2 parole su quanto accaduto a Ventotene

Share/Bookmark

2 parole su quanto accaduto a Ventotene che da quel tragico martedì  mi girano nella testa e non riesco ad esprimere. Forse perché sono stato coinvolto maggiormente nell’accaduto per via di mia moglie insegnante nella scuola delle due vittime; forse perché mi sono troppo immedesimato nei panni dei genitori e dei docenti accompagnatori (di cui uno collaboratore di questo blog); forse perché conosco Ventotene da 40 anni e la considero uno degli ultimi paradisi rimasti. Forse perché invecchiando divento più sensibile.

2 parole su Sara e Francesca. C’è una fotografia affissa all’esterno della piccola chiesa di S.Anna nel quartiere di Morena che fa accapponare la pelle. E’ una di quelle foto scattate al termine della cerimonia di Cresima a cui le ragazze avevano partecipato pochi mesi prima. La foto ritrae un gruppo di cresimati con due ragazze in primo piano che si tengono per mano. Le due ragazze sono Sara e Francesca. Un segno? Un presagio? Una profezia? Chissà…. So soltanto che quell’immagine mi rafforza nella convinzione che Sara e Francesca sono due nuovi Angeli nel Cielo. E se così è, come sono certo, mi permetto di chiedere loro, con le parole della preghiera all’Angelo custode che abbiamo imparato da bambini, di “illuminare, custodire, reggere, governare” tutti gli alunni delle scuole italiane, Dio solo sa se ne hanno bisogno.
Ed aiutate anche noi insegnanti ad essere più pazienti, più forti, più bravi e utili alla crescita dei vostri coetanei. Siete diventate angeli durante una gita scolastica, rimanete con noi, ora abbiamo ancor più bisogno di Voi.

2 parole ai genitori di Sara e Francesca. State sopportando il dolore più forte che un essere umano possa provare. Tutti i genitori lo sanno e vi sono vicini, con la mente e con lo spirito, pregando con voi e anche per voi. Sara e Francesca non sono scomparse, si sono trasformate e continueranno ad essere vive, presenti e operose.

2 parole ai compagni presenti a Ventotene. Avete vissuto l’esperienza della morte più crudele che un ragazzo della vostra età possa fare, veder morire un coetaneo improvvisamente e in modo violento. Forse qualcuno di voi era venuto a contatto con la morte con la perdita di una persona cara ma perdere un coetaneo, un amico, è diverso. Non esiste scuola che possa insegnare quello che voi avete appreso in quella gita: il valore e la fragilità della vita. Amatela, rispettatela, la vostra e quella degli altri, accoglietela così come viene pur lottando per migliorarla e vivetela e apprezzatela attimo per attimo. La vita è meravigliosa, fragile e, a volte, anche crudele.
Un pensiero anche a Riccardo e Athena, i ragazzi feriti nell’incidente. Riccardo è già tornato a scuola e ne sono felice; ad Athena mi rivolgo con i più smisurati auguri di pronta guarigione: con pazienza, coraggio, l’aiuto dei tuoi genitori, dei medici e, sono sicuro, di Sara e Francesca, tornerai bella e sana come prima.

2 parole ai docenti accompagnatori. Cari colleghi, sappiamo con quale spirito avete accettato di accompagnare i vostri alunni in quella gita scolastica: con l’unica ricompensa di vederli felici e crescere nella conoscenza. Siete stati privati di ogni soddisfazione e, in aggiunta, siete tornati con un dolore che è poco al di sotto della perdita di un figlio. Coraggio anche a voi. Tutti gli insegnanti vi sono vicini e partecipano alla vostra sofferenza e alla vostra costernazione per non aver potuto, vostro malgrado, portare a termine la missione riconsegnando ai genitori tutti i vostri alunni.

2 parole agli abitanti di Ventotene. Non meritavate quello che è accaduto. Per voi il turismo è tutto, la vostra semplicità ed accoglienza ci hanno sempre lasciato dei bellissimi ricordi. Mi auguro che placate le acque e, soprattutto, messa in sicurezza tutta l’isola, Ventotene possa ritornare quel prezioso luogo dell’anima dove ricaricare il corpo e lo spirito.

