Scienze: il Cervello umano in 3D


Quando le neuroscienze si uniscono all'alta tecnologia per rivelare i segreti del cervello umano possono nascere progetti come brain-map.org, il prodotto di una ricerca dell'Allen Institute for Brain Science (Seattle, stato di Washington, USA) guidato dal professor Michael Hawrylycz.
I ricercatori statunitensi hanno realizzato in pratica il primo atlante completo del nostro organo più importante, nel corso degli studi per la sua creazione sono stati scoperti i geni umani associati a ciascun neurone, in questo modo è stata ottenuta una mappa dettagliata delle funzionionalità delle diverse cellule che compongono il cervello.
I dati messi a disposizione rivelano dalle 400 alle 500 aree cerebrali classificabili per emisfero di appartenenza; esse riuniscono oltre 100 milioni di misure riferite all'espressione genica; nonostante questa moltitudine di componenti, i cervelli di tutti i componenti del genere umano presenterebbero elementi in comune per quasi l'84% della loro morfologia.
Secondo i risultati esposti, le differenze tra un cervello e l'altro diventerebbero più marcate mano a mano che ci si allontana dalla corteccia cerebrale, ma, nonostante la gran mole di dati archiviati, gli scienziati dell'Allen affermano di essere ben lontani dal comprendere anche una minima parte di una macchina complessa come il cervello.

Scarica la mappa del cervello in 3D

WordReference.com per non commettere gli errori di Google translator

Sono famose le cantonate che commette Google translator nelle traduzioni tra le varie lingue.
Uno strumento per le traduzioni molto più efficace è WordReference che oltre ad essere più preciso offre anche tutta una serie di applicazioni relative alle parole ricercate. Da provare

vai a Wordreference

Registro Digitale: proposta dell'Editrice Sanna con demo gratuita

In attesa di lumi dal Ministero, interessante proposta dell'Editrice Sanna riguardante il Registro digitale.

Il Registro Digitale è disponibile in forma dimostrativa (con funzionalità limitate) e in forma standard; un'unico software per tutti i tipi di registri (scuole medie, superiori e, a breve, registro dei verbali di classe).
La versone dimostrativa è pensata per dimostrare in modo pratico che tutto quanto abbiamo fin qui scritto e narrato corrisponde  a verità! Naturalmente la versione dimostrativa non permette l'archiviazione e quindi può essere usata solo per "provare" il registro stesso. La versione dimostrativa può essere scaricata e provata direttamente dal docente dalla pagina dei download.
La versione standard ha tutte le funzionalità abilitate. Inoltre permette di ricevere in tempo reale tutti gli aggiornamenti (miglioramenti, aggiunta di funzionalità) che vengono via via resi disponibili da SANNA Informatica.
L'acquisto della versione standard, essendo strumento ufficiale dell'istituto, deve avvenire su iniziativa dell'istituto stesso. L'istituto interessato acquista presso SANNA Informatica il software che viene fornito con un numero congruo di licenze: una licenza per ogni docente che intende usarlo. Il docente potrà creare un numero illimitato di registri con la propria licenza. Si delinea quindi un costo esiguo riferito al docente, indipendentemente dal numero di registri di cui il docente necessita.
Al primo utilizzo il docente inserirà nel software il numero seriale (licenza) che l'istituto ha acquistato per lui/lei e potrà utilizzare la copia "attivata" in tutta libertà e sicurezza. L'attivazione infatti permette di associare al registro le informazioni dell'istituto e del docente; questo è fondamentale per l'archiviazione del registro a fine anno.

Classifica delle migliori Università del Mondo


E' accessibile sul web la classifica delle Università del mondo pubblicata dall’agenzia Qs World University Rankings. Ha destato stupore il fatto che le prime Università italiane appaiano in questa classifica intorno al 200mo posto: Bologna, prima Università d’Italia si piazza 194ma, Roma Sapienza, la seconda, 216ma, ma comunque in ottima compagnia: Francoforte, Amburgo e Politecnico di Berlino (DE, 202, 205 e 207), Dundee e Reading (Uk, 204 e 215), Madrid (ES, 206), Tel Aviv e Technion di Haifa (IL, 209 e 220), Bloomington (Usa, 210), Sorbona IV e I (FR, 217 e 218).
Viene da chiedersi a cosa servano realmente queste classifiche, in base a quali parametri vengono stilate e, soprattutto, a chi giovano.

