Concorso per Dirigenti scolastici da rifare, il consiglio di stato blocca le nomine


Per un bando di concorso che viene attivato, il maxi concorso sulla scuola del ministro Profumo, ce ne è uno che viene addirittura invalidato; il concorso per dirigente scolastico è stato, infatti, annullato a causa di motivi concernenti la correttezza. Sembra che le buste nelle quali fossero contenuti i cartoncini con i nomi fossero tanto leggere da consentire di leggere i nomi dei candidati ed è risaputo che la segretezza e la privacy sono parametri ineludibili nell’ottica della regolarità di un concorso.
L’udienza per discutere di questa decisione è stata stabilita per il 20 novembre di quest’anno, ma fino ad all0ra vale l’ordinanza depositata dai giudici della sesta sezione del Consiglio di Stato la quale recita che “in relazione al merito della controversia, il rispetto del principio dell’anonimato degli elaborati nelle prove concorsuali costituisce garanzia ineludibile di serietà della selezione e dello stesso funzionamento del meccanismo meritocratico, insito nella scelta del concorso quale modalità ordinaria di accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni”.
L’ordinanza poi prosegue asserendo: “nella specie, tale principio non è stato rispettato. Le buste contenenti i nominativi dei candidati hanno natura tale da rendere astrattamente leggibili i nominativi stessi. Tale circostanza risulta dalla verifica diretta delle buste prodotte agli atti del giudizio”. I posti in qualità di dirigente scolastico disponibili nella sola Lombardia erano, anzi sono visto il provvedimento, 355; questo buco amministrativo decretato dai giudici comporta che una scuola lombarda su due sia privata del suo dirigente, per questo motivo verranno designati dei reggenti ad interim.
Ribadisce il concetto il direttore dell’ufficio scolastico regionale, Giuseppe Colosio “quasi tutte le scuole della Lombardia avranno presidi a mezzo servizio”. Il concorso del 18 luglio, invalidato dalla sentenza del Tar Lombardia, aveva rilevato come idonei ben 406 nuovi dirigenti, tuttavia ora quelle nomine sono svanite e trovare i reggenti non è poi così semplice visto che si tratta di presidi di altre scuole che si devono sdoppiare per servire due istituti. Il direttore Colosio ha poi espresso tutto il suo dispiacere per questa vicenda  “c’è rammarico per i 406 idonei e per la scuola della Lombardia che si trova in una turbolenza difficile da sostenere”.
Vista la situazione di emergenza, entro mercoledì sera verranno decretate le nomine dei presidi incaricati, saranno 13 in tutta la Lombardia oltre a 12 vincitori provenienti da Trento. Verrà, inoltre, valutata la disponibilità di tutti i reggenti per far si che ogni scuola possa aprire dal primo settembre. Il direttore, dal canto suo, si augura che questa situazione possa trovare una risoluzione ben prima del 20 novembre e sostiene che la misura presa sia stata eccessiva per una violazione che, in fin dei conti, è sin troppo discrezionale.
 La regione Lombardia ha richiesto, vista la circostanza, un nuovo concorso mediante un comunicato congiunto del Presidente Formigoni e l’assessore all’Istruzione, Formazione e Cultura Valentina Aprea.  “L’ordinanza del Consiglio di Stato – spiegano Formigoni e Aprea – ha l’effetto di annullare il concorso per 355 posti da dirigente e mette in grave difficoltà l’avvio del prossimo anno scolastico: non è sostenibile avere oltre 500 sedi scoperte su 1.227 autonomie scolastiche”.
E’ opinione della Regione Lombardia che sarebbe corretta “l’attivazione di una procedura di urgenza potrebbe contenere i danni e consentire la nomina dei nuovi dirigenti fin dall’inizio del 2013, evitando soluzioni pasticciate e di ripiego e superando i disagi per il sistema scolastico lombardo”.  Per il presidente e l’assessore  la colpa di questo “guaio amministrativo” è da attribuire al sistema ministeriale italiano troppo farraginoso, inoltre è importante secondo loro che chi ha vinto il concorso non si veda privato del proprio sforzo e risultato.
È paradossale – insistono – che il lavoro di razionalizzazione e di efficienza promosso negli ultimi anni daRegione Lombardia con la piena collaborazione degli Enti locali e delle scuole venga penalizzato da una vicenda di questo genere”. Formigoni vorrebbe che le Regioni fossero più autonome nella gestione di queste situazioni e che i concorsi dipendano direttamente dall’ente locale, secondo il Presidente questo semplificherebbe l’iter burocratico troppo vecchio e quasi mai trasparente nella gestione delle nomine. L’obiettivo finale della requisitoria di Formigoni è il rilancio della “legge regionale n. 7 del 2012 per un reclutamento diretto da parte delle istituzioni scolastiche autonome”.