2 parole sulle cause dell’accaduto. E’ circolata in questi giorni una piantina dell’isola di Ventotene, redatta da esperti, che mostra le parti di costa considerate pericolose. Praticamente tutta la costa dell’isola lo è tranne, paradossalmente, la baia di Cala Rossano, dove è avvenuto l’incidente. Alla luce dell’attuale situazione come dar loro torto. Cala Rossano è completamente protetta dal lungo molo del porto grande che ha trasformato quel tratto di mare, in pratica, in un lago. Ma non è stato sempre così. Le frettolose e superficiali conclusioni degli esperti non hanno considerato il vissuto antecedente di quel tratto di costa. Il molo è stato eretto nella forma attuale circa 40 anni fa, lo ricordo bene, per consentire un attracco agevole a traghetti più grandi; fino ad allora il porto più utilizzato era ancora quello romano, grande poco più di un campo da tennis e scavato come una piscina nel tufo.
Fino alla creazione e all’allungamento del molo del porto grande Cala Rossano subìva le mareggiate invernali al pari degli altri tratti dell’isola e basta osservare la sua conformazione per capire quale violenta erosione ha subìto nei millenni precedenti. Un’altra caratteristica che balza all’occhio è la diversa consistenza della roccia di Cala Rossano rispetto a quella del porticciolo romano. Mentre quest’ultima, tufacea, è dura e compatta e ha permesso di creare delle profonde cavità utilizzate in origine come rimessaggio delle reti dei pescatori ed ora per bar e negozi, quella di cala Rossano è molto meno consistente e sembra, nella sommità, addirittura terreno di riporto. Forse la baia si è formata proprio perché il mare, trovando una roccia meno resistente, è riuscito ad erodere più in profondità. Ora sembra tutto tranquillo ma i danni passati ancora provocano crolli improvvisi, come nell’incidente che ha travolto le due ragazze, testimoniati anche da grossi massi sulla spiaggia antecedenti.
Anche perché non mancano elementi destabilizzanti diversi dal mare: la pioggia e il vento in primis (non a caso si chiama Ventotene) e non ultimo la presenza di una strada, che corre proprio sulla sommità del costone che fa da corona alla spiaggia, dove passano, raramente, autoveicoli, furgoni e cisterrne. Le vibrazioni provocate da quest’ultimi non aiutano certamente la stabilità delle pareti, rinforzate solo nella parte centrale con una parete di blocchetti di tufo per contenere la strada soprastante. Per finire, la presenza di piccole grotte sotto la parete crollata generate dall’erosione del mare e forse ampliate per usarle come ricovero. Insomma, gli elementi per non considerare quel luogo più che sicuro, visto che soprattutto in estate ospita centinaia di bagnanti, non mancano.
Resta lo sconcerto legato alla caduta proprio in quel preciso momento di quel pezzo di roccia, dopo essere stato per chissà quanto tempo tranquillamente attaccato alla parete. Proprio nell’istante in cui quelle povere ragazze, da ultime, stavano togliendosi le scarpe per andare a bagnarsi i piedi nel mare. Pochi attimi prima e sotto quella frana sarebbero rimaste due classi intere.

Forse Qualcuno aveva assegnato a Sara e Francesca un Compito più grande.

Il valore reale delle professioni

Corrisponde a ovvietà sostenere che un lavoro ben remunerato è un lavoro che ha più alte probabilità di rendere felici. La realizzazione personale, però, può seguire anche strade alternative a quella del peso della busta paga: qualcuno, guardando alla propria professione, potrebbe ritenere l'impatto sociale del quotidiano faticare più importante dell'aspetto economico. La New Economics Foundation (Nef) ha condotto un'analisi intorno a questo tema, cercando di scoprire quale sia il lavoro che vale di più dal punto di vista dell'utilità sociale.

