Umiliato su Facebook e a Scuola, quindicenne si suicida

Omofobiabullismo o ignoranza. E' un mix di fattori quello che ha spinto ieri un ragazzo di quindici anni a togliersi la vita impiccandosi con una sciarpa nella sua casa a Roma, dopo l'ennesima battuta da parte dei compagni che lo prendevano in giro perché gay. E perché vestiva di rosa e portava smalto per le unghie.

Battute che, specie in una fase della vita così delicata come l'adolescenza, possono fare più male del previsto, fino a rendere una situazione talmente insopportabile da non trovare altra soluzione che la morte. 
Il movente, in questo caso, sarebbe stato il rimprovero di un'insegnante al "ragazzo dai pantaloni rosa" - appellativo scelto dai suoi compagni di classe per deriderlo - perché portava smalto per le unghie. L'ulteriore umiliazione che ha spinto il ragazzo ieri a compiere quel gesto estremo. 

continua a leggere

Astronomia in Rete, didattica interdisciplinare dell'astronomia


Pubblicazione del MIUR con la raccolta di materiali didattici per l'insegnamento dell'Astronomia



Matdid: Materiale didattico di italiano per stranieri


Scudit, Scuola d'Italiano mette a disposizione di studenti e di insegnanti di italiano L2 MATDID, una serie di materiali didattici (letture, esercizi e test con soluzione, giochi ecc).
Per ogni materiale indichiamo - vicino al titolo - il contenuto e il livello di difficoltà (elementare 1 e 2; intermedio 1, 2 e 3, avanzato).
Tutti i testi possono essere liberamente scaricati, fotocopiati e usati in classe. 

Prestito garantito per gli studenti meritevoli

Ancora presente sul sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri

FINALITÀ DEL FONDO
Il fondo consente ai giovani meritevoli ma privi dei mezzi finanziari
sufficienti di intraprendere un percorso di studi o completare la propria
formazione grazie a un prestito garantito dallo Stato.

AMMONTARE DEL FONDO
Euro 19.000.000,00 (diciannovemilioni/00)
CARATTERISTICHE DEI BENEFICIARI
Soggetti di età compresa tra i 18 e i 40 anni che, alternativamente, devono:

a) risultare iscritti ai seguenti corsi:
  • corso di laurea triennale ovvero specialistica a ciclo unico, in regola con il pagamento delle tasse universitarie e in possesso del diploma di scuola superiore con un voto pari almeno a 75/100;
  • corso di laurea magistrale, in regola con il pagamento delle tasse universitarie e in possesso del diploma di laurea triennale con una votazione pari almeno a 100/110;
  • master universitario di primo o di secondo livello, in regola con il pagamento delle tasse universitarie ed in possesso del diploma di laurea, rispettivamente triennale o specialistica, con una votazione pari almeno a 100/110;
  • corso di specializzazione successivo al conseguimento della laurea magistrale a ciclo unico di medicina e chirurgia con voto pari almeno a 100/110 e in regola con il pagamento delle tasse universitarie;
  • € dottorato di ricerca all¹estero che, ai fini del riconoscimento in Italia, deve avere una durata legale triennale;
b) risultare iscritti ad un corso di lingue di durata non inferiore a sei mesi, riconosciuto da un ³Ente Certificatore²;
CARATTERISTICHE DEI FINANZIAMENTI
  • i finanziamenti si riferiscono ai corsi e ai master precedentemente indicati;
  • Le rate del finanziamento successive alla prima vengono erogate previa presentazione al finanziatore dell¹attestazione dell¹iscrizione all¹annualità successiva del corso di studi e del superamento di almeno la metà degli esami previsti dal piano di studi;
  • I finanziamenti sono cumulabili tra loro fino a un ammontare massimo di 25.000 euro ed erogati in rate annuali di importo non inferiore a 3.000 euro e non superiore a 5.000 euro);
  • la restituzione dei finanziamenti è da effettuarsi in un periodo compreso tra i tre e i quindici anni;
  • il piano di ammortamento del finanziamento non può comunque iniziare prima del trentesimo mese successivo all¹erogazione dell¹ultima rata del finanziamento.
CARATTERISTICHE DEI FINANZIATORI
  • banche;
  • intermediari finanziari.
Per avere informazioni su come accedere ai fondi e scaricare i moduli visita IL SITO DEDICATO 
Puoi anche consultare il decreto integrale: SCARICA IL DECRETO