30 AGOSTO 2012

Garante della privacy, le slides che riguardano le regole nella Scuola

Riguardo le nuove regole sulla privacy nelle Scuole il Garante della privacy ha diffuso alcune slides che riassumono i contenuti principali.

Guarda le slides del garante della privacy

Posti, graduatorie, bandi: tutte le date e le cifre per il Concorso scuola 2012


Cresce l’attesa per il concorso a cattedre 2012, che porterà una dote di migliaia di nuove assunzioni nel corpo docenti della scuola italiana. Una ventata di aria fresca attesa per ben 13 anni, dal 1999, quando venne emanato l’ultimo bando, in ordine cronologico, prima dell’era segnata dalle graduatorie moltiplica-precari. Ma quanti saranno esattamente i posti a disposizione nel primo bando e quanti in quelli già annunciati a venire? Quanti insegnanti precari potranno vincerli? Quanto tempo servirà per azzerare le graduatorie?
Innanzitutto, va specificato che i bandi già in programma saranno due: uno, il cui testo verrà pubblicato integralmente in Gazzetta Ufficiale il prossimo 24 settembre, e l’altro, fissato per la primavera 2013: due appuntamenti che decine di migliaia di aspiranti professori non vogliono assolutamente mancare.
Partiamo, dunque, dalla disamina delle cattedre che saranno oggetto dei primi due concorsi, già confermati anche dal Ministero. Per il primo, quello la cui promulgazione è ormai alle porte, i nuovi posti a disposizione saranno 11892, che si insedieranno da settembre 2013. Questi, saranno poi raddoppiati pescando dalle graduatorie, per un totale di 24mila nuovi docenti che saliranno in cattedra tra 12 mesi, nelle scuole di ogni ordine e grado.
A inizio 2013, invece, sarà la volta del concorso a cattedre – parte seconda, un “rimpasto” in confronto alla valanga di nuove assunzioni che saranno messe in palio tra poche settimane. La prossima primavera, infatti, le docenze messe a bando saranno non più di 5mila, meno della metà, dunque, per un totale di 10 mila nuovi assunti, con il “raddoppio” delle graduatorie, che si insedieranno a inizio anno scolastico 2013/ 2014.
Medesimo procedimento, dunque, per i due concorsi, che creeranno, nell’arco di sei mesi, un totale di 34mila nuovi contratti a tempo indeterminato per maestri e professori, senza dimenticare i 21mila – già scelti dalle graduatorie – che già lunedì 17 settembre entreranno in classe con l’inizio del nuovo anno scolastico. Dati alla mano, insomma, si sta avviando un rinnovamento radicale, di cui la scuola, secondo il ministro Profumo, ha tremendamente bisogno, e che dovrebbe continuare negli anni a venire, con la messa in calendario di un bando nuovo di zecca ogni due anni.
Questo meccanismo, ha spiegato di recente Profumo, servirà a smaltire gradualmente le graduatorie di accesso alla professione di insegnante, che in poco più di un decennio hanno accumulato un esercito di163mila precari. Tra le intenzioni del governo, infatti, viene sottolineata a gran voce la promessa di abbandonare definitivamente la logica del graduatorie, per sposare la regolarità dei concorsi, come negli anni del boom.
Purtroppo, però, le richieste da soddisfare saranno talmente tante che molti candidati dovranno armarsi di pazienza e tentare più volte l’agognata assunzione: se 163mila sono i precari che andranno convogliati a tranche entro il sistema scolastico, ancora di più saranno i nuovi entranti che cercheranno di spuntarla coi primi bandi, un numero che potrebbe crescere – e non di poco – se le modalità di accesso non saranno riservate ai soli abilitati.  A questo proposito, infatti, il Codacons ha già alzato le barricate contro il concorso della scuola.
Solo per la prima prova, vengono stimati oltre 200mila candidati: se la previsione sarà confermata, circa uno su venti riuscirà dunque a vincere la cattedra. Per tutti gli altri, bisognerà aspettare il successivo giro di giostra. Va ricordato che i neolaureati di età tra 27 e 35 anni vengono calcolati in oltre 50mila unità, di cui 21mila provenienti dai contestati test del “Tirocinio formativo attivo”. 
Di questo passo, anche le graduatorie, a conti fatti, non spariranno poi tanto in fretta: se 21mila le lasceranno a breve, altri 17mila entreranno in occasione dei primi due concorsi per effetto della ripartizione 50%-50%. Si tratta di 38mila precari, nel complesso, che saranno assunti nell’arco di un anno: ne restano in graduatoria 125mila, secondo i dati del Ministero, che al ritmo di un bando ogni due anni potrebbero essere azzerati nell’arco di un decennio. Insomma, lo stesso arco di tempo in cui si è venuta a creare la lista dei “dannati”, sarà necessario per cancellarla definitivamente.