L'indagine

Più che come tentativo di stilare una vera e propria classifica, la ricerca si è configurata come un paragone tra tre professioni a elevata remunerazione e tre poco pagate. Da una parte, quindi, sono state prese in considerazione le figure professionali dell'addetto alle pulizie di un ospedale, dell'operaio di un centro di recupero di materiali riciclabili e di un operatore d'infanzia; dall'altra, quelle di un banchiere del cuore economico di Londra, di un consulente fiscale e di un dirigente pubblicitario. Elaborando una serie di parametri, i ricercatori hanno stimato, per ognuna delle professioni, quali siano i benefici e i danni portati alla società. Il risultato non darebbe adito a dubbi: secondo gli studiosi inglesi l’addetto di pulizie con un’ora di lavoro crea dieci sterline di profitto per ogni sterlina di salario; mentre per ogni sterlina guadagnata dal banchiere di Londra, la comunità ne perde sette.

I commenti

I risultati della ricerca sono certamente sottoponibili a critiche, ma la Nef, nell'introduzione dello studio, spiega con precisione lo spirito che ha guidato l'indagione: "Abbiamo scelto un nuovo approccio per valutare il reale valore del lavoro. Siamo andati oltre la considerazione di quanto una professione è valutata economicamente e abbiamo verificato quanto chi la esercita contribuisce al benessere della società. I princìpi di valutazione ai quali ci siamo ispirati quantificano il valore sociale, ambientale ed economico del lavoro svolto dalle diverse figure”.

Alla luce di questi criteri mi piacerebbe sapere qual'è il reale valore dell'insegnante secondo la Nef.
Chissa... forse servirebbe a far comprendere a qualcuno che non siamo "spesa improduttiva".


Scuola: il fisco premia i meritevoli

Il fisco incentiva i buoni risultati, ma un po’ meno rispetto agli anni scorsi. Con il 2009 scende infatti il premio per i primi della classe. Chi uscirà dunque dalla maturità con 100 e lode avrà un bonus di 650 euro e non più mille.
A doversi accontentare del magro bottino quest’anno saranno quasi 4mila ragazzi, esentati quantomeno dalle ritenute fiscali. I compagni che hanno conseguito il diploma nel 2008 sono stati decisamente più fortunati: mille euro netti da spendere per viaggi d’istruzione, accesso a biblioteche e musei, ammissione a tirocini formativi ed altro.
A provocare la sensibile riduzione è stata la drastica riduzione del fondo destinato alla valorizzazione delle eccellenze, che passa complessivamente da 5 milioni a 3 milioni e 800 mila euro. Il premio fu istituito nel 2007 dall’allora ministro della Pubblica istruzione, Giuseppe Fioroni, in occasione della riforma degli esami di stato. Ma i primi beneficiari furono gli studenti della maturità 2008.

Come funziona?

Il premio viene assegnato agli studenti che si diplomano con 100 e lode ma anche a coloro che conseguono buoni piazzamenti nelle competizioni nazionali e internazionali, come le olimpiadi (della Matematica, della Fisica o di Informatica), i Certamen o i Kangourou, per citarne alcuni. L’intero budget viene suddiviso in due quote: un terzo va alle competizioni e due terzi ai diplomati con 100 e lode. Questi ultimi, nel 2009, si sono divisi poco meno di 2,5 milioni. L’anno precedente i milioni furono 3,9.

La geografia delle eccellenze

A spopolare in fatto di preparazione scolastica quest’anno sono gli allievi del Sud Italia che si sarebbero aggiudicati il 52% dei premi (2.049 milioni su 3.963). Il record spetta alla Puglia che presenta 617 eccellenze. Al Nord vanno solo 29 assegni su 100 e al Centro 19 su 100. Le somme saranno accreditate alle scuole e toccherà ai presidi stabilire sotto quale forma assegnarle agli studenti.