Fumo: materiali didattici per le scuole dell'Istituto Superiore di Sanità


Il contenuto di materiali didattici è destinato a Docenti e Studenti di scuole secondarie. Sono presentati concetti attuali, anche complessi, nel campo dei tumori: dai dati epidemiologici alla biologia molecolare del processo di cancerogenesi.
Il formato delle lezioni è in pdf: è possibile ricevere il cd con il PowerPoint interattivo scrivendo a pubblicazioni@iss.it.

MIUR: progetto la “Scuola in chiaro”


Maggiore trasparenza sugli istituti scolastici italiani, più informazioni per le famiglie che stanno per iscrivere i figli a scuola e semplificazione del lavoro delle segreterie scolastiche. Sono i principali obiettivi del nuovo progetto “La scuola in chiaro” che, attraverso il sito del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca(www.miur.it),  fornirà dati continuamente aggiornati su ogni singola scuola e faciliterà la scelta delle famiglie. Con l’inserimento di alcune semplici informazioni potranno procedere all’iscrizione dei propri figli (in scadenza il 20 febbraio prossimo) per l’anno scolastico 2012/2013. Rimane comunque possibile effettuare l’iscrizione nel modo tradizionale recandosi personalmente presso la scuola.
Il nuovo progetto coinvolgerà 11 mila scuole di ogni ordine e grado, dalla primaria alla secondaria di secondo grado, circa 8 milioni di studenti e 2 milioni di famiglie.
“Scuola in chiaro” – dichiara il Ministro Profumo – rappresenta il primo passo verso un’ amministrazione più moderna e trasparente che, attraverso la rete internet, mette a disposizione dei cittadini tutte le informazioni necessarie, per accedere ai servizi e scegliere con consapevolezza dove iscrivere i propri figli. Questo strumento rappresenta anche un’occasione per le istituzioni scolastiche del Paese, che potranno fornire tutti i dati in proprio possesso sull’offerta didattica e la qualità degli istituti, con l’auspicio che il confronto reciproco inneschi meccanismi di miglioramento dell’intero sistema scolastico”.
UNA SCUOLA PIU’ VICINA ALLE FAMIGLIE:
Il progetto
Collegandosi al sito www.miur.it si troverà una sezione dedicata a la “Scuola in chiaro” nella quale verranno diffuse le informazioni necessarie a delineare il profilo di ogni istituzione scolastica: la dimensione dell’istituto, le caratteristiche dell’offerta formativa, le risorse strumentali e professionali, gli studenti e i loro risultati intermedi e finali.
Tutti i dati di riferimento delle scuole vengono presentati attraverso 7 aree:
Home 
in questa sezione vengono presentate le informazioni anagrafiche della scuola con la possibilità da parte delle scuole stesse di inserire anche l’immagine dell’istituto.
Didattica
informazioni sull’attività didattica articolate in: Piano dell’Offerta Formativa, Orario delle lezioni, Indirizzi di studio, Attività progettuale, Orari di ricevimento dei docenti.
Servizi
  • Servizi Web (Certificati Online, Comunicazioni assenze settimanali, Richiesta colloqui MIUR, Pagelle Online);
  • Attrezzature a supporto (Assenza Barriere Architettoniche, Strutture Sportive (Palestra, Calcetto, Piscina), Biblioteche (Classica, informatizzata, Altro), Aule (Concerti, Proiezioni, Aula Magna, Teatro);
  • Attività e Altri servizi (Giornalino Scolastico ed attività connesse, Mensa, ….).
Indicatori alunni
  • Numero degli alunni per anno di corso
  • esiti degli alunni: ammessi alla classe successiva per ogni anno di corso, alunni diplomati, distribuzione delle votazioni d’esame per fasce di voto, numero di studenti che hanno conseguito la lode.
Indicatori sul personale scolastico
  • Numero di docenti della scuola, consistenza del personale amministrativo e tecnico,  età media dei docenti;
  • docenti della scuola per tipologia di contratto (a tempo indeterminato o a tempo determinato);
  • assenze del personale docente, amministrativo;
  • mobilità dei docenti.
Indicatori finanziari
Nell’area è esposto un indicatore desunto dai bilanci trasmessi dalle istituzioni scolastiche al MIUR che indica la composizione % delle entrate dell’istituzione scolastica per fonte di provenienza.
Valutazione 
Sarà possibile consultare l’eventuale documentazione messa a disposizione dalle scuole sulla valutazione degli apprendimenti degli alunni.
LA SCUOLA ON LINE:
I genitori potranno scegliere la scuola che interessa al proprio figlio, cercando tra quelle nella propria città e potendo valutare, inserendo il proprio indirizzo, la più vicina alla propria abitazione o lavoro.
L’iscrizione online si attiva velocemente compilando un format predisposto con le informazioni necessarie sull’alunno. Nel caso in cui la scuola, nell’ambito della propria autonomia, abbia predisposto un modello personalizzato di iscrizione è possibile scaricarlo, compilarlo e inviarlo online, previa scannerizzazione, alla scuola. Rimane ovviamente possibile trasmettere il modello personalizzato anche via fax, a mezzo posta ordinaria o presentarlo direttamente alla scuola.
Ricevuta la domanda, sarà la scuola a inviare successivamente un sms sul cellulare, confermando l’arrivo e l’accettazione o meno dell’iscrizione.
Guarda il Video                                                 Vai a La Scuola in Chiaro