Tutti i titoli e le classi per diventare docenti


Non solo le materie scientifiche, ma anche quelle umanistiche. Dalle prime indiscrezioni sull’incontro sindacati-governo filtrano alcune anticipazioni che sicuramente daranno speranza a tanti aspiranti professori: oltre alle discipline di calcolo, storicamente a corto di insegnanti, il maxiconcorso scuola 2012 porterà nuovi innesti anche nelle cattedre di Italiano, Filosofia, Latino e Greco.
Dunque, tra gli 11.892 posti messi a bando a partire dal 24 settembre, data in cui è prevista la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, ci sarà posto anche per i laureati in materie letterarie o di cultura classica, che avranno così un’opportunità irrinunciabile di entrare in ruolo nell’universo scolastico. Chance, che, secondo quanto emerge, sarà comunque diluita nell’arco di tre anni per avviare alla professione tutti i vincitori, tesi che scongiura il ricorso a nuove graduatorie. Un arco di tempo nel quale, comunque, dovrebbero tenersi almeno altri due concorsi, secondo la tabella di marcia indicata dal ministro dell’Istruzione Francesco Profumo.
Ma vediamo nello specifico le classi che, secondo le prime informazioni disponibili, dovrebbero essere ammesse a partecipare alla prima prova. Per i posti a disposizione negli istituti di quella che, tecnicamente, è nominata scuola secondaria di secondo grado ma che, secondo il gergo mai invecchiato, identifica tutti gli istituti afferenti alle scuole superiori, trapela che il concorso sarà accessibile per laureati o abilitati nelle seguenti classi: A017, A019, A020, A025, A029, A034, A036, A037, A038, A047, A049, A050, A051, A052, A060, A246, A346, C430.  Per la scuola media, o “scuola secondaria di primo grado”, le uniche discipline in cui sarà aperto il bando saranno invece legate alle classi A028, A030, A033, A043, A059, A245 e A345.
Va specificato che, sempre per la scuola media e superiore, l’accesso alle prove sarà riservato a chi ha ottenuto l’abilitazione all’insegnamento e ai laureati in un titolo di studio del vecchio ordinamento, conseguito non oltre l’anno 2001/2002, per i corsi di studio quadriennali, 2002/2003 per i quinquennali e 2003/2004 per quelli di sei anni. Scuola primaria e per l’infanzia, invece, aprono le porte a tutti gli abilitati, ai laureati i laureati in Scienze della formazione e, sorpresa, anche ai diplomati entro l’anno scolastico 2001/2002, purché abbiano saltato la “chiamata” concorsuale del 1999.
Per Scuola primaria e gli asili, non dovrebbero esserci Regioni escluse dal bando: anche se dovesse emergere una carenza di posti, si vocifera in Ministero, i raggruppamenti saranno al massimo di due territori regionali. Insomma, tutto sembra ormai pronto per il via definitivo al concorso a cattedre: rientrate le voci di un possibile rinvio, con le parole del ministro Profumo in persona, ora iniziano anche a conoscersi i dettagliper l’ammissione: la corsa alla cattedra è davvero partita.