Fisco

I premi sono esentasse per gli studenti meritevoli, lo sottolinea l’Agenzia delle Entrate. I primi della classe tra i 14 e i 18 anni che ottengano degli incentivi per lo studio non dovranno corrispondere alcuna Irpef. I premi infatti non sono classificabili come borse di studio assimilate a reddito di lavoro dipendente
I benefici economici erogati agli alunni delle scuole superiori non sono dunque soggetti a ritenuta. Gli studenti, quindi, potranno beneficiare dell’intera somma, senza lasciare nulla al fisco.
A precisarlo, l’agenzia delle Entrate che, su invito del ministro Tremonti, ha riesaminato la problematica affrontata nella risoluzione 156/E del 12 giugno, giungendo a una soluzione di segno opposto rispetto a quella fornita nel documento di prassi.
L’impegno scolastico dimostrato da ragazzi particolarmente “eccellenti”, in sintesi, viene premiato, in linea generale, affinché essi continuino, con lo stesso zelo, nel perseguimento di mete sempre più alte rispetto alla loro formazione culturale e professionale: criteri che tengono l’incentivo loro assegnato fuori da ogni tassazione.
Diverso il discorso, ai fini dell’Irpef, per le borse di studio che hanno come scopo la frequenza di corsi di istruzione specifici e fiscalmente assimilabili a reddito di lavoro dipendente.

fonte: FTAOnline News


Circolare N°1 del 19 marzo 2010 sulla trasmissione per via telematica dei certificati per malattia

Share/Bookmark
Con la Circolare n. 1 del 19.3.2010, la Funzione Pubblica – Dipartimento per l’Innovazione Tecnologica spiega quali sono gli adempimenti a carico del lavoratore e del medico, e da quando decorre la nuova procedura.

Il 19 marzo 2010 è la stessa data di entrata in vigore del decreto del Ministro della salute, che porta la data 26 febbraio 2010, che ha portato ad attuazione la norma su riportata.
In sintesi: in caso di malattia pertanto, non si dovrà più inviare il certificato medico all’ufficio di servizio.
Nella stessa circolare, che si allega, è illustrata la modalità con cui le pubbliche amministrazioni devono dare attuazione alle nuove disposizioni di cui all’art. 55-septies del d.lgs. 165/2001 sulla trasmissione telematica dei certificati medici attestanti l’assenza per malattia dei dipendenti pubblici.
Per i lavoratori, resta invariato l’obbligo di comunicare all’amministrazione l’assenza per malattia ai fini del controllo fiscale, ma non dovranno più trasmettere il certificato medico entro i 2 giorni lavorativi successivi all’inizio della malattia. Dal 19.3.2010 (data di pubblicazione in G.U. del Decreto Min. Salute 26.2.2010) é iniziato un periodo transitorio di 3 mesi, entro cui valgono sia le vecchie, che le nuove procedure.
Dal 13 giugno 2010 in poi si applicherà solo il sistema di trasmissione telematica.

Guarda la Circolare

Da un punto di vista pratico sembra che (dico sembra perché non è ancora tutto chiaro):
- Se il lavoratore dipendente chiede un permesso per rimanere a casa, per via di una malattia, il sistema nazionale, da oggi in poi, ritiene doveroso o almeno possibile verificare con la visita fiscale, lo stato delle cose (nella scuola si è sempre fatto ndr).
- Dopo i primi 10 giorni di assenza dal lavoro parte la pratica per la verifica della decurtabilita’ dallo stipendio delle assenze
Secondo la nuova circolare inviata dal Ministro Brunetta, sarebbero queste alcune delle novita’ della Medicina del Lavoro.
La disciplina e’ atta a regolamentare i permessi per malattia nelle Pubbliche Amministrazioni, dove la malattia di un giorno, ad esempio, su scala nazionale, non era mai stata verificata con la visita fiscale, come ad esempio il certificato medico non era richiesto nei casi di durata cosi’ breve (nella scuola è sempre stato richiesto ndr).
Per il periodo di malattia che supera i 10 giorni consecutivi, inoltre, dopo la seconda malattia nei 12 mesi, va presentato il certificato medico che attesti lo stato di malattia, rilasciato da una struttura sanitaria pubblica, (uno o plurimo) o da un medico libero professionista convenzionato con il Sistema Sanitario Nazionale (ma non lo è anche il nostro medico di famiglia? ndr).
A livello retributivo, invece, saranno riconosciute nei primi 10 giorni di malattia le prestazioni fondamentali, mentre le agevolazioni e i trattamenti piu’ favorevoli saranno possibili solo nel casi di malattia per infortunio sul posto di lavoro o per attivita’ annesse alla mansione. Niente decurtazione nella tredicesima mensilita’, nella retribuzione individuale di anzianita’, negli assegni ad personam.