Il Docente diventa direttore d'orchestra (?)

"La scuola deve essere sempre piu' un hub di servizi". Lo ha detto il ministro dell'Istruzione Francesco Profumo intervenendo all'incontro "Istruzione e servizio pubblico" nell'ambito del Prix Italia a Torino. "La scuola - ha sottolineato Profumo - deve fare un po' da hub rispetto ai molti input che arrivano dall'esterno". Per questo, secondo Profumo, "il docente diventa una sorta di direttore d'orchestra".

fonte: AGI.it

World Wonders Project di Google, pacchetti didattici per l'Insegnante

Il World Wonders Project costituisce una preziosa risorsa per studenti e studiosi che hanno ora la possibilità di scoprire in modo virtuale alcuni dei più famosi siti del mondo. Il progetto offre un modo innovativo per insegnare la storia e la geografia a studenti della scuola primaria e secondaria in tutto il mondo.


Imparare le lingue con i testi delle canzoni

E' certamente uno dei modi più piacevoli ed efficaci per imparare le lingue, soprattutto l'aspetto della listening comprehension. Lyrics Training è un sito che, gratuitamente, mette a disposizione video di cantanti e band proponendo, contemporaneamente alla visione, il testo incompleto della canzone. Sarà compito dell'ascoltatore completarlo con i termini sentiti altrimenti il video si blocca. Sono previsti 3 livelli di difficoltà, in base alle parole da inserire, e video in molte lingue: inglese, francese, spagnolo, portoghese, tedesco, olandese, italiano, ecc.. Da provare e consigliare ai propri studenti.

Vai a Lyrics Training

Inglese: imparare i verbi irregolari con il Wheel Game di MacMillian

Gioco utile e divertente, con relativo punteggio, per imparare tutte le forme dei verbi irregolari inglesi. Una sorta di ruota della fortuna che non mancherà di divertire e istruire gli "alunni" di tutte le età.

Gioca a Wheel Game

Insegnare con la LIM: Videocorsi e lezioni online

Elenco di Videocorsi e Attività didattiche con l'uso della LIM proposti da vari siti

Innovascuola
robertosconocchini.it
francescoprocida.it
maestrantonella.it
lauraproperzi.it
bibliolab.it
formazione.faresapere.it
primaria.scuola.com
startandteach.it

Java, serie di video tutorial gratis per imparare ad usarlo


Serie di tutorial sull'uso di Java adatto soprattutto a chi non lo ha mai usato.


