La sentenza della Corte di Giustizia Europea sulla discriminazione per la pensione tra uomini e donne

La Corte di Giustizia europea ha emanato, il 13 novembre 2008, una sentenza contro l'Italia sul tema della discriminazione per la pensione di vecchiaia tra uomini e donne.
fonte: http://www.innovazionepa.gov.it/

Premi della Cultura, presentazione domande

Sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana - Serie Concorsi ed Esami dell’11 maggio 2010 n. 37 è stato pubblicato il Bando di concorso per la presentazione delle domande per la concessione dei Premi della Cultura in favore di scrittori, traduttori del libro italiano in lingua straniera, editori, grafici, librai e associazioni culturali.

Guarda la presentazione

Guarda il testo del Bando

Cosa cambia dall'a.s. 2010 - 2011 nelle Superiori?

Guida alla riforma Gelmini della delle Scuole Superiori

Guarda la guida in pdf

Vedi anche il Nuovo impianto organizzativo



Indicazioni Nazionali per i nuovi percorsi liceali

Dal 26 maggio 2010 è disponibile la stesura definitiva delle Indicazioni Nazionali degli obiettivi specifici di apprendimento per i licei. Le indicazioni nazionali sui programmi dei Licei sono calibrate tenendo conto delle strategie suggerite nelle sedi europee ai fini della costruzione della 'società della conoscenza'. Propongono un modello senza inutili tecnicismi e accessibile all'intera comunità scolastica. L'obiettivo è quello di guidare gli allievi a raggiungere uno 'zoccolo di saperi e competenze comuni'. Il Profilo e le Indicazioni costituiscono, dunque, l'intelaiatura sulla quale le istituzioni scolastiche disegnano il proprio Piano dell'offerta formativa, i docenti costruiscono i propri percorsi didattici e gli studenti sono messi in condizione di raggiungere gli obiettivi di apprendimento e di maturare le competenze proprie dell'istruzione liceale e delle sue articolazioni. Per ogni disciplina sono state redatte delle linee generali che comprendono una descrizione delle competenze attese alla fine del percorso; seguono gli obiettivi specifici di apprendimento articolati per nuclei disciplinari relativi a ciascun biennio e al quinto anno. La scelta di evidenziare all'interno delle linee generali di ogni disciplina le competenze attese e di redigere obiettivi specifici di apprendimento in cui fossero uniti tutti gli aspetti che entrano in gioco nell'acquisizione di quelle competenze si colloca in continuità con le Indicazioni per il curricolo del primo ciclo attualmente in vigore.




Eldomegastore.it fa la differenza anche online. Scopri tutte le offerte web!

I debiti dello Stato con le Scuole ripianati con i soldi destinati al "merito"

Finalmente una buona notizia . I soldi destinati al cosiddetto "merito" (1 miliardo), che ancora non si sa bene su cosa si sarebbe basato e che certamente avrebbe escluso la maggioranza dei docenti (non per demerito ma per risparmio) andranno a pagare i debiti che lo stato ha cumulato in questi anni con le scuole.
La quota parte delle minori spese frutto dei tagli agli organici (il 30%, prevedeva il decreto legge 112/2008, la prima manvora del govnero Berlusconi IV), per un importo complessivo, su base triennale, di circa un miliardo di euro, è stata infatti dirottata su un capitolo ad hoc e finalizzata a rifondere alle scuole quanto queste hanno anticipato negli anni, a fronte di mancati trasferimenti da parte dello stato: secondo stime ufficiose, oltre 900 milioni.

La sorpresa della fine dei fondi per la valorizzazione professionale è tutta nella relazione tecnica al comma 14, articolo 8 del decreto legge finanziario, arrivata nei giorni scorsi al senato (si veda Italia Oggi di sabato scorso). Le risorse per il merito -che il ministro dell'istruzione, Mariastella Gelmini, aveva promesso sarebbero andate a rimpinguare le buste paga dei docenti più bravi, già da quest'anno- saranno destinate, recita la manovra, «al ripianamento dei debiti pregressi delle istituzioni scolastiche» ma anche «al finanziamento delle spese per supplenze brevi e di funzionamento, ivi comprese quelle per le attività di cui all'articolo 78, comma 31 della legge n. 388/2000», che sono gli appalti di pulizia assegnati dagli istituti scolastici alle cooperative di Lsu, sulla scorta della previsione della Finanziaria 2001. La relazione tecnica del Ragioniere generale dello stato, Mario Canzio, spiega anche come sia stato possibile questo diverso utilizzo: è vero che il decreto legge 112 destina una quota dei risparmi «all'incremento delle risorse contrattuali stanziate per la valorizzazione e lo sviluppo professionale della carriera del personale docente a decorrere dall'anno 2010», ma la manovra di quest'anno prevede «il blocco della tornata contrattuale relativa al triennio 2010-2012». E precisa che le buste paga dei prossimi due anni non potranno superare il livello complessivo in godimento nel 2010.
 