In sostanza, speriamo che le cose si chiariscano perché così come sono state pubblicizzate non sono chiare e soprattutto sembrano, quantomeno, inapplicabili. Quello che appare certo è l'ennesimo intento persecutorio nei confronti dei dipendenti della Pubblica Amministrazione mimetizzato dall'intento lodevole dell'eliminazione di milioni di certificati cartacei. Ma per scoraggiare le assenze non era più semplice ed efficace premiare le presenze con un bonus?




La revisione dei coefficienti darà Pensioni sempre più misere

Interessante articolo pubblicato sul sito dei COBAS sugli effetti della revisione dei coefficienti di trasformazione per il calcolo della pensione. L’azione congiunta dei governi che si sono succeduti dal 1992 in avanti, quindi di destra e di sinistra, ha creato una aspettativa pensionistica da fame.

Leggi l'Articolo


Corsi online del Volontariato Internazionale per lo Sviluppo

VISonline è un'iniziativa promossa dal VIS (Volontariato Internazionale per lo Sviluppo) con la finalità di diffondere una cultura della cooperazione e della solidarietà verso il Sud del mondo e di fornire competenza professionale a chi si occupa di tematiche internazionali.


 Organizza dei corsi online nelle seguenti aree:

Area Cooperazione Internazionale
Area Economica
Area Diritti Umani
Area Interculturale

Guarda i Programmi dei Corsi


Africa: quanta sete di insegnanti !

Share/Bookmark
È una delle poche risorse che l’Africa, ricolma di ogni ricchezza naturale, non possiede a sufficienza. Ed è anche quella, probabilmente la sola, che potrebbe innescare con decisione la marcia di uno sviluppo concreto del continente. Questa preziosa quanto rara "merce" che scarseggia a sud del Sahara ha un volto umano: quello degli insegnanti.
I maestri di villaggio, così come i professori impiegati nelle scuole delle grandi capitali, non sono abbastanza. E, se la situazione non cambierà al più presto, l’Africa mancherà clamorosamente uno dei più importanti obiettivi del Millennio: l’istruzione primaria per tutti entro il 2015. L’allarme viene dall’Unesco (l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura), secondo cui, per non perdere la sfida cruciale che si gioca nelle aule scolastiche, l’Africa subsahariana avrebbe bisogno di quasi altrettanti insegnanti – 2,4 milioni – in più di quelli su cui può contare attualmente, che sono 2,8 milioni.
Una situazione che purtroppo da queste parti non è nuova, anche se la sua origine viene collegata, di volta in volta, a fattori diversi: dai piani di aggiustamento strutturale, che dagli anni Ottanta hanno imposto tagli drastici alle spese per la funzione pubblica, alle politiche più recenti – ma non abbastanza innovative – di Banca mondiale e Fondo monetario internazionale, fino al malgoverno (e alla corruzione) dei leader locali, più propensi a investire eventuali proventi delle ricchezze nazionali in armi piuttosto che in maestri.