Excel, serie di video tutorial gratis per imparare ad usarlo


Serie di tutorial sull'uso di Microsoft Excel adatto soprattutto a chi non lo ha mai usato.


Word, serie di video tutorial gratis per imparare ad usarlo


Serie di tutorial sull'uso di Microsoft Word adatto soprattutto a chi non lo ha mai usato.


Sketchup, serie di video tutorial gratis per imparare ad usarlo


Serie di tutorial sull'uso di Google Sketchup adatto soprattutto a chi non lo ha mai usato.


MySql, serie di video tutorial gratis per imparare ad usarlo


Serie di tutorial sull'uso di MySql adatto soprattutto a chi non lo ha mai usato.


PowerPoint, serie di video tutorial gratis per imparare ad usarlo

Serie di tutorial sull'uso di Microsoft PowerPoint adatto soprattutto a chi non lo ha mai usato. 

Guarda la Playlist su PowerPoint

Access, serie di video tutorial gratis per imparare ad usarlo


Serie di tutorial sull'uso di Microsoft Access adatto soprattutto a chi non lo ha mai usato. 

La realtà sulle pensioni future degli italiani


2037: pensioni in picchiata


"Se dovessimo dare la simulazione della pensione ai parasubordinati rischieremmo un sommovimento sociale”. Nell’ottobre scorso, Antonio Mastrapasqua, presidente Inps, scatenò furibonde polemiche con questa infelice battuta. Amara per i precari, la boutade di Mastrapasqua nascondeva foschi presagi anche per tutte le altre categorie di lavoratori. Tutto ciò risulta evidente dopo che, nei giorni scorsi, il Corriere della Sera ha pubblicato alcuni documenti riguardanti le pensioni future. Le carte, controfirmate dall’Inps nel settembre scorso, non erano però ancora state rese pubbliche.
Stime spaventose
A quanto pare, nessuno se la passerà troppo bene nei prossimi decenni. Da qui al 2037, dipendenti, autonomi e precari vedranno indiscriminatamente calare il tasso di sostituzione della propria pensione (il rapporto tra l’assegno dell’Inps e l’ultima retribuzione). La verità emerge dalle cifre riportate nella verifica tecnico-attuariale contenuta in una quarantina di dossier che stimano –categoria per categoria – l’evoluzione delle pensioni degli italiani negli anni a venire.
Gli assegni pensionistici perderanno consistenza in conseguenza della piena attuazione dei vari disegni di riforma previdenziale che si sono susseguiti nel corso degli ultimi decenni. Il compimento del passaggio da un sistema previdenziale di tipo retributivo a uno di tipo contributivo comporterà pensioni più basse (in alcuni casi anche in maniera sensibile) per tutti.
Dalle stime tracciate nei documenti Inps emerge una sostanziale uniformità per quel che riguarda il modo in cui varieranno le pensioni delle diverse categorie di lavoratori. In generale, da qui al 2014 il tasso di sostituzione crescerà di qualche punto percentuale – per effetto dell’uscita dal lavoro della generazione dei baby boomers, che ha potuto godere di stipendi stabili e cospicui per l’intera durata della vita lavorativa – per poi abbattersi in maniera graduale successivamente.
Categoria per categoria
Oggi come oggi, le pensioni dei lavoratori dipendenti equivalgono – in media – al 52% della retribuzione. Dopo essere saliti al 54% rispetto alla retribuzione nel 2015, gli assegni targati Inps destinati ai dipendenti nel 2037 arriveranno a coprire il 46% dell’ultimo stipendio.
Non andrà meglio agli artigiani: oggi la loro pensione vale, in media, il 50% del reddito annuale (nel 2015, il 53%); nel 2037, invece, l’assegno pensionistico equivarrà al 43% della retribuzione. Numeri simili sono quelli che riguardano i commercianti. Quest’ultima categoria oggi gode di pensioni che, in media, coprono il 46% della retribuzione (valori che saliranno fino al 52% nel 2017), mentre nel 2037 si dovrà accontentare del 44% (ossia, 21mila euro di pensione contro 48mila euro di reddito da lavoro).
Un caso a parte è quello dei precari. Il dossier Inps loro riservato contiene cifre allarmanti: nel 2037, per i lavoratori parasubordinati, la pensione media sarebbe pari al 14% della retribuzione. Si tratta però di un dato che necessita di un’analisi ulteriore: poiché nella gestione dei parasubordinati bastano 5 anni di contributi per maturare una pensione (forzatamente di pochi euro, dunque), stimare l’effettivo ammontare delle pensioni per questa categoria di lavoratori diviene un esercizio ad alto rischio d’errore. In realtà, numerosi centri ricerca – considerando un precario tipo che cambi più volte lavoro con numerosi intervalli di disoccupazione – ipotizzano per l’assegno pensionistico un grado di copertura compreso tra il 36 e il 50-55%.

