Il valore reale delle professioni

Corrisponde a ovvietà sostenere che un lavoro ben remunerato è un lavoro che ha più alte probabilità di rendere felici. La realizzazione personale, però, può seguire anche strade alternative a quella del peso della busta paga: qualcuno, guardando alla propria professione, potrebbe ritenere l'impatto sociale del quotidiano faticare più importante dell'aspetto economico. La New Economics Foundation (Nef) ha condotto un'analisi intorno a questo tema, cercando di scoprire quale sia il lavoro che vale di più dal punto di vista dell'utilità sociale.

L'indagine

Più che come tentativo di stilare una vera e propria classifica, la ricerca si è configurata come un paragone tra tre professioni a elevata remunerazione e tre poco pagate. Da una parte, quindi, sono state prese in considerazione le figure professionali dell'addetto alle pulizie di un ospedale, dell'operaio di un centro di recupero di materiali riciclabili e di un operatore d'infanzia; dall'altra, quelle di un banchiere del cuore economico di Londra, di un consulente fiscale e di un dirigente pubblicitario. Elaborando una serie di parametri, i ricercatori hanno stimato, per ognuna delle professioni, quali siano i benefici e i danni portati alla società. Il risultato non darebbe adito a dubbi: secondo gli studiosi inglesi l’addetto di pulizie con un’ora di lavoro crea dieci sterline di profitto per ogni sterlina di salario; mentre per ogni sterlina guadagnata dal banchiere di Londra, la comunità ne perde sette.

I commenti

I risultati della ricerca sono certamente sottoponibili a critiche, ma la Nef, nell'introduzione dello studio, spiega con precisione lo spirito che ha guidato l'indagione: "Abbiamo scelto un nuovo approccio per valutare il reale valore del lavoro. Siamo andati oltre la considerazione di quanto una professione è valutata economicamente e abbiamo verificato quanto chi la esercita contribuisce al benessere della società. I princìpi di valutazione ai quali ci siamo ispirati quantificano il valore sociale, ambientale ed economico del lavoro svolto dalle diverse figure”.

Alla luce di questi criteri mi piacerebbe sapere qual'è il reale valore dell'insegnante secondo la Nef.
Chissa... forse servirebbe a far comprendere a qualcuno che non siamo "spesa improduttiva".


Scuola: il fisco premia i meritevoli

Il fisco incentiva i buoni risultati, ma un po’ meno rispetto agli anni scorsi. Con il 2009 scende infatti il premio per i primi della classe. Chi uscirà dunque dalla maturità con 100 e lode avrà un bonus di 650 euro e non più mille.
A doversi accontentare del magro bottino quest’anno saranno quasi 4mila ragazzi, esentati quantomeno dalle ritenute fiscali. I compagni che hanno conseguito il diploma nel 2008 sono stati decisamente più fortunati: mille euro netti da spendere per viaggi d’istruzione, accesso a biblioteche e musei, ammissione a tirocini formativi ed altro.
A provocare la sensibile riduzione è stata la drastica riduzione del fondo destinato alla valorizzazione delle eccellenze, che passa complessivamente da 5 milioni a 3 milioni e 800 mila euro. Il premio fu istituito nel 2007 dall’allora ministro della Pubblica istruzione, Giuseppe Fioroni, in occasione della riforma degli esami di stato. Ma i primi beneficiari furono gli studenti della maturità 2008.

Come funziona?

Il premio viene assegnato agli studenti che si diplomano con 100 e lode ma anche a coloro che conseguono buoni piazzamenti nelle competizioni nazionali e internazionali, come le olimpiadi (della Matematica, della Fisica o di Informatica), i Certamen o i Kangourou, per citarne alcuni. L’intero budget viene suddiviso in due quote: un terzo va alle competizioni e due terzi ai diplomati con 100 e lode. Questi ultimi, nel 2009, si sono divisi poco meno di 2,5 milioni. L’anno precedente i milioni furono 3,9.

La geografia delle eccellenze

A spopolare in fatto di preparazione scolastica quest’anno sono gli allievi del Sud Italia che si sarebbero aggiudicati il 52% dei premi (2.049 milioni su 3.963). Il record spetta alla Puglia che presenta 617 eccellenze. Al Nord vanno solo 29 assegni su 100 e al Centro 19 su 100. Le somme saranno accreditate alle scuole e toccherà ai presidi stabilire sotto quale forma assegnarle agli studenti.

Fisco

I premi sono esentasse per gli studenti meritevoli, lo sottolinea l’Agenzia delle Entrate. I primi della classe tra i 14 e i 18 anni che ottengano degli incentivi per lo studio non dovranno corrispondere alcuna Irpef. I premi infatti non sono classificabili come borse di studio assimilate a reddito di lavoro dipendente
I benefici economici erogati agli alunni delle scuole superiori non sono dunque soggetti a ritenuta. Gli studenti, quindi, potranno beneficiare dell’intera somma, senza lasciare nulla al fisco.
A precisarlo, l’agenzia delle Entrate che, su invito del ministro Tremonti, ha riesaminato la problematica affrontata nella risoluzione 156/E del 12 giugno, giungendo a una soluzione di segno opposto rispetto a quella fornita nel documento di prassi.
L’impegno scolastico dimostrato da ragazzi particolarmente “eccellenti”, in sintesi, viene premiato, in linea generale, affinché essi continuino, con lo stesso zelo, nel perseguimento di mete sempre più alte rispetto alla loro formazione culturale e professionale: criteri che tengono l’incentivo loro assegnato fuori da ogni tassazione.
Diverso il discorso, ai fini dell’Irpef, per le borse di studio che hanno come scopo la frequenza di corsi di istruzione specifici e fiscalmente assimilabili a reddito di lavoro dipendente.

fonte: FTAOnline News