Oggi, la mannaia che si sta abbattendo sui bilanci destinati all’istruzione di numerosi Paesi africani si chiama crisi economica internazionale. E minaccia di colpire così duro che il numero degli analfabeti, invece che azzerarsi, rischia addirittura di aumentare. Nel 2009, secondo lo staff dell’Unesco che monitora i progressi verso la meta dell’istruzione per tutti, la recessione globale ha provocato una diminuzione delle entrate fiscali in 27 dei Paesi più lontani dal raggiungimento di questo obiettivo, con la conseguenza di vanificare anche i successi ottenuti negli ultimi anni: «C’è il pericolo reale che nazioni che avevano compiuto dei progressi, come Mozambico, Etiopia, Mali, Senegal e Ruanda, ora subiscano nuovi arretramenti».
Perché, tradotti in pratica, budget più bassi per il sistema scolastico significano paghe sempre più inadeguate e condizioni di lavoro estreme per maestri e professori, con classi troppo numerose e un aumento massiccio dell’orario di lavoro, per compensare i tagli di personale. Tagli che avvengono mentre, secondo i calcoli dell’Unesco, per arrivare al 2015 con le cattedre piene Paesi come Repubblica Centrafricana ed Eritrea dovrebbero incrementare il numero di insegnanti rispettivamente del 18,5 e del 16% ogni anno.
Un "divario educativo" che in Ciad tocca il 14%, in Niger il 12,5% e in Burkina Faso il 12%. E mentre in molte parti del continente le famiglie sono costrette a ricorrere a maestri "comunitari" (pagati cinque o sei volte meno di quelli statali), vari governi stanno reagendo all’emergenza reclutando personale a termine e spesso non diplomato, quindi meno costoso. Una strategia che, oltre ad aver suscitato l’ira delle associazioni di categoria – con scioperi di massa dal Gabon al Burkina Faso – è fortemente stigmatizzata da Education International, federazione globale di insegnanti, che in Africa riunisce 116 corporazioni di 51 Paesi. «Il ricorso a personale non professionale mina l’offerta di istruzione di qualità – sottolinea l’organizzazione –. Al contrario, è necessario delineare politiche per la formazione, di base e continua, dei docenti, così da assicurare a ogni bambino una cultura adeguata».
E non solo, se è vero che – come ha riconosciuto la stessa Unesco – «il sistema educativo può giocare un ruolo attivo ed efficace anche nella lotta all’Aids, attraverso l’insegnamento e la presa di coscienza sui comportamenti a rischio». Un elemento tutt’altro che marginale, visto che nell’Africa subsahariana circa il 9% dei bambini sotto i 15 anni sono sieropositivi, o hanno perso i genitori a causa del virus dell’Hiv.
Anche per questo la recessione, lungi dall’essere una buona scusa per abbassare gli standard scolastici, rappresenta una sfida che proprio il settore educativo può aiutare a vincere: «Investire nella scuola rappresenta una risposta strategica alla crisi – sostengono gli esperti di Education International –. Chiediamo ai governi di darci gli strumenti per costruire la società del futuro, basata sulla conoscenza: noi siamo parte della soluzione».

Chiara Zappa

fonte: Avvenire.it

Progetto "Scambi professionali" Docenti tra Italia e Francia

Progetto promosso nell’ambito delle iniziative di cooperazione bilaterale fra Italia e Francia. Termine per la presentazione della disponibilità a partecipare: 11 maggio 2010

Guarda la circolare e il formulario di candidatura

Libri di testo: modalità di adozione e quadro normativo

Share/Bookmark
Modalità di acquisizione e trasmissione telematica dei dati riguardanti le nuove adozioni e le conferme. In linea sul sito del MIUR la nota operativa per l'anno scolastico 2010/2011 con le modalità di adozione e il quadro normativo.

Guarda le modalità

Festival del corto prodotto nelle scuole

Prima edizione sul tema dell’intercultura. Il concorso nazionale è aperto a tutte le classi degli Istituti scolastici di Scuola secondaria di primo e secondo grado


REGOLAMENTO E BANDO DI CONCORSO

Concorso per il Simbolo di Science for Peace

Concorso nazionale promosso dalla Fondazione Umberto Veronesi per l’ideazione del simbolo del progetto Science for Peace. L’iniziativa è rivolta agli studenti delle scuole secondarie di II grado