http://www.ftaonline.com/

Le agevolazioni di cui godono le Pensioni Integrative


Salgono gli iscritti e i rendimenti, i fondi pensione complementari sembrano aver riscosso un certo successo nel 2008, lo testimonia la Covip. Il crescente consenso raccolto da queste forme integrative di previdenza è anche dovuto ad alcuni significativi vantaggi fiscali cui sono soggette. Sottoscrivere una forma di previdenza integrativa, sia essa un fondo pensione di categoria, un fondo pensione aperto o un Piano individuale di previdenza (Pip), permette di beneficiare di alcuni sconti in dichiarazione.
Tassazione più leggera
La pressione fiscale applicata sui rendimenti finanziari dei fondi pensione (e dei Pip) gode di un regime agevolato: questi prodotti sono infatti  tassati all’11% invece della normale aliquota del 12,5% normalmente applicata ai fondi comuni.
Anche il capitale finale accumulato gode di un trattamento favorevole da parte del fisco. La tassazione applicata infatti è del 15% contro il 23% che in media sconta il gruzzolo accantonato con il Trattamento di fine rapporto (Tfr).
Agevolazioni
Ulteriori agevolazioni sono poi previste per quanti aderiscano ad un fondo per oltre 15 anni. L’aliquota fiscale finale per questi lavoratori sarà applicata pari allo 0,30% per ogni anno successivo al sedicesimo fino a un massimo di 35 anni: in questo modo il lavoratore che aderisce per 35 anni si vedrà tassato il montante previdenziale accumulato prima della pensione al 9% anziché il 15% (e il 23% del Tfr). Nello specifico la legge parla di anni di adesione e non di anni di versamenti. Questo vuol dire che se un lavoratore al primo impiego aderisce, per esempio, a un fondo pensione aperto anche con una piccola somma (sono sufficienti 50 o 100 euro) fa partire il tempo di adesione senza per questo essere obbligato a versare il Tfr nel fondo pensione. Il vantaggio, però, è che quando deciderà di passare dal trattamento di fine rapporto a una forma di previdenza integrativa, avrà già accumulato un buon numero di anni utili per scalare l’aliquota fiscale finale del 15%.
Fondi pensione per i figli
Buone notizia per i padri sui 45-55 anni che, una volta terminata l’attività lavorativa, decidano di effettuare dei versamenti annui in un fondo pensione a favore del figlio minore a loro carico. I vantaggi sono molteplici. Da un lato può dedurre dai redditi le somme versate fino a 5.164 euro all’anno. Poi favorisce nel figlio l’apprendimento della problematica previdenziale e, non certo meno importante, assicura al minore un capitale che, in virtù delle rigide norme sui fondi pensione, non potrà essere sperperato: infatti raggiunta la maggiore età, il figlio sarà nelle condizioni di riscattare non più del 30% della somma accumulata per le proprie esigenze (studio, viaggi, acquisto di un’automobile o di un motorino).

