Cos'è Erasmus?

Il Programma settoriale Erasmus risponde alle esigenze didattiche e di apprendimento di tutte le persone coinvolte nell’istruzione superiore di tipo formale e nell’istruzione e formazione professionali di terzo livello, nonché degli istituti e delle organizzazioni che sono preposti a questo tipo di istruzione e formazione o lo agevolano nei Paesi partecipanti.

Gli Istituti di istruzione superiore eleggibili interessati a partecipare devono essere in possesso della Carta Universitaria Erasmus (EUC) (leggi il documento), che può essere:


standard e estesa (nel caso in cui si voglia realizzare anche mobilità studenti per tirocini)

estesa (nel caso in cui si voglia realizzare solo mobilità studenti per tirocini)

Obiettivi specifici

•sostenere la realizzazione di uno spazio europeo dell’istruzione superiore

•rafforzare il contributo fornito dall’istruzione superiore e dall’istruzione professionale avanzata al processo di innovazione

Obiettivi operativi

•migliorare la qualità e aumentare il volume della mobilità di studenti e personale docente in tutta Europa, in modo da raggiungere la partecipazione di almeno tre milioni di studenti entro il 2012

•migliorare la qualità ed incrementare la cooperazione multilaterale tra gli istituti di istruzione superiore e tra questi ultimi e le imprese

•accrescere il livello di trasparenza e compatibilità tra le qualifiche dell’istruzione superiore e dell’istruzione professionale avanzata conseguite in Europa

•favorire lo sviluppo di prassi innovative nell'istruzione e nella formazione a livello terziario nonché il loro trasferimento da un Paese partecipante ad altri

•promuovere lo sviluppo, nel campo dell'apprendimento permanente, di contenuti, servizi, soluzioni pedagogiche e prassi innovativi basati sulle TIC (Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione)

Le azioni previste

Azioni decentrate – Procedura AN

(il cui ciclo di vita dei progetti è gestito interamente dall’Agenzia Nazionale LLP):

Mobilità studenti (SMS/SMP)




Azioni centralizzate – Procedura COM

(il cui ciclo di vita dei progetti è gestito interamente dalla Commissione Europea tramite l’Agenzia Esecutiva):




Destinatari

•studenti e persone in formazione che seguono un qualsiasi tipo di istruzione e formazione terziaria

•Istituti di istruzione superiore indicati dagli Stati membri

•personale docente, formatori e altro personale di tali istituti

•associazioni e rappresentanti dei soggetti coinvolti nell’istruzione superiore, comprese le associazioni degli studenti, delle università e degli insegnanti/formatori

•imprese, parti sociali e altri rappresentanti del mondo del lavoro

•organismi pubblici e privati, comprese le organizzazioni senza scopo di lucro e le ONG, responsabili dell’organizzazione e dell’erogazione dell’istruzione e della formazione a livello locale, regionale e nazionale

•centri e istituti di ricerca che si occupano delle tematiche dell’apprendimento permanente

•organismi che forniscono servizi di orientamento, consulenza e informazione relativi a qualsivoglia aspetto dell’apprendimento permanente

Le novità rispetto al Socrates II:

•Tirocini (Student Placement) degli studenti presso imprese, centri di formazione, centri di ricerca ed altre organizzazioni

•Formazione di personale docente e non docente presso Istituti di istruzione superiore e imprese (Staff Training)

•Riduzione del periodo minimo di mobilità docenti a 5 ore di docenza

•Riduzione del periodo massimo di mobilità docenti a 6 settimane

•Gestione degli IP (Intensive Programme) da parte dell’Agenzia Nazionale LLP

•Tre nuove tipologie di Progetti multilaterali:

◦Cooperazione tra università ed imprese

◦Modernizzazione dell’istruzione superiore

◦Campus virtuali

•Partecipazione dei consorzi alla mobilità degli studenti SM - Placement

Infokit Erasmus e Jean Monnet

E' possibile consultare l'Infokit Erasmus e Jean Monnet messo a disposizione dall'Agenzia Esecutiva e riportante tutte le novità per l'Istruzione Superiore.

Sviluppi dell'Istruzione superiore nel sistema italiano:



(Marzo 2007)

Cos'è Comenius?

Il programma settoriale Comenius riguarda tutto l'arco dell'istruzione scolastica, dalla scuola dell'infanzia fino al termine degli studi secondari superiori: risponde alle esigenze didattiche e di apprendimento di tutte le persone, gli istituti e le organizzazioni coinvolte in questo tipo di istruzione.

Obiettivi specifici

- Sviluppare la conoscenza e la comprensione della diversità culturale e linguistica europea e del suo valore

- Aiutare i giovani ad acquisire le competenze di base necessarie per la vita e le competenze necessarie ai fini dello sviluppo personale, dell'occupazione e della cittadinanza europea attiva.