Guarda il bando e la scheda di partecipazione

La scuola che piace alla Borsa

Gli istituti quotati a Wall Street fanno studiare il 23% degli alunni americani.
Un buon investimento nell'educazione scolastica passa anche dalla Borsa. Per lo meno negli Stati Uniti dove alcuni gruppi specializzati nell'educational sono presenti a Wall Street. Il loro mercato di riferimento continua a crescere. Secondo i dati del Department of Education (DoE) le scuole private quotate in Borsa nel periodo che va dal 2005 al 2009 hanno fornito i loro servizi al 23% della popolazione scolastica americana. "Si tratta di un dato impressionante", spiega uno studio firmato da Todd Young, analista azionario di Morningstar. "E questa tendenza potrebbe continuare". La crisi economica che ha colpito gli Usa, infatti, sta spingendo sempre più famiglie a cercare un'educazione migliore per i propri figli, nella speranza che in futuro possano trovare un buon posto di lavoro.
L'esplosione delle scuole private è confermata anche dal calo degli iscritti in quelle pubbliche. Secondo uno studio della American School and University (un'associazione che raccoglie le società attive nell'educational) nel decennio 1998-2008 le seconde hanno registrato un aumento degli iscritti dell'1,6%. Un dato inferiore anche a quello previsto dal DoE che si attendeva un incremento del 2,6%. "Questo indica che la scuola tradizionale non riesce a mantenere la sua quota di mercato mentre il numero degli alunni potenziali sta crescendo", continua Young. "La colpa è anche delle politiche di iscrizione di questi istituti che spesso sono molto restrittive per mantenere alto il profilo del proprio nome". Il risultato è una crescita della richiesta per le scuole private, che non hanno regole particolari e punteggi minimi per la selezione degli studenti.
Tutto questo non significa che le private quotate non abbiano concorrenza. La più forte è rappresentata dai cosiddetti community college (si tratta di scuole biennali che accettano studenti della comunità locale e sono sovvenzionate da tasse comunali) che stanno aumentando la loro quota di mercato. Secondo uno studio del Department of Higher Education nello stato del Connecticut questo sistema scolastico nel 2008 e nel 2009 ha visto crescere del 7,8% la popolazione delle superiori. Nello stesso periodo, quella universitaria è aumentata dell'1,7%. "La minaccia da parte di queste istituzioni per le private, tuttavia, non è molto seria. I community college, infatti, danno una preparazione di soli due anni, mentre le quotate permettono di completare i diversi cicli di studi", continua lo studio di Young. "Molti community college, inoltre, stanno firmando convenzioni particolari con gli istituti privati per permettere ai propri alunni di continuare a studiare".
Dal punto di vista operativo l'analista consiglia prudenza. "Il settore delle scuole private quotate è destinato a crescere nel lungo termine", dice Young. "Ma, nei prossimi due trimestri, potrebbe esserci una frenata. Se è vero infatti che la crisi economica sta spingendo molte persone senza lavoro sui banchi di scuola, bisogna anche tenere conto che una ripresa della congiuntura provocherà il movimento inverso. A loro vantaggio gioca la scarsità di risorse delle scuole tradizionali e la mancanza di volontà nel cercare nuovi iscritti". Fra i gruppi che operano nel settore, l'analista segnala Apollo. "All'interno del comparto education è in grado di fornire una buona diversificazione", spiega lo studio. "A livello geografico, le sue scuole sono presenti in molti stati americani. Gli istituti che controlla, inoltre, riescono a coprire tutti i livelli della scala educativa statunitense, dalle scuole primarie fino ad arrivare alle università".

fonte:  Mornigstar



Iniziative e Innovazione per una scuola più moderna

Il 2 ottobre 2009 sono state lanciate dal Governo alcune iniziative che io ritengo ancora poco conosciute. Oltre alla ben nota LIM sono state proposte altre iniziative non meno interessanti ed avrei piacere di sapere in quante scuole e in quali forme sono state sviluppate.
 Per una panoramica sulle iniziative proposte rimando al sito della Presidenza del Consiglio

Porta la Sporta: mai più sacchetti di plastica

Diffondere l'utilizzo della borsa riutilizzabile invece dei sacchetti in plastica e monouso. E’ questo l’obiettivo della settimana nazionale “Porta la Sporta” promossa dall’ Associazione dei Comuni Virtuosi, Wwf, Italia Nostra, Fai e Adiconsum che dal 17 al 24 aprile coinvolgera' piu' di 100 comuni italiani.
La campagna è stata lanciata nel marzo 2009 con l'intento di sensibilizzare non solo i consumatori, ma anche i commercianti, aziende, imprese, associazioni e organizzazioni no profit, scuole di ogni grado, enti e istituzioni nazionali e locali a divulgare la cultura del non uso del sacchetto di plastica, come esempio emblematico di uno stile di consumo “usa e getta” non più sostenibile.
Le iniziative di partecipazione alla settimana nazionale “Porta la Sporta”, che promuove l'adozione delle borse riutilizzabili, comprendono azioni di sensibilizzazione e informazione sull'impatto ambientale del sacchetto di plastica.
Portare la sporta può diventare qualcosa di più di una semplice abitudine, può rappresentare il primo atto di consapevolezza ecologica che apre un percorso di atti ulteriori di rispetto verso l'ambiente.
Cosi' come il sacchetto, seppur biodegradabile, è diventato l'icona di uno stile “usa e getta” la borsa deve diventare segno distintivo di quanti non hanno solamente adottato un oggetto ma uno stile di vita di cui essere orgogliosi.