Concorso per Dirigenti scolastici da rifare, il consiglio di stato blocca le nomine


Per un bando di concorso che viene attivato, il maxi concorso sulla scuola del ministro Profumo, ce ne è uno che viene addirittura invalidato; il concorso per dirigente scolastico è stato, infatti, annullato a causa di motivi concernenti la correttezza. Sembra che le buste nelle quali fossero contenuti i cartoncini con i nomi fossero tanto leggere da consentire di leggere i nomi dei candidati ed è risaputo che la segretezza e la privacy sono parametri ineludibili nell’ottica della regolarità di un concorso.
L’udienza per discutere di questa decisione è stata stabilita per il 20 novembre di quest’anno, ma fino ad all0ra vale l’ordinanza depositata dai giudici della sesta sezione del Consiglio di Stato la quale recita che “in relazione al merito della controversia, il rispetto del principio dell’anonimato degli elaborati nelle prove concorsuali costituisce garanzia ineludibile di serietà della selezione e dello stesso funzionamento del meccanismo meritocratico, insito nella scelta del concorso quale modalità ordinaria di accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni”.
L’ordinanza poi prosegue asserendo: “nella specie, tale principio non è stato rispettato. Le buste contenenti i nominativi dei candidati hanno natura tale da rendere astrattamente leggibili i nominativi stessi. Tale circostanza risulta dalla verifica diretta delle buste prodotte agli atti del giudizio”. I posti in qualità di dirigente scolastico disponibili nella sola Lombardia erano, anzi sono visto il provvedimento, 355; questo buco amministrativo decretato dai giudici comporta che una scuola lombarda su due sia privata del suo dirigente, per questo motivo verranno designati dei reggenti ad interim.
Ribadisce il concetto il direttore dell’ufficio scolastico regionale, Giuseppe Colosio “quasi tutte le scuole della Lombardia avranno presidi a mezzo servizio”. Il concorso del 18 luglio, invalidato dalla sentenza del Tar Lombardia, aveva rilevato come idonei ben 406 nuovi dirigenti, tuttavia ora quelle nomine sono svanite e trovare i reggenti non è poi così semplice visto che si tratta di presidi di altre scuole che si devono sdoppiare per servire due istituti. Il direttore Colosio ha poi espresso tutto il suo dispiacere per questa vicenda  “c’è rammarico per i 406 idonei e per la scuola della Lombardia che si trova in una turbolenza difficile da sostenere”.
Vista la situazione di emergenza, entro mercoledì sera verranno decretate le nomine dei presidi incaricati, saranno 13 in tutta la Lombardia oltre a 12 vincitori provenienti da Trento. Verrà, inoltre, valutata la disponibilità di tutti i reggenti per far si che ogni scuola possa aprire dal primo settembre. Il direttore, dal canto suo, si augura che questa situazione possa trovare una risoluzione ben prima del 20 novembre e sostiene che la misura presa sia stata eccessiva per una violazione che, in fin dei conti, è sin troppo discrezionale.
 La regione Lombardia ha richiesto, vista la circostanza, un nuovo concorso mediante un comunicato congiunto del Presidente Formigoni e l’assessore all’Istruzione, Formazione e Cultura Valentina Aprea.  “L’ordinanza del Consiglio di Stato – spiegano Formigoni e Aprea – ha l’effetto di annullare il concorso per 355 posti da dirigente e mette in grave difficoltà l’avvio del prossimo anno scolastico: non è sostenibile avere oltre 500 sedi scoperte su 1.227 autonomie scolastiche”.
E’ opinione della Regione Lombardia che sarebbe corretta “l’attivazione di una procedura di urgenza potrebbe contenere i danni e consentire la nomina dei nuovi dirigenti fin dall’inizio del 2013, evitando soluzioni pasticciate e di ripiego e superando i disagi per il sistema scolastico lombardo”.  Per il presidente e l’assessore  la colpa di questo “guaio amministrativo” è da attribuire al sistema ministeriale italiano troppo farraginoso, inoltre è importante secondo loro che chi ha vinto il concorso non si veda privato del proprio sforzo e risultato.
È paradossale – insistono – che il lavoro di razionalizzazione e di efficienza promosso negli ultimi anni daRegione Lombardia con la piena collaborazione degli Enti locali e delle scuole venga penalizzato da una vicenda di questo genere”. Formigoni vorrebbe che le Regioni fossero più autonome nella gestione di queste situazioni e che i concorsi dipendano direttamente dall’ente locale, secondo il Presidente questo semplificherebbe l’iter burocratico troppo vecchio e quasi mai trasparente nella gestione delle nomine. L’obiettivo finale della requisitoria di Formigoni è il rilancio della “legge regionale n. 7 del 2012 per un reclutamento diretto da parte delle istituzioni scolastiche autonome”.