Continua a leggere l'articolo

Interessante proposta per una manovra economica alternativa

Sul sito di Virgilio economia raccogliamo un'interessante proposta alternativa a quella  "lacrime e sangue" annunciata in questi giorni che eviterebbe una lunga serie di sacrifici, dal blocco delle pensioni e degli stipendi dei dipendenti pubblici, dal taglio per gli enti locali al giro di vite sugli invalidi. Nessuno sottovaluta il fatto che sia necessario trovare vari miliardi per fronteggiare la crisi a vari livelli che stiamo vivendo ma davvero non c'erano alternative sul come farlo?


Un'altra manovra è possibile

Non una generica critica alla manovra del governo, ma una proposta alternativa concreta e circostanziata, una vera e propria contromanovra. E' quella proposta da Sbilanciamoci!, una sigla che raccoglie 47 organizzazioni operanti a vario titolo nell'economia non-profit, dalla Banca Etica al mensile Altreconomia, dal Wwf a Emergency. Una contromanovra che, conti alla mano, potrebbe portare 30 miliardi nelle casse dello Stato, più di quelli previsti con il provvedimento economico del governo.
I tagli vanno fatti, ma non ai servizi pubblici, agli stipendi e alle pensioni. Le entrate vanno aumentate ma non col condono edilizio. Può sembrare velleitario. Eppure la contromanovra di Sbilanciamoci! elenca e quantifica una serie di misure alternative.

I TAGLI

Le proposte vanno in cinque direzioni:

Settori Risparmio

1) riduzione del 20% della spesa militare: 4 miliardi

2) cancellazione dei sussidi alle scuole private: 700 milioni (dal 2012)

3) cancellazione dei finanziamenti al Ponte sullo Stretto e ad altre grandi opere: 1,7 miliardi

4) chiusura dei centri di identificazione ed espulsione (ex Ctp): 240 milioni

5) introduzione del software open source nella Pubblica amministrazione 1 miliardo (dal 2011)

GLI INCASSI
Cinque interventi per fare cassa:

Settori Incasso

1) aumento della tassazione sulle rendite finanziarie dal 12,5% al 23%: 5 miliardi

2) varo di una tassa patrimoniale sui patrimoni superiori ai 500mila euro: 10,5 miliardi

3) aumento della progressività dell'Irpef (aliquote maggiori sugli scaglioni più alti): 1,1 miliardi

4) varo della carbon tax (la tassa sulle attività industriali che producono CO2): 1,3 miliardi (in due anni)

5) vendita all'asta delle frequenze televisive liberate dal digitale terrestre (incasso stimato sulla base della relativa asta in Germania): 4,5 miliardi

Il totale di questi interventi darebbe 30 miliardi e 40 milioni di euro da destinare, secondo la proposta, non solo alla riduzione del debito ma anche al sostegno delle fasce deboli della popolazione più colpite dalla crisi e per incentivare lo sviluppo sostenibile.

LE SPESE

In particolare sul fronte delle uscite, oltre ai 10 miliardi per la riduzione del debito, sono previsti anche:

• 1 miliardo per introdurre la 14a mensilità per le pensioni al di sotto dei 1.000 euro mensili;

• 4 miliardi per il recupero del fiscal drag;

• 4,5 miliardi per potenziare gli ammortizzatori sociali;

• 4 miliardi per sostenere le produzioni e i consumi "green" (fotovoltaico, mobilità sostenibile, efficienza energetica ecc.);

• 1 miliardo per l'innovazione e la ricerca delle imprese;

• 1,5 miliardi per le piccole opere (sicurezza delle scuole, riassetto idrogeologico, miglioramento del sistema idrico ecc.);

• 1 miliardo per gli asili nido;

• 1,3 miliardi per la scuola e l'università,

• 1,5 miliardi per il Fondo per la non autosufficienza;

• 240 milioni per l'integrazione degli immigrati.

Con tutta probabilità queste proposte rimarranno sulla carta. Ma servono a capire che nei momenti di crisi i sacrifici sono indispensabili, ma chi deve farli è come sempre una scelta politica. (A.D.M.)