle ore di Ed. FisicaArtisticaMusicale in tutti gli ordini e gradi ed in particolare nella scuola primaria.
 10                       Divieto di vendita con i distributori automatici e nelle mensescolastiche di cibo e bevande che non sia certificato come naturale,sano e nutriente.
 11                       Uso dei pcwifilinux e software libero, (riducendo i libri di testo e sostituendoli con ricerche on line).

PROTESTA

(Studenti)
 1.1           Autogestionilezioni tematiche pubbliche (sui problemi della scuola) sia nelle piazze che a scuola invitando genitori e stampa.
(Personale)
 1.2           Incontri lezioni informative nazionali e domenicali (sui problemi della scuola) nelle principali piazze,  aule magne scolastiche,o davanti alle sedi rai.
 1.3           Sensibilizzare le famiglie e i colleghi di ruolo ( + allievi + ore + stress = – diritti - € - qualita').
 1.4           Sospendere le gite e le attività volotarie e non retribuite (per far sapere a casa che si stà distruggendo la scuola pubblica)
 1.5           Non accettare le divisioni degli alunni nelle classi in assenza del docente, le supplenze tappabuchi e le disponibilità.
 1.6           Non aderire a scioperi continui e divisi per sindacati.

DOVE PRENDERE I SOLDI

1.                     Disdire l'acquisto degli F-35, le missioni militari all'estero e ridurre le spesemilitari in genere.
1.       Accorpamento di poliziacarabinieri e guardia di finanza.
2.                     Divieto di pagare stipendi pubblici superioni ai 10.000€ al mese e pensionisuperiori ai 5.000.
1.       Eliminare tutte le provincie ed accorpare Regioni e Comuni.
2.       No a beni di lusso negli uffici pubblici.
3.                     I.C.I. per la chiesa e le banche.
4.                     Super tassa sul lusso ............................................................................ e il resto mancia ... ;)


I veri obiettivi di Monti sulla Scuola

Il presidente Monti oggi a Verona torna a parlare di scuola, ambiguamente. Si dice disposto ad “ascoltare le istanze del mondo della scuola a patto che siano fatte in maniera costruttiva, senza strumentalizzazioni e senza corporativismo”. Il che significa ripetere la convinzione di avere a che fare con un mondo caratterizzato dal corporativismo e che si lascia andare a ciniche strumentalizzazioni. È stato inutile finora ricordagli che i veri corporativismi in questo Paese son ben altri, troppo forti evidentemente per scalfirli. Meglio prendersela con i più deboli.
Monti torna a bollare come “difesa di interessi di breve periodo” le reazioni del corpo docente all’incremento di lavoro, imposto per legge e senza contropartita stipendiale. Una manovra equivalente a tagliare gli stipendi, il vero obiettivo nei riguardi di tutta la Pubblica Amministrazione. Il resto consiste nel tagliare posti di lavoro, già quantificati in 24mila nelle amministrazioni centrali, lasciare a casa i precari, mettere in mobilità i lavoratori, e da ultimo licenziare. La ministra Fornero lo va dicendo da mesi. Nel privato si licenzia, e nel pubblico bisogna poterlo fare ugualmente, “per non fare discriminazioni” è la sua tesi, condivisa dal Governo. Questo è il concetto “tecnico” di equità.
Aggiunge poi Monti: “Mettersi in discussione è alla base di ogni sana evoluzione demografica: tutti devono mettersi in discussione. Lavoriamo tutti per uno stesso obiettivo''.
Ecco vorremmo tanto sapere qual è questo obiettivo in vista di una “sana evoluzione”, che noi consideriamo più socio-economica che demografica.
Troppo facile dire a parole “vogliamo una scuola più efficiente, più moderna, che sappia rispondere alla sfida del presente”. Il mondo della scuola, per condividere gli obiettivi di cambiamento, vuole sapere in che direzione va il cambiamento.
Serve una visione chiara e chiaramente comunicata di quale scuola vogliamo nel futuro, come intendiamo investire se la riteniamo una priorità, e quale ruolo assegnare agli insegnanti come artefici del cambiamento.
La scuola digitale è una bandierina per le allodole. Le tecnologie IC sono un mezzo di rinnovamento, non sono lo scopo. La scuola non si rinnova con computer e LIM inseriti in ambienti inadeguati, non solo dal punto di vista della sicurezza, ma privi di ogni minimo confort: dagli spazi agli arredamenti, sedie e servizi igienici compresi.
Serve anche spiegare quale rinnovamento ci si può attendere da un corpo docente oltre la cinquantina, in gran parte prossimo alla sessantina, a cui sono state cambiate di punto in bianco le regole per l’accesso alla pensione (mentre i diritti acquisiti dei veri privilegiati non si toccano!).
Il governo Monti ha eseguito così bene i suoi compiti verso l’Europa che adesso abbiamo l’età pensionabile più alta d’Europa! Fra qualche anno avremo docenti di 65-66-67 anni in prima elementare, o prima media, o prima di un istituto professionale, con 25-30 alunni per classe, altissime percentuali di stranieri, alunni con handicap, alunni con Dsa.
Niente turnover. I precari invecchiano anche loro prima dell’immissione in ruolo. Neppure il recente concorso per 11.500 nuovi docenti porterà a un accenno di ricambio generazionale.
Come fa un docente di 50-60 “immigrato digitale”, pur con tutta la buona volontà di aggiornarsi in proprio (la formazione in servizio è l’ultima ruota di un carro sgangherato) a stare al passo con i tempi di fronte ad una generazione di “nativi digitali”?
Monti ci dica finalmente e con onestà intellettuale il vero obiettivo del suo Governo per la scuola, senza giri di parole, senza espedienti retorici per confondere gli italiani, e soprattutto smettendola di colpevolizzare una categoria che in questi anni ha mandato avanti comunque, con buona volontà e impegno, un sistema di istruzione ormai sull’orlo della distruzione, grazie all’opera dei politici e tecnici che abbiamo avuto.
Anna Maria Bellesia

Riforma delle Pensioni a Ballarò del 4/12/12

Riforma delle pensioni, esodati, redditest dal minuto 17:30 inizia il servizio. Guarda a schermo intero