30 AGOSTO 2012

Garante della privacy, le slides che riguardano le regole nella Scuola

Riguardo le nuove regole sulla privacy nelle Scuole il Garante della privacy ha diffuso alcune slides che riassumono i contenuti principali.

Guarda le slides del garante della privacy

Posti, graduatorie, bandi: tutte le date e le cifre per il Concorso scuola 2012


Cresce l’attesa per il concorso a cattedre 2012, che porterà una dote di migliaia di nuove assunzioni nel corpo docenti della scuola italiana. Una ventata di aria fresca attesa per ben 13 anni, dal 1999, quando venne emanato l’ultimo bando, in ordine cronologico, prima dell’era segnata dalle graduatorie moltiplica-precari. Ma quanti saranno esattamente i posti a disposizione nel primo bando e quanti in quelli già annunciati a venire? Quanti insegnanti precari potranno vincerli? Quanto tempo servirà per azzerare le graduatorie?
Innanzitutto, va specificato che i bandi già in programma saranno due: uno, il cui testo verrà pubblicato integralmente in Gazzetta Ufficiale il prossimo 24 settembre, e l’altro, fissato per la primavera 2013: due appuntamenti che decine di migliaia di aspiranti professori non vogliono assolutamente mancare.
Partiamo, dunque, dalla disamina delle cattedre che saranno oggetto dei primi due concorsi, già confermati anche dal Ministero. Per il primo, quello la cui promulgazione è ormai alle porte, i nuovi posti a disposizione saranno 11892, che si insedieranno da settembre 2013. Questi, saranno poi raddoppiati pescando dalle graduatorie, per un totale di 24mila nuovi docenti che saliranno in cattedra tra 12 mesi, nelle scuole di ogni ordine e grado.
A inizio 2013, invece, sarà la volta del concorso a cattedre – parte seconda, un “rimpasto” in confronto alla valanga di nuove assunzioni che saranno messe in palio tra poche settimane. La prossima primavera, infatti, le docenze messe a bando saranno non più di 5mila, meno della metà, dunque, per un totale di 10 mila nuovi assunti, con il “raddoppio” delle graduatorie, che si insedieranno a inizio anno scolastico 2013/ 2014.
Medesimo procedimento, dunque, per i due concorsi, che creeranno, nell’arco di sei mesi, un totale di 34mila nuovi contratti a tempo indeterminato per maestri e professori, senza dimenticare i 21mila – già scelti dalle graduatorie – che già lunedì 17 settembre entreranno in classe con l’inizio del nuovo anno scolastico. Dati alla mano, insomma, si sta avviando un rinnovamento radicale, di cui la scuola, secondo il ministro Profumo, ha tremendamente bisogno, e che dovrebbe continuare negli anni a venire, con la messa in calendario di un bando nuovo di zecca ogni due anni.
Questo meccanismo, ha spiegato di recente Profumo, servirà a smaltire gradualmente le graduatorie di accesso alla professione di insegnante, che in poco più di un decennio hanno accumulato un esercito di163mila precari. Tra le intenzioni del governo, infatti, viene sottolineata a gran voce la promessa di abbandonare definitivamente la logica del graduatorie, per sposare la regolarità dei concorsi, come negli anni del boom.
Purtroppo, però, le richieste da soddisfare saranno talmente tante che molti candidati dovranno armarsi di pazienza e tentare più volte l’agognata assunzione: se 163mila sono i precari che andranno convogliati a tranche entro il sistema scolastico, ancora di più saranno i nuovi entranti che cercheranno di spuntarla coi primi bandi, un numero che potrebbe crescere – e non di poco – se le modalità di accesso non saranno riservate ai soli abilitati.  A questo proposito, infatti, il Codacons ha già alzato le barricate contro il concorso della scuola.
Solo per la prima prova, vengono stimati oltre 200mila candidati: se la previsione sarà confermata, circa uno su venti riuscirà dunque a vincere la cattedra. Per tutti gli altri, bisognerà aspettare il successivo giro di giostra. Va ricordato che i neolaureati di età tra 27 e 35 anni vengono calcolati in oltre 50mila unità, di cui 21mila provenienti dai contestati test del “Tirocinio formativo attivo”. 
Di questo passo, anche le graduatorie, a conti fatti, non spariranno poi tanto in fretta: se 21mila le lasceranno a breve, altri 17mila entreranno in occasione dei primi due concorsi per effetto della ripartizione 50%-50%. Si tratta di 38mila precari, nel complesso, che saranno assunti nell’arco di un anno: ne restano in graduatoria 125mila, secondo i dati del Ministero, che al ritmo di un bando ogni due anni potrebbero essere azzerati nell’arco di un decennio. Insomma, lo stesso arco di tempo in cui si è venuta a creare la lista dei “dannati”, sarà necessario per cancellarla definitivamente.