Maturità: Guida al tema perfetto


La madre di tutte le prove, guida al tema “perfetto”
Scrivere un buon tema è possibile, basta non fare errori
di GIUSEPPE TESORIO

Mobbing nella Pubblica Amministrazione: la tutela delle condizioni di lavoro del dipendente pubblico

Proprio per fornire una risposta unitaria al fenomeno del mobbing, il Dipartimento della Funzione pubblica ha emanato la direttiva 24 marzo 2004, con lo scopo di «sostenere la capacità delle amministrazioni di attivarsi, oltre che per raggiungere obiettivi di efficacia e di produttività, anche per realizzare e mantenere il benessere fisico e psicologico delle persone, attraverso la costruzione di ambienti e relazioni di lavoro che contribuiscano al miglioramento della qualità di vita dei lavoratori e delle prestazioni», creando «specifiche condizioni che possano incidere sul miglioramento del sistema sociale interno delle relazioni interpersonali e, in generale, della cultura organizzativa».
La direttiva sintetizza due diverse esigenze: il benessere dei lavoratori e il benessere dell'ente, considerando la prima come un presupposto fondamentale della seconda: «per lo sviluppo e l'efficienza delle amministrazioni», infatti, «le condizioni emotive dell'ambiente in cui si lavora, la sussistenza di un clima organizzativo che stimoli la creatività e l'apprendimento, l'ergonomia – oltre che la sicurezza - degli ambienti di lavoro» sono «elementi di fondamentale importanza ai fini dello sviluppo dell'efficienza delle amministrazioni pubbliche».

L'attenzione della direttiva non si limita al solo rapporto gerarchico, ma si sofferma su una serie di aspetti collaterali del rapporto di lavoro, presi in considerazione proprio in funzione della qualità della vita nel contesto lavorativo. La direttiva si propone, dunque, di intervenire per assicurare un'ottimizzazione delle risorse umane, creando le condizioni per nuove e forti motivazioni, intervenendo non sul consueto (ma assai apprezzato) aspetto economico, quanto sul miglioramento dell'ambiente di lavoro e sull'aumento della produttività. In tal senso, il Dipartimento della Funzione pubblica ha realizzato il manuale operativo denominato "Benessere organizzativo. Per migliorare la qualità del lavoro nelle amministrazioni pubbliche", il quale dovrebbe, nelle sue intenzioni, costituire la base di lavoro per rendere concreta la riforma perseguita.
Vista la prevalente natura intellettuale del lavoro svolto nella Pubblica Amministrazione, la direttiva vuole coinvolgere i singoli dipendenti in una prospettiva di partecipazione attiva agli obiettivi. In questo senso, vengono in rilievo alcuni aspetti quali le condizioni dell'ambiente di lavoro, la chiarezza degli obiettivi organizzativi, la coerenza tra gli stessi e le pratiche organizzative, l'innovazione tecnologica e culturale, la gestione di situazioni conflittuali manifeste o implicite, la scorrevolezza operativa, le azioni per prevenire gli infortuni e i rischi professionali.