Il Ministero dei Beni Culturali incontra la Scuola

Opuscolo di presentazione dell'iniziativa “Il MiBAC incontra la scuola” pubblicato in occasione dell'ABCD, il Salone Italiano dell’Educazione, la più importante fiera nazionale dedicata alla scuola, che si è tenuta a Genova dall’11 al 13 novembre 2009. Molti spunti didattici e di orientamento che meritano una rivisitazione.

Guarda l'opuscolo (pdf)

Eventi Culturali: Mostre in evidenza regione per regione

Elenco delle Mostre in Italia, nel Mondo, i Festival e i Grandi Eventi organizzati ad oggi per il 2010.

Mostre in Italia

Mostre nel Mondo

Festival

Grandi Eventi


GRATIS NEI MUSEI: Dal 16 al 25 aprile torna la "Settimana della Cultura"


L’evento culturale piu’ atteso dell’anno: la XII Settimana della Cultura.


Il MiBAC (Ministero per i Beni Culturali e Ambientali ) apre gratuitamente, per dieci giorni, tutti i luoghi statali dell’arte: monumenti, musei, aree archeologiche, archivi, biblioteche con dei grandi eventi diffusi su tutto il territorio.
Più di 2.900 appuntamenti per tutti i gusti: mostre, convegni, aperture straordinarie, laboratori didattici, visite guidate e concerti che renderanno ancora più speciale l’esperienza di tutti i visitatori.
Un’occasione imperdibile per avvicinarsi alla più grande ricchezza del nostro Paese: il nostro patrimonio artistico e culturale.

Guarda la Presentazione con le iniziative per Regione

Discriminazioni razziali: da oggi è possibile segnalarle online

Segnalare episodi di discriminazione, razziale o di altro tipo, grazie ad un servizio web gratuito, disponibile in tutte le lingue 24 ore su 24: è una possibilità offerta dal nuovo sito dell'Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali del Dipartimento per le Pari Opportunità, http://www.unar.it./
Il servizio consente a chi è vittima di razzismo o di altro tipo di discriminazione di inviare direttamente la segnalazione, così come avviene già con il numero verde gratuito 800 90 10 10. A denunciare possono essere anche testimoni di episodi di discriminazione.
Tra i compiti del Contact center, anche quello di monitorare costantemente stampa e web mediante un servizio centralizzato di rilevazione e denuncia dei fenomeni discriminatori nei media: questo consente di effettuare una segnalazione di articoli, siti, blog e servizi radiotelevisivi a contenuto discriminatorio.

Vai al sito

Vitalizio: pubblicato il decreto con i criteri e le modalità per la concessione

Pubblicato nella GU n. 81 dell’8 aprile 2010 il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 4 febbraio 2010 sulla determinazione dei criteri e delle modalità per la concessione dei benefici economici previsti dalla legge n. 440/1985 concernente l'istituzione di un assegno vitalizio a favore di cittadini italiani che abbiano illustrato la Patria attraverso meriti acquisiti nei campi delle scienze, delle lettere, delle arti, dell'economia, del lavoro, nel disimpegno di pubblici uffici o di attività svolte a fini sociali, filantropici, umanitari, e che versino in stato di particolare necessità.


I candidati devono:

- essere in possesso della cittadinanza italiana;

- essere in possesso di documentazione che attesti la chiara fama ed i meriti acquisiti a livello nazionale ed internazionale;

- versare in uno stato di particolare necessità;

- non aver subito pronunce di condanne penali irrevocabili con conseguente interdizione dai pubblici uffici.

La concessione dell'assegno straordinario vitalizio è deliberata dal Consiglio dei Ministri e, previa comunicazione al Parlamento, viene attribuita con decreto del Presidente della Repubblica.

Guarda il Testo del decreto