Tutti i titoli e le classi per diventare docenti


Non solo le materie scientifiche, ma anche quelle umanistiche. Dalle prime indiscrezioni sull’incontro sindacati-governo filtrano alcune anticipazioni che sicuramente daranno speranza a tanti aspiranti professori: oltre alle discipline di calcolo, storicamente a corto di insegnanti, il maxiconcorso scuola 2012 porterà nuovi innesti anche nelle cattedre di Italiano, Filosofia, Latino e Greco.
Dunque, tra gli 11.892 posti messi a bando a partire dal 24 settembre, data in cui è prevista la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, ci sarà posto anche per i laureati in materie letterarie o di cultura classica, che avranno così un’opportunità irrinunciabile di entrare in ruolo nell’universo scolastico. Chance, che, secondo quanto emerge, sarà comunque diluita nell’arco di tre anni per avviare alla professione tutti i vincitori, tesi che scongiura il ricorso a nuove graduatorie. Un arco di tempo nel quale, comunque, dovrebbero tenersi almeno altri due concorsi, secondo la tabella di marcia indicata dal ministro dell’Istruzione Francesco Profumo.
Ma vediamo nello specifico le classi che, secondo le prime informazioni disponibili, dovrebbero essere ammesse a partecipare alla prima prova. Per i posti a disposizione negli istituti di quella che, tecnicamente, è nominata scuola secondaria di secondo grado ma che, secondo il gergo mai invecchiato, identifica tutti gli istituti afferenti alle scuole superiori, trapela che il concorso sarà accessibile per laureati o abilitati nelle seguenti classi: A017, A019, A020, A025, A029, A034, A036, A037, A038, A047, A049, A050, A051, A052, A060, A246, A346, C430.  Per la scuola media, o “scuola secondaria di primo grado”, le uniche discipline in cui sarà aperto il bando saranno invece legate alle classi A028, A030, A033, A043, A059, A245 e A345.
Va specificato che, sempre per la scuola media e superiore, l’accesso alle prove sarà riservato a chi ha ottenuto l’abilitazione all’insegnamento e ai laureati in un titolo di studio del vecchio ordinamento, conseguito non oltre l’anno 2001/2002, per i corsi di studio quadriennali, 2002/2003 per i quinquennali e 2003/2004 per quelli di sei anni. Scuola primaria e per l’infanzia, invece, aprono le porte a tutti gli abilitati, ai laureati i laureati in Scienze della formazione e, sorpresa, anche ai diplomati entro l’anno scolastico 2001/2002, purché abbiano saltato la “chiamata” concorsuale del 1999.
Per Scuola primaria e gli asili, non dovrebbero esserci Regioni escluse dal bando: anche se dovesse emergere una carenza di posti, si vocifera in Ministero, i raggruppamenti saranno al massimo di due territori regionali. Insomma, tutto sembra ormai pronto per il via definitivo al concorso a cattedre: rientrate le voci di un possibile rinvio, con le parole del ministro Profumo in persona, ora iniziano anche a conoscersi i dettagliper l’ammissione: la corsa alla cattedra è davvero partita.