Continua a leggere l'articolo su pubblicaamministrazione.net

Cobas scuola: materiale contro le prove Invalsi


Volantini, Materiali E Documenti Anti Invalsi


Sciopero 24 novembre 2012: la FLC CGIL lo conferma


La FLC CGIL dopo l'incontro di oggi a Palazzo Chigi, convocato sugli scatti di anzianità del personale della scuola, esprime un giudizio fortemente critico rispetto a quanto prospettato dal Governo econferma lo sciopero e la manifestazione del 24 novembre 2012.
Il ripristino degli scatti di anzianità per l'anno 2011 ha bisogno di una copertura finanziaria 480 milioni di euro, ma il MEF a fronte dei tagli epocali, 8 miliardi in tre anni, ha certificato una miseria di risparmi: 86 milioni.
È necessario quindi tagliare di un terzo, pari a 384 milioni di euro, il fondo di scuola per pagare gli scatti. Questo sarà scritto nell'atto di indirizzo per l'avvio di una apposita sessione negoziale.
Non è una soluzione, ma il gioco delle tre carte. L'onere del pagamento si scarica sui lavoratori che dovranno rinunciare a una parte del salario accessorio, quello finalizzato al miglioramento dell'offerta formativa cioè il valore aggiunto alla didattica.
Gli scatti verranno pagati dagli stessi lavoratori ma anche dagli studenti che avranno meno offerta formativa. L'autonomia scolastica e il patto sociale con le famiglie ne escono calpestati.
Per coloro poi che dovrebbero percepire lo scatto negli anni successivi, c'è una sola soluzione: taglio ulteriore del fondo di scuola. In due anni quindi le risorse disponibili per il miglioramento dell'offerta formativa si ridurranno a meno di un terzo di quelle attuali.
Secondo il Ministro Grilli, novello Marchionne, questo "impegno" del Governo dovrà essere compensato da un aumento della produttività del personale docente e ATA: vale a dire lavorare di più a parità di salario.
Il Governo tace invece su precariato e piano di stabilizzazioni docenti e ATA, tagli agli organici, finanziamenti alla scuola pubblica, docenti inidonei e rinnovo del contratto bloccato da oltre tre anni.
Per queste ragioni la FLC CGIL conferma lo sciopero e la manifestazione a Roma in Piazza Farnese il 24 novembre e chiede ai lavoratori e alle lavoratrici, agli studenti e ai cittadini di aderire in massa per difendere la scuola pubblica e la dignità del lavoro.

Domenico Pantaleo

CISL: Su orario e scatti obiettivi raggiunti. Sospesi sciopero e manifestazione

Cancellate le norme sull'orario, si va alla trattativa sugli scatti con l'impegno di una rapida e positiva conclusione. Sospese le iniziative previste per il 24 novembre.
Le segreterie generali di Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda Fgu hanno rilasciato, subito dopo l'incontro a Palazzo Chigi, il seguente comunicato:
"Le iniziative di mobilitazione messe in atto nei giorni scorsi, sostenute dalla forte partecipazione dei lavoratori della scuola che in tanti modi stanno manifestando il disagio crescente per le condizioni in cui sono costretti a operare, hanno prodotto importanti risultati.
Ieri sono state cancellate le norme inserite nel disegno di legge di stabilità che stravolgevano il contratto nazionale modificando gli orari di servizio dei docenti. Oggi, in un incontro a Palazzo Chigi che ha visto la presenza, insieme al sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Antonio Catricalà, dei ministri Profumo (Istruzione), Grilli (Economia) e Patroni Griffi (Funzione Pubblica), il Governo ha comunicato di avere predisposto l’atto di indirizzo sul recupero della validità dell’anno 2011 ai fini delle progressioni di carriera e il relativo pagamento degli scatti per chi li ha maturati.
I sindacati Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda Fgu esprimono soddisfazione per l’esito dell’incontro, che dà finalmente risposta ad una rivendicazione da tempo sostenuta.
A questi due obiettivi (cancellazione delle norme sugli orari, emanazione dell’atto di indirizzo per la trattativa sul recupero degli scatti) era rivolta la mobilitazione: si decide pertanto la sospensione dello sciopero e della manifestazione del 24 novembre. Siamo ora impegnati a concludere il negoziato in modo positivo nel più breve tempo possibile".