Gli obiettivi operativi del programma sono i seguenti:

•migliorare la qualità e aumentare il volume della mobilità degli scambi di allievi e personale docente nei vari Stati membri

•migliorare la qualità e aumentare il volume dei partenariati tra istituti scolastici di vari Stati membri, in modo da coinvolgere in attività educative congiunte almeno 3 milioni di allievi nel corso della durata del programma

•incoraggiare l'apprendimento delle lingue straniere moderne

•promuovere lo sviluppo, nel campo dell'apprendimento permanente, di contenuti, servizi, soluzioni pedagogiche e prassi innovative basati sulle TIC

•migliorare la qualità e la dimensione europea della formazione degli insegnanti

•migliorare le metodologie pedagogiche e la gestione scolastica.

Le attività previste


rientrano in questa attività gli scambi di alunni e personale della scuola, la mobilità individuale degli alunni, l'assistentato per futuri insegnanti, la possibilità per il personale docente di effettuare tirocini presso istituti scolastici o imprese, la formazione in servizio per il personale docente e le visite preparatorie per mobilità, partenariati, progetti o reti.


Rientrano in questa attività i progetti di cooperazione scolastica bilaterali e multilaterali e i partenariati Comenius Regio.

(azione centralizzata gestita dall'Agenzia Esecutiva)

(azione centralizzata gestita dall'Agenzia Esecutiva)


e altre iniziative volte a promuovere gli obiettivi del programma Comenius


fonte: LLP 


La mobilità nella formazione dei docenti in Europa 2009

Questa ricerca, commissionata dalla Direzione Generale per gli Affari Internazionali del MIUR all’Unità italiana di Eurydice e all’Ufficio Comenius dell’Agenzia LLP offre un’analisi comparativa tra il quadro normativo di riferimento comunitario e le politiche settoriali volte a favorire la mobilità, messe in atto nei paesi europei, con uno sguardo specifico alla situazione italiana.
In particolare, gli aspetti che sono stati esaminati nel quadro normativo dei vari paesi dell’Unione Europea sono quelli relativi al ruolo e all’importanza accordati dalla legislazione alla mobilità transnazionale dei docenti in servizio e in formazione iniziale.
La ricerca si è concentrata anche sulle modalità di svolgimento della formazione all’estero e sul suo riconoscimento. Si è cercato, inoltre, di capire quali siano i principali ostacoli alla mobilità e se i vari Stati membri abbiano messo in atto misure volte al loro superamento.
Infine, nella seconda parte, la ricerca si è concentrata sull’analisi delle opportunità di mobilità offerte ai docenti italiani dal sottoprogramma Comenius, all’interno del Programma Socrates, prima, e del Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), dopo.


L'integrazione scolastica dei bambini immigrati in Europa

Misure per favorire :


– la comunicazione con le famiglie immigrate

– l’insegnamento della lingua d'origine dei bambini immigrati

Guarda la Guida in pdf

Il sistema scolastico Svedese

Guarda l'organizzazione del sistema scolastico in Svezia

Il sistema scolastico Spagnolo

Guarda l'organizzazione del sistema scolastico in Spagna

Il sistema scolastico Tedesco

Guarda l'organizzazione del sistema scolastico in Germania

Il sistema scolastico Francese

Guarda l'organizzazione del sistema scolastico in Francia

Il sistema scolastico Inglese

Guarda l'organizzazione del sistema scolastico in Inghilterra in pdf

L'Obbligo scolastico nei paesi del ’Unione europea

Dai dati dell'Eurybase e della  banca dati Eurydice l'elenco completo dei sistemi educativi europei.

Guarda l'indagine

Come cambiano Scuola e Università

Guarda la Guida alla Riforma sul sito del MIUR

Il percorso per la certificazione delle competenze

Guarda sul sito del MIUR le indicazioni nazionali sulla certificazione delle competenze


Tutte le traccie preferite alla Maturità

Dai primi dati rilevati dal Miur, la traccia preferita dagli studenti che oggi hanno affrontato la prima prova dell’Esame di maturità è stata il saggio breve di ambito socio-economico “La ricerca della felicità”, scelta dal 36,9% dei ragazzi.
Al secondo posto, con il 25,3% tra le preferenze dei maturandi, il tema di ordine generale dedicato a “Scopi e usi della musica nella società contemporanea”. Segue il saggio breve tecnico-scientifico “Siamo soli?”, al terzo posto con il 19%.
Il 9,2% degli studenti ha scelto il saggio breve di ambito artistico-letterario “Piacere e piaceri”. L’analisi del testo della Prefazione de “La ricerca delle radici. Antologia personale” di Primo Levi è stata svolta dal 4,7%.
Il saggio breve storico-politico “Il ruolo dei giovani nella storia e nella politica. Parlano i leader” è stato affrontato dal 4,3% dei ragazzi. Lo 0,6% ha scelto il tema storico sulle foibe.
“Avrei scelto la traccia sui giovani e i leader - ha dichiarato il ministro Mariastella Gelmini - perchè dimostra che la politica, in ogni epoca storica, non può prescindere dal ruolo e dalla forza ideale dei giovani”.

Guarda tutte le prove

fonte: MIUR